FRATI, MAFIA E DELITTI. IL CONVENTO DEL DIAVOLO

12/lug/2010 17.42.09 Andrej Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

          Associazione Culturale Centrarte Mediterranea e Teatro91

 

                                 Venerdì 16 luglio ore 21,30

                              c/o Giardini della Filarmonica

                                 via Flaminia, 118 Roma

                               

                                              presentano

 

                                 12 Avvocati, 4 Magistrati in

 

                     Frati, Mafia e Delitti. Il convento del Diavolo

 

Tratto da "La Terribile istoria dei frati di Mazzarino" di Giorgio Frasca Polara

e dagli atti del processo di Lucia Nardi, Gennaro Francione, Luigi di Majo

 

                                                             con

 

Luigi di Majo, Antonio Buttazzo, Marina Binda, Filippo Chiricozzi, Giuseppe Chiaravolloti, Giuseppe Rombolà, Eugenio Mele, Ferdinando Abbate, Roberta Palmisano, Chiarenza Millemaggi, Alessandro Lunetta, Paolo De Sanctis Maugelli, Maria Teresa Condoluci, Corrado Sabellico, Lucilla Tamburrino, Fabio Risi;

Regia: Luigi di Majo;

Aiuto regia: Mafalda Guarente Mastrocola

Coordinamento generale: Lucilla Tamburrino;

Pubbliche relazioni: Beatrice Sciarra e Antonella Michieletto

 

       Trasposizione teatrale di un clamoroso processo ad un gruppo di frati che, negli anni 50, a Mazzarino, in Sicilia, si trovarono al centro di un giro di estorsioni, ricatti, suicidi, delitti e stupri.

       La vicenda ha dato origine ad un clamoroso processo, sul finire degli anni '50, che ha diviso l'Italia in colpevolisti e innocentisti, aprendo un aspro dibattito sul problema "Mafia e Religione"

     Non si è trattato solo di gravi episodi isolati che hanno interessato determinati religiosi ma di una più vasta ed estesa mentalità e diffuso costume, ormai secolare,  tendente ad eludere, ostacolare e violare i cardini e i principi dello stato laico e democratico. Ciò spiega in parte le ragioni storiche e culturali  della tolleranza, dell'ambiguità e a volte della connivenza di una parte del clero e del ceto altolocato nei confronti del fenomeno mafioso.

   La vicenda, tragica ma anche grottesca e con alcuni spunti inevitabilmente comici, sarà rappresentata da giudici ed avvocati.

 

Ingresso: euro 13,00/ 15,00

 

Per informazioni

06.32110896

 

http://www.facebook.com/event.php?eid=131887186850543#!/event.php?eid=131887186850543&ref=mf

 

Archivio foto degli atti del processo:

http://archiviofoto.unita.it/index.php?valorernd=2&pagina=8&codset=CRO&pg=3

 

ADRAMELEK THEATER: 

              http://www.antiarte.it/adramelekteatro

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl