Comunicato stampa Is Mascareddas del 29.11.2010_ "L'Altro Volto del Teatro": dal 3 al 5 dicembre al MoMoTi a Monserrato (Ca) la nona edizione del festival internazionale di teatro d'animazione per adulti

29/nov/2010 14.22.32 Is Mascareddas Teatro e Laboratorio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato piÚ di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L'Altro Volto del Teatro_2010_XI ed_immagine_mail.jpg 
 

 

 

Is Mascareddas

Teatro e Laboratorio

 

COMUNICATO STAMPA

 

DAL 3 AL 5 DICEMBRE RITORNA AL MoMoTi A MONSERRATO

 

L’ALTRO VOLTO DEL TEATRO

 

Per la nona edizione del Festival Internazionale di Teatro d’Animazione per adulti

organizzato da Is Mascareddas sette ospiti per un cartellone di dodici spettacoli.

 

Spazio alla nuova scena del teatro visuale italiano

con il Premio Scenario per Ustica Marta CuscunĂ , Gianluca Di Matteo e Paolo Sette.

 

 

Si rialza il sipario al MoMoTi, per la nona edizione de L’Altro Volto del TeatroDal 3 al 5 dicembre a Monserrato (Ca) ritorna nello spazio teatrale di Is Mascareddas (in via 31 marzo 1943 n. 20) lo storico festival di teatro d’animazione per adulti ideato da Tonino Murru e Donatella Pau nel 1997. Dopo aver ospitato negli anni passati maestri indiscussi del settore, come l’inglese Stephen Mottram e l’australiano Richard Bradshaw, l’ungherese Gyula MolnĂĄr e gli italiani Mimmo Cuticchio e Gigio Brunello, i tedeschi Figuren Theater Tubingen e il giapponese Hoichi Okamoto, questa edizione 2010 volge lo sguardo al nuovo scenario del teatro visuale per adulti made in Italy e porta in Sardegna tre dei piĂš interessanti e titolati giovani protagonisti del teatro d’animazione italiano: Marta CuscunĂ  (premio Scenario per Ustica 2009),  Gianluca di Matteo (vincitore nel 2006 del prestigioso Premio Fondazione Benetto Ravasio) e Paolo Sette (Premio Sipario D’Orba 2009).

 

Dodici spettacoli e sette ospiti animano il cartellone de â€œL’Altro volto del Teatro 2010”, rinforzato da due storiche compagnie sarde, i padroni di casa di Is Mascareddas e i marionettisti di Quartu San’Elena Teatro Tages e completato da due interventi fuori dal contesto del puro teatro di figura: esibizioni a cura della narratrice Betti Pau e del danzatore e performer Alessandro Carboni, che si raccordano sul versante del filo conduttore tematico della tre giorni: la leggerezza.

 

Il cartellone del nono L’Altro Volto del Teatro prende il via venerdĂŹ 3 dicembre alle 20.30 nel foyer del MoMoTi con la piĂŠce per tre spettatori alla volta â€œIl volo dell’innocenza”, portata in scena da Agostino Cacciabue e Rita Xaxa di Teatro Tages. Lo spettacolo di micromarionette a filo, che ha il compito di aprire tutte e tre le serate del festival, è scritto a quattro mani da Cacciabue col drammaturgo torinese Gabriele Ferrari, e gioca sull’irresistibile fascino di un “occhiolino magico”, attraverso cui, a turno, ciascun trio di spettatori potrĂ  guardare una sequenza di accattivanti animazioni - come  la danza della bella Marie Maddalenne - riprodotte all’interno di una scatola. 

Alle 21 Ă¨ la volta di Gianluca Di Matteo con il ritmo sincopato de â€œLe guarattelle di Pulcinella” (nell’episodio â€œIl Cane”). Napoletano, classe 1970, formazione nel teatro di strada (con il Living Theatre) e nell’arte delle guarattelle (alla scuola dei maestri pulcinellari Bruno Leone e Salvatore Gatto), Di Matteo irrompe sulla scena de L’Altro Volto del Teatro con la leggerezza tipica del teatro popolare partenopeo, con le sue situazioni divertenti, ironiche, a volte irriverenti, che rispecchiano sentimenti arcaici, collettivi e rituali che accomunano l’umanitĂ  tutta.

Alle 22 l’appuntamento è di nuovo nel foyer del MoMoTi con â€œL’insostenibile leggerezza di Betti”, intermezzo narrativo scritto e portato in scena da Betti Pau. Sulla scorta dei molteplici significati che assumono le parole “Tagli, Taglio e Tagliare”, la narratrice cagliaritana racconta le storie, in parte autobiografiche, legate ad oggetti, stati d’animo e azioni che si compiono nel quotidiano, e ne svela il retroscena simbolico ed esistenziale.

La chiusura della prima serata, alle 22.30, è a cura di Is Mascareddas in scena con “A regime di brezza”. Nella piĂŠce di pupazzi animati a vista diretta dalla regista austriaca Karin Koller, Tonino Murru e Donatella Pau danno vita a uno spettacolo senza parole, in cui Emilio e Norma, due personaggi dai tratti beckettiani, vivono “sospesi sul mondo”, sopra un ponteggio attrezzato di tutto punto. Questa coppia triste e comica, alla continua ricerca delle proprie energie vitali, sperimenta il gioco, il sesso, attraverso piccoli esperimenti di dolore e di piacere, cercando la cognizione di sĂŠ e la testimonianza della propria esistenza. 

                                       

Il programma di sabato 4 dicembre prende il via alle 18.30 nella Biblioteca Yorick di Is Mascareddas, dove è previsto l’incontro - dibattito aperto al pubblico “Dialoghi da Yorick” - esperienze a confronto sul teatro d’animazione per adulti, uno spazio di riflessione con l’intervento degli artisti ospiti del festival.

Il momento clou della serata è l’arrivo  a L’Altro Volto del Teatro della giovanissima Marta CuscunĂ Alle 21 l’artista friulana  propone al pubblico del festival "È bello vivere liberi”, il suo spettacolo di teatro civile (per un’attrice, cinque burattini e un pupazzo), ispirato alla biografia della partigiana Ondina Peteani, con cui ha vinto il Premio Scenario per Ustica 2009. Come suggerisce il suo titolo, â€œĂˆ bello vivere liberi!” ripercorre gli ideali e le speranze di Ondina (Trieste, 1925 - 2003), operaia nei cantieri navali di Molfalcone (la cittĂ  natale dell’interprete) e ricordata oggi come la prima staffetta italiana ad essere stata impegnata nella Resistenza al regime nazi fascista, che a soli 17 anni prende parte alla lotta antifascista nella Venezia Giulia e a 19, nel 1943, finisce deportata ad Auschwitz.

Lo spettacolo di Marta CuscunĂ  è preceduto (alle 20.30) dalla replica de â€œIl volo dell’innocenza” di Teatro Tages e seguito alle 22 da “L’insostenibile leggerezza di Betti”. La serata si conclude con il ritorno sul palco di Gianluca Di Matteo che alle 22.30 presenta un nuovo episodio de “Le guarattelle di Pulcinella”, intitolato “L’Impiccagione”.

 

La tripletta di appuntamenti con L’Altro Volto del Teatro 2010 si conclude domenica 5 dicembre nel segno di Paolo Sette, giovane burattinaio milanese che propone in prima serata (alle 21) il suo fortunato “L’Anatra e la Morte” (ispirato al libro per l’infanzia di Wolf Erlbruch “L’Anatra, la Morte e il Tulipano” e Premio Sipario D’Orba 2009), che delinea un delicato e poetico dialogo d’amicizia e condivisione tra due personaggi agli antipodi, un morbido e forte pennuto e un’ossuta e fragile Morte. Lo spettacolo è ideato, scritto e costruito dallo stesso Paolo Sette, animatore dalla solida formazione (con Gigi Gherzi per la drammaturgia burattinesca, con Natale Panaro per la scultura, con Tonino Murru per l’animazione) e collaboratore stabile dal 2008 della rinomata Compagnia marionettistica Carlo Colla e Figli.

Anche nell’ultima serata il programma di giornata si apre però giĂ  alle 20.30 con il ritorno delle marionette a filo di Teatro Tages e prosegue, dopo “L’Anatra e la Morte”, con i racconti di Betti Pau (alle 22). L’Altro Volto del Teatro 2010 si congeda dal suo pubblico affidandosi alla leggerezza della danza: alle 22.30 il festival si chiude con“Inverse power of wavelengths”, una performance intorno al tema della relazione tra corpo e cittĂ  di e con Alessandro Carboni, coreografo, artista multidisciplinare e ricercatore presso la School of Architecture di Hong Kong, la Central Saint Martin’s University of Art di Londra, la Naba di Milano e il Dipartimento di Architettura di Cagliari, dove coordina il LaDU, laboratorio di densitĂ  e trasformazione urbana.

 

Il costo dell’ingresso ad un’intera serata Ă¨ di 10 euro. L’ingresso a un singolo spettacolo costa 6 euro.

Riduzioni per gli studenti universitari (con tagliando ERSU) a 5 euro (per l’intera serata) e 3 euro per un singolo spettacolo.

 

Per informazioni telefonare allo 070 5839742 o scrivere a ismascareddas@tiscali.it.

 

La nona edizione de “L’Altro Volto del Teatro” è realizzata con sostegno della Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni culturali, Informazione, Spettacolo e Sport, del Comune di Monserrato, Assessorato Cultura, Sport e Spettacolo, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Generale per lo Spettacolo Dal Vivo, della Provincia di Cagliari, Assessorato alla Cultura e dell’ Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario di Cagliari.

 

Con cortese preghiera di pubblicazione e diffusione radio-televisiva

 

Is Mascareddas - Teatro e Laboratorio

via 31 Marzo 1943 n.20

09042 - Monserrato (CA)

Telefono: 0039 (0)70 5839742

0039 (0)70 5779143

Fax: 0039 (0)70 5830137

Posta elettronica: ismascareddas@tiscali.it

Web: www.ismascareddas.it

Ufficio Stampa: Maria Carrozza

340 5656891

mari.carrozza@gmail.com

 

 



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl