Prosegue la tournée de Il tempo di Gustav Mahler

09/feb/2011 11.25.32 Verena A. Merli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
IL TEMPO DI GUSTAV MAHLER biografia recitata da Massimiliano Finazzer Flory con musiche dal vivo e danza Dedicato al grande compositore boemo, del quale ricorrono i 100 anni dalla morte, lo spettacolo "Il tempo di Gustav Mahler" - dopo l'anteprima al 53° Festival dei Due Mondi di Spoleto lo scorso luglio e i recenti successi riscossi a Roma, Bari e Brescia - nelle prossime settimane farà tappa a Bologna, Venezia e Verona. "Il tempo di Gustav Mahler", interpretato e diretto da Massimiliano Finazzer Flory, con la partecipazione del filosofo della musica Quirino Principe, ripercorre la biografia del compositore attraverso il corpus delle lettere e altri scritti soffermandosi sui temi dell'eros, della morte, della religione, della crisi di Vienna e del mondo mitteleuropeo, del rapporto tra la musica e la filosofia del tempo in uno dei periodi più decisivi e complessi della nascente modernità. L'originale antologia prevede la lettura di poesie e lettere dello stesso Mahler accompagnata da suggestioni tratte dalle sinfonie e dai lieder, sulle quali prenderanno forma le coreografie di Gilda Gelati, prima ballerina del Corpo di Ballo del Teatro alla Scala. "Con un'illuminazione profetica Gustav Mahler affermava: Verrà un tempo in cui i viventi si accorgeranno di essere rappresentati, descritti e identificati dalla mia musica e capiranno che essa è in loro da sempre. E questo è il suo tempo" - spiega Massimiliano Finazzer Flory. "In occasione dei 100 anni dalla morte del compositore, lo spettacolo ruota intorno a due figure: un uomo solitario che vaga per l'universo e il bambino abbandonato in attesa del padre, entrambi alla ricerca di una Natura perduta di cui abbiamo bisogno. In scena il volto di Mahler e una duplice voce: la voce di un uomo che ha molto combattuto intimamente e profondamente sofferto senza patria, straniero talora perfino a se stesso, sempre irrequieto e con il timore di lasciare incompiuta la sua opera - e dunque porta in causa il rapporto con le sue origini - ma anche quella di un uomo che attraverso la musica soddisfa la propria libertà interiore". Il tempo di Gustav Mahler di e con Massimiliano Finazzer Flory con la partecipazione di Quirino Principe coreografie di e con Gilda Gelati Durata: 1 ora e 30 minuti senza intervallo Venerdì 18 febbraio 2011, ore 20.00 Teatro San Martino, Bologna Venerdì 25 febbraio 2011, ore 20.30 Teatro Goldoni, Venezia Mercoledì 9 marzo 2011, ore 20.30 Teatro Nuovo, Verona
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl