150° UNITA' D'ITALIA ALLA CASA DEL TEATRO

A partire dal mese di marzo, nell'ambito di ESPERIENZA ITALIA, in concomitanza con l'inizio delle celebrazioni per il 150° dell'Unità d'Italia, la Casa del Teatro Ragazzi e Giovani di Torino ospita 3 spettacoli legati ai festeggiamenti e alla storia della prima Capitale d'Italia.

23/feb/2011 15.09.31 Roberta Todros - Fond. TRG onlus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

A partire dal mese di marzo, nell'ambito di ESPERIENZA ITALIA, in concomitanza con l’inizio delle celebrazioni per il 150° dell’Unità d’Italia, la Casa del Teatro Ragazzi e Giovani di Torino ospita 3 spettacoli legati ai festeggiamenti e alla storia della prima Capitale d’Italia. CARBONARA – Risorgimento a fumetti di ScarlattineTeatro / Luna e Gnac è uno spettacolo in cui gli attori, nel mondo del fumetto, interagiscono con i protagonisti e diventano parte della Storia, raccontando alcuni tra i più importanti episodi del Risorgimento italiano attraverso personaggi come Garibaldi, Cavour, Mazzini, Cattaneo, Pio IX, Vittorio Emanuele II; PAZZA STORIA AL MUSEO! della compagnia La Bonaventura, è un originale spettacolo, ispirato al libro “Attenti al cane” di Guido Quarzo e Sebastiano Ruiz Mignone e nato dalla collaborazione con il Museo del Risorgimento di Torino, che gioca con la Storia, dai Moti Rivoluzionari del 1820-21 fino al 17 marzo 1861 in cui Vittorio Emanuele II diviene primo Re d'Italia, nel pieno rispetto dei fatti e dei personaggi storici che hanno portato all’Unità d’Italia.

Ad aprile infine viene presentato RACCONTO ITALIANO della Fondazione TRG onlus, quarto spettacolo del Progetto Favole Filosofiche, storia poetica e divertente di due fratelli e di un piccolo villaggio isolato in mezzo al mare, per riflettere insieme al pubblico di ragazzi e famiglie sulle ragioni e le difficoltà dello “stare insieme” a 150 anni dall’Unità d’Italia. Unione, Identità e Condivisione sono i temi affrontati dal quarto spettacolo del “PROGETTO FAVOLE FILOSOFICHE” di Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci, una formula dove il teatro è uno strumento per ragionare con i ragazzi e la filosofia un metodo perché la riflessione resti aperta al contributo di tutti.

INFO 

Casa del Teatro Ragazzi e Giovani – Corso Galileo Ferraris 266 - Torino 

Telefono:   011.19740280 

Biglietti:    Posto unico € 7 - Ridotto (Ragazzi fino a 12 anni) € 6

Sito web:   www.casateatroragazzi.it 


 

Venerdì 18, Sabato 19 Marzo ore 21.00

Domenica 20 Marzo ore 16.30

CARBONARA – Risorgimento a fumetti 

ScarlattineTeatro / Luna e Gnac

Con Michele Eynard, Federica Molteni, Virginia Peressin

Drammaturgia: Michele Losi

Disegni: Michele Eynard

Movimento degli attori: Anna Fascendini 

Uno spettacolo in cui gli attori, nel mondo del fumetto, interagiscono con i protagonisti e diventano parte della Storia. Ispirato alla “Storia d’Italia” di Alfredo Chiappori vengono raccontati alcuni tra i più importanti episodi del Risorgimento italiano attraverso personaggi come Giuseppe Garibaldi, Camillo Benso Conte di Cavour, Giuseppe Mazzini, Carlo Cattaneo, Pio IX, Vittorio Emanuele II.

 

Tre cantastorie girano le piazze d’Italia per raccontare vittorie e sconfitte, imprese disperate e atti di eroismo, principi e ideali del Risorgimento italiano. Storie epiche del nostro recente passato raccontate con leggerezza e ironia con l’aiuto di un organetto a rullo, di un carretto siciliano che si trasforma in un palcoscenico, di una tenda che diventa schermo e di una lavagna luminosa travestita da grammofono.

I tre girovaghi ci presentano un cinegiornale ante litteram sulle guerre d’Indipendenza, utilizzando strumenti antichi e ritmo moderno, giocando nel passare dal notiziario piemontese a quello borbonico, per finire su quello austriaco. I differenti punti di vista sulla Storia…

A un certo punto il carretto si trasforma in un palcoscenico, il disegno proiettato sulla tenda comincia a interagire con gli attori, i colori, le canzoni e i suoni conquistano la scena, che diventa episodio, aneddoto, momento storico. Per esprimersi i personaggi usano grammelot dialettali dalle varie regioni d’Italia, a volte incomprensibili tra loro, dando forma ad equivoci, gag, fraintendimenti.

Come movimento e azione gli attori utilizzano la tecnica Lecoquiana e di interazione con il disegno dal vivo (già sperimentata nello spettacolo Manolibera). La musica, azionata da un suonatore d’organetto a rullo, personaggio sempre presente nella letteratura e nell’iconografia del XIX secolo e dell’inizio del XX, è insieme tappeto sonoro ed elemento di poesia per lo spettacolo. 

CARBONARA ha il gusto di quelle storie che i nostri nonni leggevano a scuola e che ancora oggi vorresti venissero raccontate...

Dai 7 anni – Sala Grande

 

 

 

 

Venerdì 18, Sabato 19 Marzo ore 21.00

Domenica 20 Marzo ore 16.30

PAZZA STORIA AL MUSEO! 

La Bonaventura

In collaborazione con Museo del Risorgimento di Torino

Di Giuseppina Francia, Eleonora Mino, Ilenia Speranza, Davide Viano

Liberamente ispirato al libro Attenti al cane di G. Quarzo e S. R. Mignone

(Editrice Piccoli)

Con Eleonora Mino, Ilenia Speranza, Davide Viano

E con la partecipazione di Giuseppina Francia

Per Pazza storia al museo l’Associazione Bonaventura si è ispirata al libro “Attenti al cane” (Editrice Piccoli), scritto a quattro mani dai celebri scrittori torinesi Sebastiano Ruiz Mignone e Guido Quarzo, creando un’originale storia dedicata al 150° anniversario dell’Unità d’Italia. L’intento dello spettacolo è di giocare con la storia del Risorgimento Italiano, nel pieno rispetto dei fatti e dei personaggi storici che hanno portato all’Unità d’Italia.

 

Museo del Risorgimento, sala delle Conferenze.

C’è grande attesa per l’arrivo di un importante storico. Una telefonata annuncia che non verrà: ma il pubblico ormai è già in sala. Che fare? La bigliettaia, il guardia sala e l’addetto alle pulizie cadono nello scompiglio!

Sono anni che lavoriamo qui, la storia la conosciamo. Perché non ci pensiamo noi?

Io sono un po’ come Garibaldi

Io un pensatore...come Cavour!

Io non saprei...

Allora potresti fare Re Tentenna, Carlo Alberto!

I tre buffi personaggi si improvvisano esperti di storia, illustrando i quadri del Museo, e scoprono così di somigliare un po’ agli eroi e alle figure storiche risorgimentali che hanno portato all’Unità d’Italia.

Senza sapere come, il pubblico si troverà catapultato in mezzo a cavalli, cannoni e risate: e capirà che la storia non è così noiosa, e neppure tanto lontana da noi!

Nello spettacolo si affronta la storia del Risorgimento Italiano dai Moti Rivoluzionari del 1820-21 fino al 17 marzo 1861 in cui Vittorio Emanuele II diviene primo Re d'Italia, passando per Giuseppe Mazzini e la Giovine Italia, la Prima Guerra di Indipendenza e la spedizione dei Mille al comando di Giuseppe Garibaldi.

Dai 7 anni – Sala Piccola

 

 

 

 

Venerdì 15, Sabato 16 Aprile ore 21.00

Domenica 17 Aprile ore 16.30

 

RACCONTO ITALIANO

Fondazione TRG onlus

 

Progetto Favole Filosofiche

Di Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci

Con Alessandro Pisci, Claudio Dughera, Elena Campanella

Scene Lucio Diana

Ideazione costumi Monica Di Pasqua

Creazione luci Bruno Pochettino

Due fratelli vivono nella casa di campagna della nonna, lontani dall’unico villaggio di una piccola isola. Imparano presto ad essere autonomi in tutto e a non sentire bisogno dell’aiuto e della compagnia di nessuno, anche dopo la scomparsa della nonna. Il loro legame è molto forte, ma un giorno il fratello lascia il suo capanno per andare incontro a degli uomini venuti dal mare. La sorella lo guarda dalla finestra: i due si fanno dei gesti ma non si capiscono: il fratello parte sulla nave e la sorella rimane sola nella casa. Si incontrano dopo dieci anni, e pur essendo impazienti di ritrovarsi finiscono subito per litigare e per rimproverarsi a vicenda fraintendimenti e cambiamenti. Quello più insopportabile per il fratello è l’amicizia della sorella con un fabbro che in sua assenza le ha tenuto compagnia, aiutandola nei lavori per la casa e facendole conoscere il villaggio. Da allora la sorella è diventata importante per tutti e tutto il villaggio lo è per lei. Ma anche il fabbro non vede di buon occhio il ritorno improvviso del fratello che se ne è andato dieci anni fa con gli uomini del mare. La sorella è presa tra due fuochi - fratello ed amico - perché entrambi pretendono affetto e riconoscenza e, quindi, fedeltà alla causa. Sacrificare l’affetto per il fratello alle ragioni del villaggio o i forti legami stretti in questi anni con la comunità per l’affetto verso il fratello?

Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci sono autori e attori da oltre quindici anni di testi e spettacoli teatrali rivolti alle nuove generazioni. Collaborano stabilmente con la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani onlus di Torino (già Teatro dell’Angolo) partecipando ad alcuni dei più importanti Festival Nazionali ed Internazionali e ricevendo numerosi riconoscimenti.

Da oltre quattro anni curano il Progetto Favole Filosofiche che, attraverso laboratori, spettacoli e pubblicazioni, offre alle scuole e ai ragazzi un’occasione festosa di teatro e filosofia, una formula dove il teatro è uno strumento per ragionare con i ragazzi e la filosofia un metodo perché la riflessione resti aperta al contributo di tutti.

Per approfondimenti visitate il sito www.favolefilosofiche.com

Dai 6 anni – Sala Grande

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl