18 mila giorni il pitone

24/feb/2011 12.28.13 Teatro Moderno Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

PRODUZIONI FUORIVIA e FONDAZIONE TEATRO STABILE TORINO

18 mila giorni

Il pitone

testo originale di Andrea Bajani 

con Giuseppe Battiston e Gianmaria Testa

regia di Alfonso Santagata

assistente alla regia Chiara Senesi

disegno luci di Andrea Violato

elementi scenici di Massimo Violato

musiche originali di Gianmaria Testa

 

18 mila giorni corrispondono a 50 anni.

E’ curioso come la prospettiva e il senso del tempo possano cambiare a seconda del criterio col quale lo si organizzi: gli anni o i giorni.

Il pitone è un animale che prima se ne sta buono e ti prende le misure e poi, quando ha raggiunto la tua stessa lunghezza o la tua stessa forza, ti fa fuori.

Il nostro spettacolo parte da qui: dal tempo e da una metafora.

Protagonista un uomo di 50 anni che perde il lavoro. Un giorno è arrivato uno più giovane, prima una scrivania piccola accanto alla sua nell’ufficio, poi la sua, di scrivania, che viene rimossa. E col lavoro, il protagonista, perde anche tutta la sua vita. Perde il senso delle cose. Se ne sta asserragliato in un appartamento che è diventato una sorta di discarica di cose, ricordi e sentimenti, solo, senza la moglie e il figlio che lo hanno abbandonato.

Riflessioni personali e epocali si intrecciano a sottolineare come in soli 18 mila giorni siano radicalmente mutate le prospettive e le aspettative sociali in Italia. Dalla dignità del lavoro del gruista della “Chiave a stella” di Primo Levi, da un’epoca in cui il lavoro era un diritto e elemento fondante dell’umana dignità, al trionfo dell’odierno precariato, divenuto persino forma più o meno palese di ricatto sociale.

Protagonista Giuseppe Battiston, pluripremiato attore del nostro cinema e del nostro teatro (recentissimo il Premio UBU come miglior attore italiano). Accanto a lui, a fare da contrappunto musicale, il cantautore Gianmaria Testa che comporrà canzoni nuove e inedite apposta per questo spettacolo. Il testo, originale, sarà dello scrittore torinese Andrea Bajani. La regia è di Alfonso Santagata, uno dei più importanti esponenti del teatro italiano contemporaneo, le luci di Andrea Violato.

 

Venerdì 4 marzo 2011 ore 21.00

TEATRO CINEMA MODERNO

Piazza A. Gramsci 4, Agliana (PT)

Tel. 0574 673887 (dalle 10 alle 13) Cell. 3772528546

www.teatrocinemamoderno.it - info@teatrocinemamoderno.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl