CECHOV/MARAT/SADE dall'11 al 13 marzo - Abarico Teatro di Roma

Allegati

03/gen/2011 14.19.23 abarico teatro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Via dei Sabelli 116 - Roma (San Lorenzo)
06 44340560 mail: abarico@gmail.com

 

 

dal 11 al 13 marzo 2011
Phi
presenta

CECHOV/MARAT/SADE

(Della vacuit dell’Essere Italiano ovvero Il suicidio della Rivoluzione)

Da Anton Cechov e Peter Weiss

Regia di Mario Biondino

Interpreti Mario Biondino, Francesco Marinucci, Ivan Bellavista, Alessandra Sani - Coregia ed assistenza: Giulia Corrado

Il testo scenico si avvale di tre testi drammaturgici, “Il giardino dei ciliegi” ed “Il gabbiano” di A. Cechov e “La persecuzione e l'assassinio di Jean-Paul Marat, rappresentato dalla compagnia filodrammatica dell'ospizio di Charenton sotto la guida del marchese de Sade” di P. Weiss, adattati (umiliati, piegati, sublimati) dal regista di modo da creare un fantasmagorico affresco di quella che attualmente la situazione politico-sociale italiana. Una violenta, gi macabra ed “oscena” (nel senso beniano del termine) rappresentazione della sistematica involuzione di un sistema piccolo-borghese ed ormai prossimo al suo suicido (e nostro omicidio) che il nostro (Bel)Paese. Sebbene l’opera sembri risentire ancora del vecchio topos del Teatro-Nel-Teatro, in realt una duplice rappresentazione, in cui una l’allegoria dell’altra, in uno slittamento perpetuo e satirico dei significanti, che portano l’opera a sollevarsi da un suo compito sociale o mimetico, cercando invece, attraverso i due mezzi della “Crudelt” (Artaud) e del “Comico” (ancora Bene) di risvegliare le coscienze di chi guarda, di far scorgere il limite, molto sottile, che ci sta, ancora per poco, separando da una Macchina Sociale e Comunicativa bulimica ed ingorda, alimentare perch animale, avida e soprattutto violenta e spietata contro tutto quello che non riesce a trovare digeribile (mi sto riferendo, chiarisco, al concetto di “Storia come corteo dei vincitori” di W. Benjamin) ed assimilabile.

 

SI CONSIGLIA VIVAMENTE LA VISIONE AD UN PUBBLICO ADULTO

 

Abarico Teatro - Via dei Sabelli 116 - Roma 06 44340560 - abarico@gmail.com

 

 

Inizio spettacoli:  venerd e sabato ore 21,00 - domenica ore 18,30 - Gradita prenotazione

Intero: 14 - ridotto 10

 

riduzioni bibliocard e studenti universitari 

 

 

 


Se non vuoi pi ricevere mail di questo tipo, per favore, comunicalo con una mail di risposta con scritto: CANCELLAMI. Provvederemo a cancellare il Tuo indirizzo dalla nostra rubrica. Grazie.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl