[Ultimoteatro] 23 e 24 - eventi slebest / diffondete e partecipate

ripartono gli eventi slebest - 23/24 settembre [AUDIO///VIDEO] Venerdì 23 settembre ore 22e30 Due set di musica free e sperimentale incontrano il live video di Tommaso Perfetti JURODIVYE FREE JAZZ TRIO Federico Eterno - Sax Nicola Pedroni - Batteria Biagio Marino - Chitarra PAOLO ROMANO Contrabbassista con base a Milano TOMMASO PERFETTI Live video Tommaso Perfetti lavora e vive a Milano, fotografo free-lance e videomaker.

Persone Elisa Biagini, Anne Sexton, Angela Carter, Francesca Matteoni Durata, Barbarella FURSIOLA Reading, Gianluca GORI Musica, Simone Pacini, Agnese Discorso, LABACT, Sonia Luna, Simone Piazzesi, Manuel SABATINI Teatro Civile, Marta Quillici, Lorenzo Gori, Saverio Fortunato Criminologia, Fiorella Antonella Scorrano, Paolo Romano, Biagio Marino, Nicola Pedroni, Federico Eterno, Tommaso Perfetti JURODIVYE, Gino, Gennaro, Osip
Luoghi Milano, Pistoia
Argomenti letteratura

19/set/2011 14.35.01 ultimoteatro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

ripartono gli eventi slebest - 23/24 settembre



[AUDIO///VIDEO]

Venerdì 23 settembre
ore 22e30

Due set di musica free e sperimentale
incontrano
il live video di Tommaso Perfetti


JURODIVYE FREE JAZZ TRIO
Federico Eterno - Sax
Nicola Pedroni - Batteria
Biagio Marino - Chitarra

PAOLO ROMANO
Contrabbassista con base a Milano

TOMMASO PERFETTI
Live video
Tommaso Perfetti lavora e vive a Milano, fotografo free-lance e videomaker. Collabora con il Museo di Fotografia Contamporanea e con progetti di educazione alla visual art.
www.tommasoperfetti.com

.............................
il tutto presso:
SLEBest
viale Pacinotti 9
Pistoia



In ordine sparso interverranno e si esibiranno:

ETTORE
BreakDance e Hip Hop
LORENZO MUNGAI
Poesia
FIORELLA ANTONELLA SCORRANO
Poesia
GENNARO D'ALESSANDRO
Musica
SAVERIO FORTUNATO
Criminologia
Gino il Fochista” di LORENZO GORI e MARTA QUILLICI, con MANUEL SABATINI
Teatro Civile
SIMONE PIAZZESI “Manicomio”
Racconto

SARAH HUMPHREYS
Poesia
SONIA LUNA e LABACT INCURSIONI URBANE
Performance Poesia
DONATI AGNESE
Discorso sull'Art Brut
FLAUTO DI PUNK “La cura giusta”
Performance
LEONARDO MAGNANI “per odio e per amore”
Poesia
ALFREDO DURAN DECIMA “Pistoia: che lo cura, che pazzia”
Mostra Fotografica
NICOLA BUSCIONI
Musica
SIMONE PACINI e GIANLUCA GORI
Musica
BARBARELLA FURSIOLA
Reading

+
TRASFOMAZIONI
Laboratorio di Fiaba e Poesia
di e con Francesca Matteoni
Durata: circa 3 ore.
Partecipanti: massimo 8 persone.
  Il laboratorio si rivolge a chi voglia lavorare sulla scrittura poetica esplorando la fiaba popolare, le sue immagini e suggestioni, l’incontro tra la biografia e l’avventura fantastica dei personaggi, lo spaesamento del viaggio e dei luoghi attraversati.
Perché la fiaba, perché la poesia?
Fate, animali parlanti, castelli nel profondo delle acque, alberi animati �“ quando pensiamo alla fiaba entriamo in una dimensione straordinaria, dove ci sembra che solo la fantasia, l’impossibile, il grottesco siano sovrani. Eppure nella fiaba popolare c’è molto di più: è il modo con cui l’essere umano ad ogni latitudine si è raccontato il mondo attorno a lui, cercando di comprenderne le forze misteriose, di convivere con  la paura, la meraviglia, l’ignoto. La fiaba orale ha attraversato culture, accadimenti e credenze religiose di uno stesso luogo, portandone poi traccia nella sua forma scritta, diventando così una felice commistione di temi, eventi reali, tabù e terrori che formano il nostro più profondo bagaglio umano. La possiamo vedere come una roccia, nella quale sono presenti, nascosti a diversi livelli, i fossili delle epoche, del pensiero e delle emozioni umane.
La poesia d’altro canto è la prima potente formula magica, dove le parole sono cose, animali di cui avere cura, che hanno artigli, ma anche pelliccia protettiva. Come la fiaba la poesia ci porta all’estremo, tra la vita e la morte. Come la fiaba ci indica la strada tra il mondo esteriore e quello intimo. E, infine, non ci tradisce - ci salva.
Percorso del laboratorio
 - Esercizi: visualizzare le parole. Partendo da una parola, da un sentimento, imparare a pensare per immagini, trasformare l’esperienza in presenza fisica (e sillabica).
- Esercizi: paesaggi emotivi. Lavoro sulla rappresentazione dei luoghi.
- Esercizi di riscrittura.
Temi:
lettura e discussione generale della fiaba e dei suoi rimandi (versioni prese in esame: Perrault, Grimm, riscritture di Angela Carter),
valenza di un colore
esercizi e scritture sul rosso/vincoli familiari/trauma del crescere (dall’io al mondo)
la figura del lupo e l’altro.
Altre letture in poesia:
Anne Sexton, Little Red Riding Hood / Elisa Biagini, Cappuccio Rosso / Osip Mandel’stam, Epoca
  Cosa portare:
 Quaderno appunti (possibilmente su support rigido), penne, matite colorate.
Cuscini o sedie pieghevoli.
La vostra immaginazione.

.............................
il tutto presso:
Ex Manicomio Ville Sbertoli
Pistoia
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl