Associazione IdeeArte | Comunicato stampa: sabato (15 ottobre) all'Exmà a Cagliari l'incontro INNESTI 2 | dialogo sul tema "arte contemporanea e re-interpretazioni dello spazio pubblico" con l'artista Zafos Xagoraris

Associazione IdeeArte | Comunicato stampa: sabato (15 ottobre) all'Exmà a Cagliari l'incontro INNESTI 2 | dialogo sul tema "arte contemporanea e re-interpretazioni dello spazio pubblico" con l'artista Zafos Xagoraris.

Persone Maria Carrozza, Giulia Casula, Alessandro Biggio, Zafos Xagoraris, San Paolo
Luoghi Sicilia, Sardegna, Monaco, Palermo, Venezia, Nuoro, Cagliari, Atene, New York, Salonicco, Cipro, Rovereto, Termini Imerese
Organizzazioni Fondazione Banco, School of Visual Arts, Associazione IdeeArte, FIAT
Argomenti arte, architettura, cinema

10/ott/2011 15.02.53 Is Mascareddas Teatro e Laboratorio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Innesti 2 - 01_small.jpg
 
Comunicato stampa

 

Sabato (15 ottobre) all’Exmà a Cagliari (ore 19) si discute sul tema

“arte contemporanea e re-interpretazioni dello spazio pubblico”

con Zafos Xagoraris

protagonista dell’incontro firmato IdeeArte “Innesti 2”.

 

*

 

Secondo appuntamento sabato (15 ottobre) a Cagliari per Innesti, il programma di incontri organizzato dall’Associazione IdeeArte con la direzione artistica di Alessandro Biggio, allo scopo di creare in città occasioni di approfondimento con artisti di rilievo internazionale.

Il protagonista di “Innesti 2”, in programma alle ore 19 al Centro Comunale d’Arte e Cultura Exmà (in via San Lucifero 71),  è Zafos Xagoraris. L’artista di origini ateniesi è in Sardegna per presentare a Nuoro, tra venerdì (14 ottobre) e sabato (15), i risultati prodotti nel workshop “The distance from the center”, un lavoro condotto lo scorso settembre per Master interuniversitario di Diritto ed Economia per la Cultura e l'Arte - DECA del Consorzio per la promozione degli Studi nella Sardegna Centrale. Nell’iniziativa cagliaritana di IdeeArte lo intervista e commenta insieme al pubblico immagini dei suoi principali lavori - incentrati sull’interpretazione dello spazio pubblico attraverso il suono come medium principale - l’artista Giulia Casula.

 

Classe 1963, studi all’Accademia delle Belle arti di Atene, dove attualmente insegna, al Politecnico della capitale greca e al Center for Advanced Visual Studies del Massachusset Institute of Technology, Xagoraris vanta un ricco curriculum di esposizioni e workshop, come ad esempio le partecipazioni alla Biennale di San Paolo nel 2006 a Manifesta 7, a Rovereto nel 2008 e interventi alla School of Visual Arts a New York, all'Accademia di Belle Arti di Monaco, allo IUAV di Venezia e in molte altre Università.  Il suo lavoro si concentra sullo spazio pubblico e lo reinterpreta attraverso nuovi punti di vista, utilizzando apparecchiature non monumentali (come campane, archi, sirene), disegni, meccanismi semplici a bassa tecnologia, o dispositivi audio.

Una delle sue opere più famose, “Enclosed Bell”, una campana inserita all’interno di una costruzione di mattoni che, nel definire uno spazio sonoro, rimanda a questioni di ordine sia identitario che percettivo, è esposta fino al 30 ottobre a Palermo, al Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia, nella cornice della mostra “Sotto quale cielo?”. Sempre a Palermo è possibile vedere il prodotto di una sua residenza presso Termini Imerese, un  carrello con altoparlanti che riproducono il sonoro degli allenamenti di una palestra di pugilato (un luogo storico della cittadina chiuso da tempo), accanto a un video in bianco e nero, senza audio, con immagini degli allenamenti nella palestra che si alternano a riprese degli stabilimenti vuoti dalla FIAT e del paesaggio limitrofo.

 

Accanto alle installazioni con campane, Xagoraris progetta e installa diversi sistemi di amplificazione del suono, come quelli presenti a Cipro, in alcuni villaggi abbandonati per ragioni politiche e militari. In questo modo il silenzio esistente diventa rumore e i luoghi vengono animati simbolicamente.

 Un altro esempio del suo lavoro è l’alterazione del regolamento condominiale di un edificio in occasione della I Biennale di Salonicco, nel 2007: dopo una contrattazione, gli abitanti del palazzo hanno accettato di modificare la norma che definiva l'uso del tetto solo per l'essiccazione dei vestiti, per farlo diventare un luogo pubblico per un tempo limitato. Questo spazio, che normalmente non era accessibile, è stato aperto ai visitatori e si è trasformato in un ambiente incorporato nella vita quotidiana della città. Questo ed altri interventi evidenziano il tratto essenziale dell’opera di Xagoraris, tradotta anche nella partecipazione dal 1998 al collettivo ateniese di artisti e architetti Urban Void: intervenire sul significato politico sociale dei siti urbani abbandonati e mettere gli abitanti del territorio di appartenenza nella condizione di riflettere sull’identità di questi spazi e sull’influsso che essi esercitano nelle città contemporanee.

 

Innesti 2 è un’iniziativa realizzata col contributo della Fondazione Banco di Sardegna.

 

Info: ideeartecagliari@gmail.com

         Cell. 340 5656891

        


Ufficio stampa:

Maria Carrozza

mari.carrozza@gmail.com

Cell. 346 304 76 20 


 



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl