comunicato la casa di ramallah al Teatro h.o.p. altrove di Genova dal 10 al 14 gennaio 2006

05/gen/2006 08.21.55 teatro h.o.p. altrove Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

LA CASA DI RAMALLAH

 

di  Antonio Tarantino

con  Sandra De Falco

allestimento scenico  Roberto Crea

regia di  Paolo Coletta

Produzione  La Fabbrica dell’Attore (Roma)

 

Dal 10 al 14 gennaio 2006 al Teatro h.o.p. altrove di Genova alle ore 21.00

 

Lo spazio della scena ospita un viaggio, la voce dell’attore le parole dei tre personaggi del dramma: il Padre, un uomo di 52 o 53 anni, la Madre, una donna di 43 o 44 anni e la Figlia, una ragazza di forse 20 anni. Ciò che resta di una famiglia.

Si tratta di un viaggio metafisico nel cuore della disperazione mediorientale; in una Palestina immaginaria ricostruita ricorrendo a dati giornalistici del presente così come a nomi biblici e letterari, un treno scassatissimo trasporta un padre ed una madre brontoloni verso una città dove la figlia si farà esplodere al mercato.

Il percorso è disegnato su una mappa irta di segni, di linee intersecatesi senza un’apparente relazione spazio-temporale riferibile ad una meta implicita nel sorgere e nel progredire di questo viaggio, verso il suo fatale esito: “il compito o il colpo o la faccenda”.

I tre straparlano un po’ della “cosa” e molto d’altro. I ricordi e i sogni, la diversa visione della vita stritolata dalla storia e dalle limitazioni imposte da un lungo matrimonio, tutto questo viene centrifugato dalla lingua barocca di Tarantino, che conduce la danza oltre i limiti del realismo e del teatro dell'assurdo. Le parole ripercorrono le volute di tre menti febbricitanti, dove un remoto e confuso passato ora si salda, ora si divide con e da un presente agognato, eppure temuto.

Nella mente del lettore e dello spettatore si accendono varie domande: come possono due genitori accompagnare la figlia a farsi esplodere? Come possono queste figure continuare a vivere in quella terra? E sarai mai esistita la casa a Ramallah che i due adulti ricordano tanto diversamente?



Antonio Tarantino (Bolzano 1938), autore drammatico. Il suo nome appare di prepotenza nel mondo teatrale quando nel 1993 conquista il premio Riccione Ater per il teatro con i suoi due testi Stabat mater e La passione secondo Giovanni. Nella stagione seguente Stabat mater viene messo in scena da Chérif e interpretato da Piera Degli Esposti. Lo spettacolo, le cui scene sono curate da A. Pomodoro, diventa un caso nazionale: la scrittura del cinquantaseienne "esordiente" drammaturgo viene paragonata a quella di Testori e suscita un entusiasmo raramente riscontrato nella critica italiana. L'anno seguente, Chérif allestisce anche La passione secondo Giovanni. Questi lavori sono le prime due parti di quella che l'autore definisce la sua "tetralogia della cura", un progetto che, partendo dalla suggestione evangelica, arriva alla rivisitazione di Antigone e Medea. Nel 1995, sempre Chérif cura la regia del terzo testo Vespro della Beata Vergine interpretato da un inedito Lino Banfi. Il quarto lavoro Lustrini (1997), con Paolo Bonacelli e Massimo Foschi, è ancora diretto da Chérif. Il più recente testo, Materiali per una tragedia tedesca, è vincitore del Premio Riccione 1997 del Cinquantenario e del premio Ubu 2000. Lo spettacolo La casa di Ramallah ha debuttato alla venticinquesima edizione del festival Benevento Città Spettacolo.

 

 

Sandra De Falco (Napoli, 1967) attrice. Dopo una formazione all’Istituto Nazionale del Dramma Antico, partecipa a laboratori con Leo De Berardinis, Annibale Ruccello e Jean Paul Denizon. Ha lavorato in compagnie prodotte da teatri stabili e privati e in gruppi di ricerca al fianco, tra gli altri, di Anna Proclemer, Gianni Agus, Piera Degli Esposti, Anna Bonaiuto, Ennio Fantastichini, Glauco Mauri, Giancarlo Sbragia, Nello Mascia e registi come Armando Pugliese, Ugo Gregoretti, Taddeus Bradecki, Giorgio Pressburger, Giancarlo Sepe, Sandro Sequi e Francesco Saponaro. Con La casa di Ramallah è alla seconda messinscena da testi di Antonio Tarantino, dopo Materiali per una tragedia tedesca per la regia di Werner Wass. Al cinema, è co-protagonista con Fanny Ardant nel film spagnolo di prossima uscita L’anno del diluvio tratto da un romanzo di Edoardo Mendoza e diretto da Jaime Chàvarri, dopo precedenti esperienze con Aurelio Grimaldi e Lina Wertmüller.

 

Paolo Coletta (Napoli, 1968) autore e compositore. Membro del Teatro Elicantropo di Napoli. È autore di alcune commedie di grande successo popolare (Mai dire amore, Joe Brandina) e dell’ultimo spettacolo di Lindsay Kemp Il ladro e la milonga. Ha musicato più di quaranta spettacoli teatrali, a cui vanno aggiunte le revisioni del repertorio vivianeo in occasioni di tre messinscene: La figliata (Gigi Savoia, 1997), Putiferio (Nello Mascia, 1998) e Guappo di cartone (Nino D’Angelo, 2003). Come attore ha lavorato, fra gli altri, con Gabriele Lavia, Piera Degli Esposti, Ugo Pagliai, Paola Gassman, Mario Santella, Virginio Gazzolo, Mariano Rigillo, Giuseppe Pambieri, Nello Mascia.

 

Roberto Crea (Napoli, 1975) scenografo e pittore. Si diploma all’Accademia delle Belle Arti di Napoli in scenografia. In teatro progetta e realizza scenografie per spettacoli di Francesco Saponaro, Claudio Di Palma, Carlo Cerciello tra gli altri “ Stanza 101” (Premio UBU 2002), “Il contagio”, “Noccioline”. Espone le sue opere in vari musei napoletani tra cui quello di Pietrarsa e all’Istituto Grenoble.

 

 

 

Tutti gli spettacoli iniziano alle ore 21.00

Prezzi ù

Ingresso: intero: € 13 - ridotto: € 11

c.r.a.l.e convenzioni: € 9

carnetaltrove: € 90 Valido per 10 ingressi agli spettacoli in cartellone. Non è nominativo.

Prenotazioni telefoniche: dalle ore 14.00 alle ore 19.00

ORARIO CASSA dalle ore 18.00 a inizio spettacolo; ritiro biglietti entro le ore 20:45

Info e prenotazioni: Piazzetta Cambiaso, 1 - 161213 Genova  Tel. 010 2511934 www.hopaltrove.it  info@hopaltrove.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl