Is Mascareddas |comunicato stampa: dal 28 gennaio ritorna al MoMoTI a Monserrato la stagione di Is Mascareddas "Il Grande Teatro dei Piccoli"

18/gen/2012 12.50.40 Is Mascareddas Teatro e Laboratorio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



 Grande Teatro dei Piccoli Monserrato manifesto_2012_sm.jpg
 
 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Dal 28 gennaio al 16 aprile ritorna al MoMoTI a Monserrato (CA) Il Grande Teatro dei Piccoli.

Sette spettacoli - per un totale di ventuno recite - con i Tiriteri Teatro dell’Invenzione, Is Mascareddas

La Botte e il Cilindro e Oltreilponte Teatro.

 

 

*

 

 

Ai blocchi di partenza il nuovo cartellone de Il Grande Teatro dei Piccoli - Monserrato. Il 28 gennaio la storica manifestazione targata Is Mascareddas inaugura la sua quinta edizione organizzata al MoMoTI a Monserrato (CA) con la consueta proposta di spettacoli dedicata ai bambini, da seguire insieme agli adulti per un’esperienza comune di gioco e di esercizio della fantasia. Sipario aperto nella sala in via 31 marzo 1943 n. 20 per quattro compagnie e ventuno appuntamenti fino al 16 aprile: quattordici recite serali del sabato e della domenica, alle 18, più sette matinée riservati alle scuole, nell’appendice del lunedì, alle 10.30.

 

A fronte di un prossimo taglio del 60 per cento dei contributi regionali nel settore Cultura e Spettacolo - dato emergente dalla proposta di Finanziaria 2012, ancora in fase di discussione - l’attuale calendario della stagione teatrale, che dal 2001 ad oggi ha ospitato 63 compagnie nazionali (14 delle quali sarde) e 10 formazioni straniere, è il risultato di uno sforzo enorme della Compagnia Is Mascareddas per garantire continuità alla manifestazione con una programma rispettoso del suo pubblico. Senza adeguate risorse, perso, tra l’altro, il sostegno da parte del Comune di Monserrato, la Compagnia mette in campo quattro spettacoli del suo repertorio e chiama ad arricchire il ventaglio di proposte i sassaresi de La Botte e il Cilindro e due rinomati gruppi dalla Penisola: da Chieti arrivano con un carico di storie in musica i Tiriteri Teatro dell’Invenzione, da Torino i burattinai ed attori di Oltreilponte Teatro.

 

Si comincia il 28 e 29 gennaio (e il 30per le scuole) con "Il Galletto Meraviglioso e altri animali da valigia" de i Tiriteri Teatro dell'Invenzione. Nello spettacolo Bettino Trevisan - nome d’arte di Alberto Zoina, anima della compagnia abruzzese fondata nel 1986 insieme alla burattinaia Anna Di Lena - compare in scena nelle vesti di viaggiatore menestrello con chitarra in spalla e un inesauribile bagaglio di avventure, tra giochi di ritaglio, canzoni, un teatrino d'ombre e altre piccole sorprese. La narrazione, pensata per tutte le fasce di età a partire dai 3 anni, è ispirata alle antologie Fiabe Italiane di Italo Calvino e Fiabe Toscane di Carlo Lapucci.

 

L’11 e 12 febbraio (e il 13 per le scuole) il mondo incantato di orchi, volpi, conigli e galletti meravigliosi dei Tiriteri cede il passo ad un viaggio a ritroso nel tempo proposto da La Botte e il Cilindro con “Garabalda fa farata -il Risorgimento raccontato ai ragazzi”, per piccoli e grandi spettatori dai 3 anni in su. In scena, diretta da Sante Maurizi, Daniela Cossiga ripercorre la storia dell’Unità d’Italia e ricorda i suoi protagonisti (Garibaldi, Vittorio Emanuele II, Cavour, Mazzini, Verdi). Animazioni e filastrocche musicate e l’interazione dell’attrice con uno schermo gigante che proietta immagini di dipinti, affreschi, nomi di piazze e vie, monumenti che abitano da 150 anni le nostre città, coinvolgono i piccoli spettatori nell’essere parte della Storia.

 

I successivi tre appuntamenti sono a cura di Is Mascareddas. Il 25 e 26 febbraio (e i 27 per le scuole) spazio a “Le Storie di Leo”, pensato per grandi e bambini dai 7 anni di età. Nella pièce di pupazzi e oggetti animati le Fiabe di Leonardo Da Vinci sono raccontate dalla voce e dall’abilità manipolatoria di Donatella Pau e scandite dal contrappunto musicale del clarinettista Angelo Vargiu. Un tavolino inclinato è la scena essenziale dove prende vita la multiforme realtà animale inventata dal genio del Rinascimento italiano per esplorare la condizione umana nel suo rapporto con la Natura: formiche, fringuelli, chiavi, serrature, cardellini, falconi, anatre, ragni, farfalle, topi, ostriche, chicchi di grano, fanno comparsa da un baule magico, prendono la scena o trasvolano, per ritornare poi nel buio.

 

Il 3 e 4 marzo (e il 5 per le scuole) è la volta dei burattini a guanto animati da Tonino Murru e Donatella Pau in “Chi ha paura della Mortadella?”. Lo spettacolo, indicato per un pubblico a partire dai 7 anni, affronta con tratto delicato e poetico il tema della morte, uno dei soggetti più evitati nei discorsi tra adulto e bambino e simbolo nelle fiabe delle ansie infantili nel passaggio all’età adulta. Il suo protagonista è Beniamino, studente alla “scuola della Morte”. Il piccolo, al contrario dell’ossuto babbo Morte, ha le guance rosse ed è ciccione, si veste con colori vivi, balla il chachacha e per giunta è di carattere un po’ insicuro. Ma un giorno il papà gli da un compito: deve convincere l’arzillo Don Peppino a compiere l’estremo passo. E così Beniamino affronta la sua prima grande sfida.

 

Chiude il trittico di spettacoli, il 17e 18 marzo (e il 19 per le scuole) uno dei titoli più longevi del repertorio della compagnia di Monserrato, “Areste Paganòs e la farina del diavolo”. Nell'atto unico per teste di legno gli spettatori assistono alla nascita dell'eroe di Is Mascareddas, coinvolto in una vicenda che assomiglia alle storie di faida. La trama è sulla falsariga del dramma shakespiriano "Romeo e Giulietta", ma le trovate narrative sono del tutto originali. La pièce messa in scena da Tonino Murru, Donatella Pau e scritta dagli interpreti con Walter Broggini, è adatta ad essere seguita da un pubblico a partire dai 3 anni di età.

 

Il 31 marzo e 1 aprile (e il 2 per le scuole) arriva Oltreilponte Teatro con una prima visione per il pubblico sardo adatta a tutte le età (dai 3 anni). L’appuntamento è con “La principessa preziosa”, spettacolo di burattini e narrazioni, liberamente tratto da “L'orza” (Tratteneimento sesto de la iornata seconna), novella seicentesca della raccolta “Lo cunto de li cunti  di Giambattista Basile. In scena, nella produzione realizzata in collaborazione con l’Istituto per i Beni Marionettistici e il Teatro Popolare di Torino, Fabiana Ricca e il direttore artistico della compagnia Beppe Rizzo. La fiaba racconta le peripezie di una bella principessa in fuga dalla casa del padre. Con l'aiuto di una vecchia fata la giovane si trasforma in una scimmia e si nasconde nel bosco, dove incontra il principe di Acquacorrente, che se ne innamora dopo avere scoperto le sue vere sembianze.

 

La stagione si chiude con “Giacomina e il popolo di legno” , il 14 e 15 aprile (e il 16 per le scuole). Nell’omaggio di Is Mascareddasa Eugenio Tavolara e Tosino Anfossi, Tonino Murru, Donatella Pau e Mimmo Ferrari danno vita a sessanta personaggi. Le sculture lignee - costruite su ispirazione ai giocattoli ideati negli anni ’20 dai due artisti sassaresi - rappresentano figure tipiche del mondo agropastorale e urbano sardo. La protagonista della pièce è Giacomina, una tenera e coraggiosa bambina alla ricerca del suo asinello Bernabò. La piccola incontra lungo strada dei personaggi bizzarri, dalle forme e colori ispirati dall’inconfondibile segno artistico di Tavolara e Anfossi: certi sono spaventosi, altri la proteggono. Accadono magie e si leva il velo su alcune verità che segnano l’esistenza umana. La regia dello spettacolo, pensato per tutte le età, a partire dai 3 anni, è firmata da Karin Koller, le musiche originali sono di Gavino Murgia. Il disegno luci è di Loïc François Hamelin.

 

Biglietti recite Sabato / Domenica: 5 euro - Abbonamenti Sabato / Domenica: 30 euro

Biglietti matinée - scuole: 4 euro - Abbonamenti matinée - scuole: 24 euro

 

IL GRANDE TEATRO DEI PICCOLI - MONSERRATO è un progetto realizzato col contributo della Provincia di Cagliari, Assessorato alla Cultura e identità, Spettacolo e Sport , della Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Generale per lo Spettacolo Dal Vivo.

 

Info. Is Mascareddas Teatro e Laboratorio

via 31 Marzo 1943 n. 20 Monserrato (CA)

tel. 070.5839742 - Cell. 388 846 35 20

ismascareddas@tiscali.it

www.ismascareddas.it

 

Ufficio Stampa

Maria Carrozza

cell. 346 304 76 20

mari.carrozza@gmail.com

 



 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl