Il Futuro nella Memoria

Ascanio Celestini con "Il Piccolo Paese" chiude le celebrazioni per la liberazione di Roma nel IX Municipio Il Futuro nella Memoria 4 giugno - ore 21.00 Villa Lazzaroni - via Appia Nuova 520 - Roma Ingresso libero Con lo spettacolo "Il Piccolo Paese", Ascanio Celestini il 4 giugno, in occasione della ricorrenza della liberazione di Roma nel 1944, concluderà a Villa Lazzaroni il progetto "Il Futuro nella Memoria" curato dalla cooperativa Moiselle Le Blanc.

Persone Marino Midena, Anna Maria Piemonte Lo, Daniela De Lillo, Giovanna Marturano, Gesmundo, Susi Fantino, Ascanio Celestini
Luoghi Il Piccolo Paese, Roma
Organizzazioni Radio Popolare, Moiselle Le Blanc
Argomenti teatro, spettacolo, letteratura, arte

21/mag/2012 17.13.00 dalila Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

       
   
 


Ascanio Celestini con “Il Piccolo Paese” chiude le

celebrazioni per la liberazione di Roma nel IX Municipio

 

Il Futuro nella Memoria

4 giugno – ore 21.00

Villa Lazzaroni – via Appia Nuova 520 - Roma

Ingresso libero

 

Con lo  spettacolo “Il Piccolo Paese”, Ascanio Celestini  il 4 giugno, in occasione della ricorrenza della liberazione di Roma nel 1944, concluderà a Villa Lazzaroni il progetto “Il Futuro nella Memoria” curato dalla cooperativa  Moiselle Le Blanc.

Esempio di teatro-narrazione, “Il Piccolo Paese” è la testimonianza orale e la descrizione partecipata di eventi della storia e della cronaca di Roma e più in generale del Paese. Un affresco che dà corpo a singole voci e crea squarci su eventi collettivi nella scia dei  ricordi di guerra e delle ingiustizie subite.

Il progetto “Il Futuro nella Memoria”, fortemente voluto dalla presidente del IX Municipio Susi Fantino, iniziato il 27 gennaio scorso in occasione della Giornata della Memoria, è proseguito con una tre giorni dedicata  al tema della memoria sviluppato attraverso un concorso letterario per le scuole medie, uno spettacolo, incontri tematici e una commemorazione delle vittime della Shoa. A febbraio è seguita poi la  “performance urbana” per il bombardamento di Piazza Asti e uno spettacolo sul Trio Lescano; a marzo, una sfilata di 335 giovani in ricordo delle altrettante vittime delle Fosse Ardeatine; ad aprile la festa della Liberazione è stata accompagnata da  uno spettacolo musicale in diretta con Radio Popolare, e infine sono state raccolte le testimonianze del Professor Gesmundo, eroe della Resistenza romana e della partigiana Giovanna Marturano celebrata con l’affissione di un manifesto in occasione del suo centesimo compleanno. Tutti gli eventi sono stati curati da Daniela De Lillo e Anna Maria Piemonte

Lo spettacolo di Celestini a Villa Lazzaroni sarà accompagnato da una mostra che ripercorre tutte le tappe dell’iniziativa che ha raccolto numerosissime adesioni.

ASCANIO CELESTINI:  Attore teatrale, regista cinematografico, scrittore e drammaturgo, romano di nascita, è considerato uno dei rappresentanti della seconda generazione del cosiddetto teatro di narrazione. I suoi spettacoli sono fatti di storie raccontate, preceduti da un lavoro di raccolta di materiale lungo e approfondito. L'attore-autore, con il suo racconto, diventa un  filtro fra gli spettatori e i protagonisti dello spettacolo. L'attore in scena rappresenta sé stesso, anche quando parla in prima persona: è qualcuno che racconta una storia.

Ufficio stampa          Marino Midena 347.71.62.033 ufficiostampa@spet.it

Coop. Moiselle Le Blanc  via Giacomo Costamagna 42     00181 Roma Tel. fax    067853143  

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl