un secolo di danza argentina a busto arsizio

12/lug/2006 17.30.00 annamaria sigalotti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
"Tangos", suggestioni latine sul palco del teatro Sociale di  
 
Carlitos Gardel, Gerardo Matos Rodriguez, Astor Piazzola: grandi compositori per una cavalcata lunga un secolo alla scoperta della danza d’amore per eccellenza, il tango. Ecco quanto offre la compagnia argentina Gente de tango con lo show che il prossimo giovedì 13 luglio animerà la sala di piazza Plebiscito. Sul palco anche il cantante Ruben Peloni e il quartetto Lumiére… 
Dalle note struggenti di Carlitos Gardel e Gerardo Matos Rodriguez al repertorio degli anni Trenta-Quaranta, il periodo d’oro del ballo argentino. Dal tango-canción ai capolavori di Astor Piazzola. La sensualità, la malinconia e la passione del tango, ma anche della milonga e del vals criollo, vanno in scena al teatro Sociale di Busto Arsizio, dove alle 21 di giovedì 13 luglio la giovane compagnia "Gente de Tango" - fondata nel 1998 e già autrice di tre spettacoli di successo come "Divina" (1998), "Taur" (1999) e "Un siglo de tangos" (2001) - presenta lo show "Tangos".
Sul palco, con l’affiatata coppia di ballerini e coreografi Alfredo Granado e Leticia Lucero (recentemente apparsa in "Domenica In" e nota per aver firmato i passi danzatI da Eva Herzigova e Brian Adams nel cortometraggio "Twisted Tango"), saliranno altri quattro tangheiri, il cantante Ruben Peloni e il quartetto Lumiére, gruppo strumentale italiano composto dal bandoneonista Marco Fabbri, dalla flautista Cristina Bertoli, dal violoncellista Enrico Guerzoni e dal pianista Massimo Tagliata. I costumi sono firmati da El Cholo e Mona Estecho di Buenos Aires.
Venticinque i pezzi in programma per una cavalcata lungo un secolo tra i ritmi che hanno reso famose nel mondo le sordide e fumose balere sudamericane, che hanno segnato l’evoluzione storica e stilistica di una delle danze più amate al mondo. Un suadente e coinvolgente intreccio di ballo, musica e canzoni, per un viaggio che spazia dai vecchi tango-milonga alla milonga lenta; dal vals criollo all’elegante tango-salón; dal poetico tango-canción al tango-fantasia, nato nei concorsi di ballo in cui rivaleggiavano coppie rappresentanti club di diversi quartieri nei primi anni '40, sino ad arrivare al moderno tango-danza da palcoscenico.
"Volver" di Gardel e La Pera, "La Cumparsita" di Rodriguez, "Mi rifugio" di Cobian, "Recuerdo" di Pugliese, "Flores del alma" di Bayardo, "Mi dolor" di Marcucci, "Vuelvo al sur", "Adios Nonino" e "Poema valseado" di Piazzolla sono solo alcuni dei brani che sarà possibile ascoltare e veder coreografati durante la serata: un vero e proprio omaggio a quello che Enrique Santos Discepolo, uno dei principali interpreti del tango, definiva “un pensiero triste che balla”; a quella che è diventata la danza d’amore e della conquista sessuale per eccellenza, con il suo continuo incontro/scontro tra uomo e donna, con i suoi giochi di seduzione, con le sue lacrime e le sue tenerezze, con il suo perdersi occhi negli occhi in un mondo senza tempo e senza confini.
Il prezzo del biglietto di ingresso è di euro 15.00. La prevendita, il cui costo è di euro 1.00, verrà effettuata presso la cartolibreria Boragno di Busto Arsizio (tel. 0331.635753 o libreria@boragno.it). Per informazioni è possibile contrattare la segreteria del teatro Sociale in orario di ufficio in orario di ufficio (dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00), allo 0331.670000 o scrivendo all’indirizzo e-mail info@teatrosociale.it o press@teatrosociale.it.

Chiacchiera con i tuoi amici in tempo reale!
http://it.yahoo.com/mail_it/foot/*http://it.messenger.yahoo.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl