T.S.Eliot alla Paolo Grassi

Allegati

16/ott/2006 19.00.00 Scuola d'arte drammatica Paolo Grassi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

SCUOLA D’ARTE DRAMMATICA PAOLO GRASSI

 

 

mercoledì 18 e giovedì 19 ottobre ore 21

 

Burnt Norton  

omaggio ai  Quattro Quartetti di  T.S.Eliot

da un’idea di Franco Brambilla

coreografia e regia  Luciana Melis

 

con la collaborazione di Marina Gorla

 

con il  2° corso di teatrodanza

e la partecipazione di Luca Zangheri e Flavio D’Andrea

 

assistente alla regia Lorenzo Facchinelli

assistenti  alla drammaturgia Flavio D’Andrea  e Francesca Tacca

 

fonica e montaggio musica   Marcello Gori

 

musiche di Halloween, Sigur Ros, Ligeti e Gesualdo da Venosa

 

Looking for Eliot, in cerca di Eliot, si potrebbe dire di “Burnt Norton, omaggio ai Quattro Quartetti”, in scena alla Paolo Grassi mercoledì 18 e giovedì 19 ottobre, per la terza settimana della rassegna Shall we dance?.

 

Tracce, frammenti e pensieri in movimento, recita il sottotitolo di questo work in progress che è stato un viaggio nell’idea di Eliot: 6 mesi di lavoro, seminari con Alessandra Violi  sull’opera del poeta, lunghe prove, improvvisazioni su improvvisazioni partendo da una parola del testo. Per approdare a Burnt Norton nel tentativo di  scoprire l’essenza della poesia . Una poesia  che per Eliot deve essere concreta, “sapere  di cucina”, the smell of cooking. Probabilmente per analogia, Luciana Melis definisce il risultato di questa impresa collettiva “un profumo di Eliot”.

 

Al punto fermo del mondo rotante, là è la danza, scrive il poeta. Perché la danza è, come il tempo, ripetizione nelle differenze. E il filo conduttore, il vero protagonista di tutto lo spettacolo, è proprio il tempo: circolare, sempre uguale ma diverso ogni volta - come il movimento del pendolo -, il passato non diviso dal presente ma neppure dal futuro: il tempo è relatività e, nel mondo di Eliot, Bergson incontra Einstein.

Tutti, coreografa,  assistenti e danzatori trasformati per mesi in ricercatori del tempo. Pronti a dialogare con il passato e convinti dal poeta che, se la storia non è rettilinea, neanche una storia narrata possa  essere rettilinea.

 

Scuola d’arte Drammatica Paolo Grassi  - Ingresso libero su prenotazione obbligatoria

Via Salasco 4 20136 Milano  Tel. 0258302813

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl