SCANDERBEG, RINASCE UN EROE DIMENTICATO

SCANDERBEG, RINASCE UN EROE DIMENTICATO SCANDERBEG, RINASCE UN EROE DIMENTICATO Giorgio Castriota Scanderbeg, eroe e condottiero albanese, ritrova in Italia la sua dimensione e magnificenza attraverso la voce di discendenti e appassionati.

28/gen/2007 13.30.00 Andrej Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


SCANDERBEG, RINASCE UN EROE DIMENTICATO

Giorgio Castriota Scanderbeg, eroe e condottiero albanese, ritrova in
Italia la sua dimensione e magnificenza attraverso la voce di discendenti e
appassionati.
Numerosi i rami albanesi che, trapiantati nel nostro Paese con risultati di
notevole integrazione, hanno mantenuto la forza della propria identità
culturale; altrettanto numerosi, storici, studiosi ed artisti hanno
concentrato interesse ed attenzioni su un eroe di stampo europeo.
Respingendo le mire espansionistiche dell’esercito turco sul
territorio di Albania e resistendo alle offensive messe in atto dall’Impero
Ottomano, Scanderbeg costituì un baluardo a difesa dell’Europa intera,
rivestendo il ruolo principale di garante della civiltà cristiana. Le sue
gesta politico-militari sono il simbolo dell’unione e della fratellanza tra
i popoli, ma risultano troppo spesso dimenticate nel nostro Paese e dalla
storiografia ufficiale.
Commemorazioni e riconoscimenti, opere storiche e letterarie
sottolineano il legame storico-politico ed affettivo della popolazione
albanese con l'eroe leggendario, contribuendo a mantenere vivo anche in
Italia il simbolo del legame tra popolazioni completamente compenetrate e
sottoposte ad una benevola reciproca influenza.
Notevolmente significativo il contributo del Giudice Gennaro Francione a
colui che definisce un “eroe moderno”. simbolo di aggregazione e
fratellanza, “eroe dei due mondi”, d’Italia e d’Albania.
Il senso di unione solidaristica che le popolazioni albanesi in Italia
hanno ereditato dallo spirito del famoso condottiero - dice Francione in
occasione dell'anniversario della morte di Scanderbeg - è straordinariamente
fondato sul rispetto delle rispettive identità. Tale assunto rende conto
degli aspetti socio-antropologici delle forme di associazione di un popolo
che ha creato in Italia numerosissime comunità arbereshe, mantenendo ferme
la struttura del proprio gruppo sociale, la lingua, le tradizioni.
Presente il 20 gennaio a Roma in p.zza Albania, il principe Castriota del
ramo napoletano, emozionato e fiero, desideroso di contribuire alla
esaltazione della grandezza e del valore del suo nobile antenato.
L’attività svolta in tale direzione da Francione con il Libro “Scanderbeg.
Un eroe moderno” (D’Agostino Editore), guida il lettore verso la storia del
condottiero e la nascita dell’eroe, illustrandone la forza intellettuale e
militare.
L’opera teatrale che segue il testo storico realizza un ulteriore e
straordinario fine di aggregazione, garantendo prospettive di sviluppo di
dialogo tra i popoli e la diffusione di una cultura fortemente radicata nel
nostro Paese, ma dalla portata troppo spesso sottovalutata.

--
No virus found in this outgoing message.
Checked by AVG Free Edition.
Version: 7.5.432 / Virus Database: 268.17.12/653 - Release Date: 26/01/2007
11.11

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl