Invito Morire o non morire Spettacolo al Teatro Vascello

08/feb/2007 15.00.00 Teatro Vascello Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
IL TEATRO VASCELLO è lieto di invitarvi sabato 10 e domenica 11 febbraio con 1 omaggio + 1 ridotto a 12,00 euro allo spettacolo

 

Tsi. La Fabbrica dell’Attore

MORIRE O NON MORIRE

di Sergi Belbel

traduzione Ilaria Panichi

9/25 Febbraio dal martedì al sabato ore 21.00 - domenica ore 17.00 - prezzi 15,00 euro intero - 12,00 euro ridotto. Invia la tua risposta a cristinavascello@virgilio.it

 

Personaggi e interpreti

Soggettista Pietro Bontempo    Moglie Manuela Kustermann

Eroinomane Alessandro Scavone    SorellaGaia Benassi

Madre Manuela Kustermann      Figlia Astra Lanz

Malato Massimo Fedele   Infermiera Gaia Benassi

Signora Tatiana Winteler

Poliziotta Sara Borsarelli  Poliziotto  Sandro Palmieri  Motociclista Alessandro Scavone

Assassino Sandro Palmieri   Vittima Paolo Lorimer

 

Regia Manuela Kustermann

 

musiche Paolo Vivaldi, edizioni musicali Flipper Music

scene e costumi Francesca Linchi luci Valerio Geroldi, macchinista Danilo Rosati,

aiuto regista Gaia Benassi, assistente scenografa Tiziana Cannizzaro

 

Dice Manuela Kustermann alla sua seconda prova di regia:

<<  Ho ambientato la commedia accompagnandomi con i sette colori della creazione, blu, rosso, giallo, viola, arancione, verde e nero. Il secondo tempo, è immerso nel bianco, nella luce accecante.>>

Un vero e proprio “girotondo” di morte: sette coppie di personaggi tipici dell’immaginario metropolitano (l’eroinomane e la sorella stanca di subire; la madre castrante e la figlia succube, l’assassino e la vittima …) intrecciano variazioni comportamentali violentissime un attimo prima che uno dei personaggi cessi di vivere. Il testo, che evidenzia una derivazione da “La Ronde” di Schnitzler, è diviso in due parti. Nella seconda vengano ribaltate le ipotesi della prima parte e i vari personaggi sfuggono al loro destino. L’iterazione, il raddoppiamento, la variazione di scene analoghe è una tecnica spesso usata da Belbel, che talvolta arriva alla polverizzazione della trama in una serie di azioni minimaliste, connesse fra loro dalla continuità stilistica. Belbel è un autore di grande talento: il suo stile brillante ed il ritmo perfetto si uniscono all’acutezza nel disegnare la sua “tragedia” del comportamento umano.

Sergi Belbel; catalano, nato a Terrassa (Barcellona) nel 1963. Laureato in Filologia Romanza e Francese nel 1986 nell'Universitat Autònoma di Barcellona. E’ attualmente l’autore più rappresentato in Spagna. Direttore artistico del Teatre National de Catalunya, membro fondatore dell' Aula di Teatre dell'Universitat Autònoma di Barcelona. Professore di Drammaturgia nell'Institut del Teatre di Barcellona dal 1988.

 

Il Teatro Vascello si trova in Via G. Carini 78 a Monteverde Vecchio (Roma)
sopra a Trastevere, vicino al Gianicolo.
Con mezzi privati: Parcheggio per automobili: lungo Via delle Mura
Gianicolensi, a circa 100 metri dal Teatro.
Con mezzi pubblici: autobus 75 si ferma proprio davanti al teatro Vascello e
si può prendere da stazione Termini, Colosseo, Piramide, oppure il 44, il
710 e l'871, 870

Treno Metropolitano che si può prendere da Ostienze fermata Stazione 4 venti in Viale 4 Venti a due passi dal Teatro Vascello

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl