'DISAGIO SOCIALE E DROGA OGGI" A NETTUNO

18/apr/2007 17.00.00 Andrej Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.






L’ISTITUTO PER ISPETTORI DELLA POLIZIA DI STATO DI NETTUNO
ED IL LICEO SCIENTIFICO ‘INNOCENZO XII’ DI ANZIO

ORGANIZZANO UN INCONTRO CULTURALE
PROMOSSO DALLA SCRITTRICE MARIA GRAZIA COLOMBO

SUL TEMA

‘DISAGIO SOCIALE E DROGA OGGI’

CHE SI TERRA’ SABATO, 21 APRILE 2007 ALLE ORE 09.00
PRESSO LA SALA MULTIMEDIALE DELL’ISTITUTO DI POLIZIA
VIA SANTA BARBARA, 98 - NETTUNO

CON IL GRUPPO DI LAVORO IMPEGNATO SUL TERRITORIO NAZIONALE IN UN CICLO DI
INCONTRI CON I GIOVANI SUI PROBLEMI DEL DISAGIO SOCIALE E DELLA DROGA,
COSTITUITO DA:
Giudice Gennaro Francione (Tribunale Penale di Roma) - psichiatra e
criminologa Carmela Carrieri (Ospedale di Albano) - scrittrice del sociale
Maria Grazia Colombo - avvocato Maria Antonietta Corsetti - responsabile
SERT Laura Orazi (Via dei Riari 48, Roma) - direttore editoriale Roberto
Boiardi (Herald Editore, Roma).
Interverrà sul tema Rosario Varriale, Capo della Segreteria dell’Ufficio del
Garante dei Diritti dei Detenuti del Lazio, on. Angiolo Marroni.
Sarà gradita ospite l’assistente sociale Maria Pia Comberiati, operatrice
del SERT e persona di grande sensibilità.

L’iniziativa nasce da un progetto di reciproca e fruttuosa collaborazione
fra il Liceo Scientifico ‘Innocenzo XII’ di Anzio (dirigente scolastico
Giuseppe Berretta), l’Istituto per Ispettori della Polizia di Stato (il più
grande ed importante complesso scolastico della Polizia in Italia ed uno dei
più prestigiosi d’Europa, diretto dal dirigente superiore Pietro Ieva) ed
il Gruppo di Lavoro, onde affrontare i problemi giovanili con i giovani
stessi, sia studenti del Liceo Scientifico, sia allievi dell’Istituto di
Polizia, in un contesto di solidarietà, di reciproco scambio di idee e di
esperienze, lontano da concetti preconfezionati ed obsoleti che vedono la
polizia come esclusivo elemento repressivo ed inquisitore.

Saranno presentati due libri editi dalla Casa Editrice Herald di Roma, la
quale si occupa, tra l’altro ed in maniera attiva, dell’inserimento
lavorativo e sociale degli emarginati.
http://www.heraldeditore.it/:

LE NUOVE FRONTIERE DELLA DROGA: LA VIA MEDICINALE - di Gennaro Francione.
In questo testo, l’autore sottolinea l’inutilità della repressione
penalistica nell’uso delle droghe, proponendo la nuova via medicinale che
sostituisce al carcere la cura (preventiva e successiva), le sanzioni
amministrative, le misure di sicurezza sul territorio. Come artista
(Francione è Presidente dei Giudici Scrittori Europei), egli propone il
TEATRO, che aggrega ed unisce i giovani, come UNA DELLE TERAPIE alla
solitudine ed alla droga, raccontando la sua esperienza nel testo “ ‘A
Scigna”.
http://www.antiarte.it/adramelekteatro/a scigna.htm
http://www.antiarte.it/adramelekteatro/nuova.htm

VIA DEI RIARI,48 - La stanza morta - di Maria Grazia Colombo.
Pagine che danno voce ai giovani ‘perduti’ sia nell’incubo della droga, sia
in una società colpevolista ed emarginante che chiede repressione e non
prevenzione, protesa ad ‘avere’ e non a ‘pensare’.
“Un’idea geniale quella di Maria Grazia Colombo di trasformare sterili
archivi di un SERT in materia da cui attingere per descrivere le vicende
tragiche, grottesche, sempre doloranti di persone che sono passate in quella
struttura alla ricerca di una salvezza dallo stupefacente, il più delle
volte rivelatasi vana chimera. Dal dolore della poesia del mondo come è,
alla speranza di un mondo come sarà, un mondo di giovani liberati dallo
stupefacente con l’aiuto dell’arte, della cultura e dello stare insieme”.
(da Prefazione di Gennaro Francione).
“Storie di persone, di donne e di uomini, di ragazzi e di ragazzi, storie di
vita a volte violente, sempre laceranti da cui tuttavia appare una
straordinaria sensibilità, pari, e non a caso, alle evidenti fragilità.” (da
Commento del Garante dei Diritti dei Detenuti del Lazio, on. Angiolo
Marroni).
Hanno gentilmente prestato la propria immagine per le fotografie artistiche
contenute nel libro gli artisti: Alberto Ruocco, Massimiliano Bonafede e
Leandro Cassarà.
Da ‘Via dei Riari, 48’ saranno letti alcuni brani dall’autrice, da Alberto
Ruocco e dagli studenti Leandro Cassarà e Marianna Paolino.

Gennaro Francione presenterà infine la sua opera: APOXIOMENOS (L’ATLETA DI
LUSSINO).
L’atleta Koroibos, ex cuoco, esprime i peggiori vizi della Grecia di un
tempo, che sono quelli di adesso. Ovvero la ricerca di un arrivismo senza
scrupoli che non esita a ricorrere al doping pur di primeggiare nello sport
e nella vita sociale. Allora come ora, infatti, il primeggiare in una
disciplina dava accesso alle più alte cariche politiche.
Brani del testo saranno letti dall’autore e dall’attore Alberto Ruocco.

Chiuderà l’incontro il dialogo con i presenti.

--
No virus found in this outgoing message.
Checked by AVG Free Edition.
Version: 7.5.446 / Virus Database: 269.5.1/765 - Release Date: 17/04/2007
17.20

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl