Al Teatro Kopo', "Le ragazze di via Savoia, 31"

Nella Roma degli anni '50 - un tempo che potrebbe, ora, apparire lontanissimo, ma che svela caratteri assai simili all'attualità, riguardo certe tematiche - un'inserzione di lavoro pubblicata sul Messaggero diede luogo ad una vera e propria tragedia.

Persone Andrea Calandrini, Eugenio Dura, Elisabetta Tulli, Giuseppe De Santis, Elio Petri
Luoghi Roma
Argomenti cinema, musica, spettacolo, arte

23/mar/2016 12.30.18 Dafne D. D. Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Nella Roma degli anni '50 - un tempo che potrebbe, ora, apparire lontanissimo, ma che svela caratteri assai simili all'attualità, riguardo certe tematiche - un'inserzione di lavoro pubblicata sul Messaggero diede luogo ad una vera e propria tragedia. Il giornalista Elio Petri svolse un'inchiesta e dalla sua collaborazione con il regista Giuseppe De Santis nacque il film/documentario - raro esempio di cinema neorealista italiano - "Roma ore 11", pellicola forse ormai passata nel dimenticatoio, insieme alla commozione e al turbamento che scatenarono i fatti a cui si ispirò.

L'attrice, cantante ed autrice Elisabetta Tulli, complice la formazione universitaria in antropologia ma soprattutto - lo mostra con evidenza il suo lavoro - per merito della sua forte sensibilità umana, scostandosi lievemente dal tono più allegro e spensierato delle precedenti produzioni teatral-musicali, trae a sua volta ispirazione da quei fatti di cronaca che riguardarono duecento ragazze a via Savoia, 31 e sceglie di raccontare nuove, possibili, storie (inventandole) che possano, tutte assieme, formare un ritratto della donna e della sua forza immensa: la donna che deve combattere contro i pregiudizi della società, della famiglia, dei possibili datori di lavoro; la donna che fatica a conquistare un'emancipazione ed un'indipendenza economica che sembrano non doverle spettare, per destino; la donna che sa dare tutta sé stessa, amando e sperando, anche di fronte alle avversità più tragiche.

Una storia raccontata in musica e prosa, attraverso costumi e situazioni degli anni '50 ma nella quale ci si può facilmente riconoscere, nel 2016.

Lo spettacolo "Le ragazze di via Savoia, 31", diretto da Eugenio Dura, musicato da Andrea Calandrini, va in scena presso la deliziosa cornice del Teatro Kopo', un gioiello da scoprire poco fuori dal centro di Roma. Dal 7 al 10 aprile, alle ore 21 e la domenica anche alle ore 17.

 

Dafne D. D.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl