Cormons: martedì alle Scuole primarie il progetto "Cjacis"

01/giu/2007 09.30.00 Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Martedì 5 maggio, alle ore 17, presso al sala polifunzionaledelle Scuole primarie di Cormons (in viale Roma 21) si terrà la dimostrazionefinale del laboratorio di burattini in lingua friulana "Cjacis",condotto da Michele Polo per le due classi quarte delle scuole elementari"Ippolito Nievo" e "Feltre" di Cormons.

 

L’iniziativa nasce in seno alle attività del ProgettoTeatro&Scuola dell’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia edè sostenuta dal Comune e dall’Istituto comprensivo.

 

Allegato e di seguito trovate un comunicato stampa e unafoto dei burattini costruiti dai bambini.

 

Ringraziandovi per la collaborazione, resto a disposizioneper ogni chiarimento

 

Cordiali saluti

 

Ente Regionale Teatrale

del Friuli Venezia Giulia

Fulvio Floreani

Ufficio Stampa

0432-224266 (tel. diretto)

335-8748974 (cell.)

0432-204882 (fax)

mail: ufficio.stampa@ertfvg.it

skype: fulvio_ert

web: www.ertfvg.it- www.teatroescuola.it

 

 

 

Comunicato stampadel 1. giugno 2007

Con corteserichiesta di pubblicazione/diffusione

 

 

Martedì 5 giugno, alle ore 17, presso al salapolifunzionale delle Scuole primarie dell’Istituto comprensivo di Cormons (inviale Roma 21) si terrà la dimostrazione finale del laboratorio di burattini inlingua friulana "Cjacis", condotto da Michele Polo per le dueclassi quarte delle scuole elementari "Ippolito Nievo" e"Feltre" di Cormons. L’iniziativa nasce in seno alle attività del ProgettoTeatro&Scuola dell’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia edè sostenuta dal Comune e dall’Istituto comprensivo.

I bambini e leinsegnanti coinvolte in “Cjacis” hanno seguito un percorso di costruzione eanimazione di un burattino ricavato da un mestolo di legno (“di une cjacegjavà fur un pipìn” come si dice in friulano), e di allestimento di unpiccolo lavoro finale dove saranno i bambini stessi a testare la capacità deiloro burattini di tradurre istantaneamente le parole dall'italiano al friulano.

Il laboratoriocondotto da Michele Polo – attore, burattinaio, cantastorie – ha avuto comefinalità lo sviluppo della capacità espressiva dei bambini. Costruire unburattino partendo da un elemento di tutti i giorni come un mestolo, imparare amuoverlo e a raccontare insieme una storia sono stati i vari passaggi delprogetto. “L’utilizzo della lingua friulana – spiega Polo – è stato pensato persfruttare le possibilità espressive di una lingua che mantiene ancora unadimensione magica”.

Tutte le informazioni sull’attivitàdi Teatro&Scuola possono essere reperite sul sito www.teatroescuola.it o chiamando l’EnteRegionale Teatrale al numero 0432-224214.

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl