looking for Waste Land:Eliot alla Paolo Grassi

28/giu/2007 17.49.00 Scuola d'arte drammatica Paolo Grassi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi

 

 

Lunedì 2 martedì 3  giovedì 4  luglio ore 21.00

 

 Sala Teatro

 

 

Looking for Waste Land

progetto  su La Terra Desolata di T.S.Eliot

 

ideazione e coreografia Luciana Melis

 

regia Elisa Di Liberato e LorenzoFacchinelli

drammaturgia Marcello Gori

canto e musiche dal vivo a cura di Emanuele De Checchi

 

collaborazione di Alessandra Violi

 

con gli allievi del III anno del corso di Teatrodanza

 

“In cerca di Waste Land”: il corso di Teatrodanza e un poema capolavoro come The Waste Land di T.S.Eliot. E’ la conclusione ed insieme la sfida di un progetto nato nel 2004, all'interno della Scuola, che ha visto consolidarsi un gruppo di lavoro di allievi danzatori, registi e drammaturghi intorno alla coreografa Luciana Melis.

Looking for Waste Land è l'approdo di un percorso di ricerca incentrato sul rapporto tra la poesia del '900 e la danza, ovvero sul corpo del danzatore come luogo di attraversamento e cassa di risonanza della parola e del pensiero poetico.

 

 

 

 

 

Diviso in cinque movimenti, e da alcuni alcuni studiosi paragonato a una sinfonia, The waste Land parla voci diverse di diverse persone e di diverse lingue, è poema di morte ma anche di rinascita, di aridità ma anche di ristoro: a  partire da questa straordinaria ricchezza, Luciana Melis  ha individuato nel tema della sterilità il filo conduttore del percorso drammaturgico, registico e coreografico.

 

 

Attraverso il lavoro di improvvisazione, la coreografia intende restituire la natura multiforme della poesia: la danza appare come un meccanismo inceppato che lascia in sospeso la domanda di Eliot sull'impossibilità di ricomporre i frammenti di un intero. Terra desolata, dunque, come luogo in cui accostarre stili e generi differenti, come una sagra della primavera sempre interrotta per l'impossibilità di stabilizzarsi su una scelta, come una trasformazione continua non solo del ciclo naturale e umano, ma dello spazio, del corpo e del movimento.

 

Dall’ A-Ronne di Luciano Berio ed Edoardo Sanguineti -dove musica e poesia giocavano alla moltiplicazione e al cortocircuito del senso -  passando per un primo incontro con Eliot e i suoi Four Quartets, il gruppo di lavoro ha intrapreso  questa “ricerca di waste Land” confrontandosi con quello che è probabilmente il poema più famoso e più analizzato del 900. Preziosa per tutto il gruppo, la consulenza di Alessandra Violi, docente di letteraura inglese all’Università di Bergamo, che lo ha guidato in vere e proprie lezioni nella comprensione di questa opera tanto stratificata e complessa.

 

 

 

Scuola d'Arte Drammatica Paolo Grassi,

Via Salasco 4 - 20136 Milano

tel. 0258302813 www.scuolecivichemilano.it

ingresso libero su prenotazione obbligatoria

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl