AL TEATRO A L'AVOGARIA DI VENEZIA UNA GERUSALEMME LIBERATA TRA CALLI E CAMPIELLI

26/apr/2017 11:47:02 sabinocirulli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La commedia veneziana di fine seicento protagonista al Teatro a l'Avogaria di Venezia. Si terrá sabato 29 aprile 2017, alle ore 21.00, e in replica domenica 30 aprile 2017, alle ore 18.30, presso lo storico teatro (Dorsoduro 1607, Corte Zappa) lo spettacolo "Gerusalemme, Gerusalemme - El Goffredo del Tasso canta' alla barcariola". Diretto da Antonella Zaggia e Piermario Vescovo, é uno studio sulla splendida Gerusalemme liberata in dialetto veneziano reinventata da Tommaso Mondini, nome di rilievo nella letteratura dell'età barocca, il cui Pantalone mercante fallito ha interessato fin dalla sua fondazione l’Avogaria. Dalla messinscena di Giovanni Poli nel 1970 al successivo suo vario utilizzo di quel testo, in particolare ne Gli ultimi carnevali di Venezia. Ancora, subito dopo la sua morte, nel 1981, uno spettacolo da suoi testi coinvolgeva proprio – dopo essere stati allievi della scuola – i realizzatori del presente. A mettere in scena questo misconosciuto capolavoro, ispirato al canto in gondola delle ottave del poema, e per questa detta “alla barcariola”, gli allievi della Scuola di Recitazione del Teatro a l'Avogaria. Per l'occasione un cast tutto al femminile ( Sofia Ballarin, Irene Baldo, Arianna Calgaro, Maddalena Doná, Laura Marcon, Emma Padoan, Chiara Sciá), sette attrici impegnate come narratrici e manovratrici di burattini. Protagoniste le vicende di Clorinda e Armida che si dipanano nelle storie della Gerusalemme liberata che , in un impiego del "Tasso alla veneziana" sono reinventate tra calli e canali. Una via particolare e caratterizzante per rileggere un capolavoro della nostra tradizione letteraria.

L’Associazione Teatro a l’Avogaria, nasce nel 1969 dalla passione e dalla tenacia di Giovanni Poli, già fondatore del Teatro Universitario Cà Foscari di Venezia, e dagli esordi si pone come laboratorio di ricerca che coniuga un metodo d’improvvisazione teatrale tra la Commedia dell’Arte e le Teorie dell’Avanguardia. In più di quarant’anni di attività ha prodotto oltre sessanta spettacoli tra cui la “Commedia degli Zanni” rappresentata con successo sui più importanti palcoscenici internazionali. Riconosciuta come uno dei centri di formazione professionale di riferimento nel Triveneto, ogni anno organizza corsi, dedicati ad appassionati e professionisti, su discipline quali recitazione, Commedia dell’Arte, dizione, storia del teatro, canto, tecnica dell’interpretazione.

Lo spettacolo sabato 29 aprile alle ore 21.00 e domenica 30 aprile alle ore 18.30,  su prenotazione telefonica ai numeri 0410991967-335372889 , avogaria@gmail.com Info: http://www.teatro-avogaria.it/

Ufficio Stampa: Sabino Cirulli Tel. 349 2165175 Mail: sabinofabiocirulli@yahoo.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl