Comunicato Stampa HangarCultLab Teatro

18/dic/2007 18.50.00 Chiara Trasatti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Prende il via il 21 dicembre 2001 alle ore 21.30 la seconda rassegna invernale dell’Hangar Cult Lab. La rassegna, che si snoderà tra dicembre 2007 e gennaio 2008, presenterà come di consueto quattro spettacoli due nel mese di Dicembre e due in Gennaio.

La scelta è ricaduta su spettacoli che hanno riscosso notevole interesse di pubblico e critica a livello nazionale e dove emerge con forza la centralità della figura dell’attore.

In tutti e quattro i casi, infatti, avremo in scena un singolo attore, formula che negli ultimi anni sembra riscuotere molto successo anche nel teatro.

Uno sguardo verso le “nuove” realtà nazionali e una punta di diamante della nostra regione.

 

 

La rassegna si apre venerdì 21 dicembre alle ore 21.30 (replica il sabato) con “Ercole e le stalle di Augia” del Teatro dell’Elce di Firenze, uno spettacolo che porta alla ribalta una sezione fondamentale ma poco conosciuta della produzione di Dürrenmatt, i radiodrammi, trovando nella parodia sarcastico-mitologica di Ercole le stalle di Augia la sua espressione più alta. La vicenda, infatti, in superficie grottesca e favolosa, adombra in maniera esemplare una disperante riflessione esistenziale.

È poi la volta, venerdì 28 dicembre (ore 21.30 con replica il sabato), di Maurizio Lupinelli che porterà in scena “Fuoco Nero”, un dramma che attraversa l’intera vicenda umana, storica, biologica e cosmica un viaggio onirico e crudele dove l’attore cerca una via d’uscita attraverso il corpo e i corpi, la luce e il buio. Il corpo vivo dell’attore che si suicida per poter esistere, in un luogo: un tappeto nero sdrucito, una cornice di luce, quattro barattoli legati assieme da nastro isolante da pacchi, una pistola a tamburo, un morso da cavallo regolamentare, azioni scandite da colpi di pistola e dalla terza di Malher.

La rassegna riprenderà poi in gennaio, il 18 e 19 sempre alle 21.30 con Oscar de Summa ed il suo “Riccardo III”, un eccellente banco di prova per questo giovane attore emergente che mescola ritmi, registri e linguaggi diversi, riscrivendo e inscrivendo la storia del sanguinante monarca in una scena nuda, vestito di una sola, pesante pelliccia, con anfibi, bastone e una pila.

Chiude la rassegna, venerdì 25 gennaio (ore 21.30 con replica il sabato) uno degli spettacoli più interessanti della nostra Isabella Carloni “Circe o il profumo degli animali”. “Circe” racconta, in forma di affabulazione per canto, voce e percussioni, l’altra faccia del mito della maga terribile che Ulisse incontra nel suo lungo viaggio di ritorno a Itaca, e offre attraverso l’ironia e i canti della cultura popolare un punto di vista imprevisto sul più maleodorante degli animali, il maiale.

 

 

 

In allegato segue calendario degli eventi

 

 

 

 

Con cortese preghiera di pubblicazione/diffusione

 

L’ufficio stampa

Chiara Trasatti

3384469970 - chiara.trasatti@tele2.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl