"Didone errante" - Teatro Due di Roma, dall'1 al 20 aprile

31/mar/2008 14.30.00 ozarzand Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Teatro Due Roma 
Sala Aldo Nicolaj
Vicolo dei Due Macelli 37
(metro Spagna o Barberini)
tel. 06 6788259
1- 20 aprile 2008
Didone errante
"Perché non sono vissuta fiera come una selvaggia, 
sola, senza amore né colpa, senza tutto questo dolore?"

un monologo di 
liberamente tratto dal libro IV dell'Eneide di Virgilio  
e da Heroides di Ovidio

interpretato da 

a cura di 
Ente Teatro Cronaca

in collaborazione con 

costume di  Dora Argento
musiche a cura e di  Calogero Giallanza
movimenti coreografici di  Giovanna Summo
luci  Aulo Cerasomma
direttore di scena Monica Mariotti
amministratore Lino Adaggio

ideazione scenica e regia


Teatro Due Roma 
Sala Aldo Nicolaj
Vicolo dei Due Macelli 37
(metro Spagna o Barberini)
tel. 06 6788259

Orario rappresentazioni:
dal Martedi al Sabato, ore 21:00
Domenica, ore 17:30

Didone riaffiora e ripercorre la sua storia d'amore...
...il pubblico con il fiato sospeso...
...un teatro colto, lieve, appassionante...

ufficio stampa
Susana Palomar
347.8683137

prenotazioni gruppi e scuole: 
065880406   333.1522372

Consigliata la prenotazione 
al numero del Teatro Due:
06 6788259

Stampando il talloncino qui sotto 
e presentandolo al botteghino
è valido per due biglietti ridotti

Didone, un personaggio che attraversa la Storia e il Mito, giungendo fino a noi, in una reviviscenza che trasfonde la sua esperienza dal territorio dellla classicità a quello contemporaneo, rinsanguando e riportando a noi come vive e presenti le vicende, l’anima e il corpo di un personaggio che ancor oggi può essere di straordinario impatto visivo ed emotivo, nel nostro tempo, per la nostra umanità, per rendere al nostro presente la forza e la vitalità del mito, del linguaggio e di tematiche universali, fervide e fertili. Didone ritorna fra noi. La sua voce e la sua presenza ci rendono l’accadere infinito di questa donna, in fuga da millenni, la sua lotta contro il destino, l’appassionante catarsi della sua scelta finale, estremo atto di liberazione.


Didone appare dal tempo mitico nel nostro, vestita d'un abito da sposa abbandonata prima delle nozze, scava tra rifiuti, adopera oggetti di scarto e li ingloba nella sua storia, ascolta o dialoga con suoni e musiche etniche o rock, classiche o minimaliste, si muove come un'eroina, una bambina, una selvaggia, danza e si esalta come in discoteca, striscia come una vittima o incede come una regina, piange come una donna di oggi e s'infuria come un'erinni femminista. Si dissolve nell'ineluttabilità del proprio destino. Ma pur nella sconfitta dimostra la superiorità del femminile rispetto alle viltà e agli opportunismi maschili.
E dunque, rendere la sua tragicità epica vivente e attiva attraverso il tessuto contemporaneo è stata la ragione prima di questo nostro allestimento. 
Francesco Randazzo


Da questo spettacolo è stato tratto un film di mediometraggio, presentato alle Giornate Europee del Cinema di Torino nel novembre del 2007. Realizzato con il contributo di IMAIE e Film Commission Provincia di Siracusa.

_________________________________

Ostinati Officina di beni immateriali


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl