programma 15 luglio Arlecchino domani

13/lug/2008 18.49.00 Scuola d'arte drammatica Paolo Grassi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 

Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi

 

Comunicato stampa

 

Martedì 15 luglio 2008

 

ore 18.45

“Il viaggio di Arlecchino da Mantova a Parigi”

Un incontro con Siro Ferrone

 

ore 21.30

“L’Âge d’Or a Milano: trenta anni dopo”

con M. Gonzalez, J. C. Penchenat, E. Stiefel,

 

ore 22.00

“La conferenza di Pantalone”

uno spettacolo-dimostrazione

con Mario Gonzalez e Eric Tinot

 

 

 

Un Hommage a l’Âge d’Or è la serata del 15 luglio alla Paolo Grassi, dedicata al passaggio a Milano, più di trenta anni fa, del Théâtre du Soleil -compagnia fondata da Ariane Mnouchkine nel 1964 ed esempio di una delle esperienze teatrali internazionali più significative - con uno spettacolo che segnò l’irrompere di una nuova commedia dell’arte e che influenzò profondamente una generazione di teatranti. I protagonisti di l’Âge d’Or - che era stato allora ospitato dal Piccolo Teatro sotto un tendone da circo – si ritrovano per un incontro pubblico, una dimostrazione e uno spettacolo al festival Arlecchino domani.

 

E’ Siro Ferrone, docente universitario, autore e critico teatrale tra i più autorevoli, ad aprire alle ore 18.45 questo omaggio all’Arlecchino che nell’Age d’Or doveva poi trasformarsi in Abdallah, immigrato nord-africano alla scoperta del mondo occidentale nel porto di Marsiglia. Nel suo ultimo libro Arlecchino. Vita e avventure di Tristano Martinelli attore, Ferrone restituisce una biografia al primo Arlecchino della storia, ricostruendone i viaggi attraverso l’Europa e il suo arrivo alla corte di Francia, dove visse circondato da un alone di magia, amato dai Valois, e diventando ricco e famoso.

 

Alle 21.30 sono invece Mario Gonzales, Jean-Claude Penchenat e Eric Stiefel a raccontare l’esperienza di l’Âge d’Or , e a presentare insieme lo spettacolo delle ore 22.

 

“La maschera, nel gioco creato dalla sua intensità e dal suo fulgore nello spazio teatrale ha una forza magica che invita il pubblico ad un vero e proprio dialogo”, così Eric Stiefel scriveva nel 1975, nel programma di L’Âge d’Or. Dal 1968 Stiefel lavora con il Théâtre du Soleil e il suo atelier permanente è situato all’interno della Cartoucherie de Vincennes, sede della compagnia diretta da Ariane Mnouchkine. Grande scultore di maschere- sono sue quelle usate dai grandi maestri della commedia -le realizza di vari tipi, in legno, cuoio, lacca e persino in lino.

Jean-Claude Penchenat, attore, regista e drammaturgo, ha lavorato come commediografo e co-autore in creazioni collettive del Théâtre du soleil - I Clowns, 1789, 1793 e L’ Âge d’Or. Nel 1975 costituisce il Théâtre du Campagnol, compagnia che nel 1983 diventerà Centre Dramatique National la cui notorietà si è affermata anche in Italia grazie allo spettacolo Le Bal, da cui Ettore Scola ha tratto il film Ballando Ballando.

Mario Gonzales ha lavorato otto anni con Ariane Mnouchkine in spettacoli come Les clowns, La Cuisine, 1789, e L’ Âge d’Or e nei film Moliere and 1789. E’ stato poi diretto, tra gli altri, da Benno Besson in Come il vous plaira, da Petrika Ionesco in L’Histoire du Soldat e da Adel Hakim in Le parc. Insegnante, attore e regista in alcune delle maggiori istituzioni teatrali internazionali, tra cui il Conservatoire National Supérieur d’Art Dramatique di Parigi, viene considerato come uno dei maggiori esperti di discipline pedagogiche teatrali in Francia.

 

 

LA CONFERENZA DI PANTALONE ore 22

 

L’indimenticabile Pantalone de L’Age d’Or di Ariane Mnouchkine a Milano vuole condividere con gli spettatori  il suo viaggio dalla maschera neutra alla maschera espressiva. Un’occasione unica di vedere Gonzalez ripercorrere l’esperienza della propria vita professionale in piena libertà. “La maschera neutra è la base di tutto il lavoro dell'attore. E’ la preparazione indispensabile per la maschera espressiva ed è l’equivalente teatrale della gamma in musica. E’ la fase neutra, bianco e nero, senza sentimento né passioni, che pratico con l’esercizio del corpo. La disciplina della scuola, lo spazio, la memoria, la confidenza in sé e negli altri. La maschera espressiva è un lavoro d'interpretazione, con colori, vestiti, volumi, parole, canto, sentimenti e passione.” Per questa rappresentazione Gonzales lavorerà solo con la maschera di Arlecchino, realizzata da diversi creatori, avvalendosi della collaborazione del giovane attore Eric Tinot, suo allievo da sei anni.

 

 

Ingresso € 12

Per informazioni:

Scuola d‘Arte Drammatica Paolo Grassi

Via Salasco 4 20136 Milano tel. 02 5830 2813

www.scuolecivichemilano.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl