programma 16 luglio Arlecchino domani

programma 16 luglio Arlecchino domani Scuola d'Arte Drammatica Paolo Grassi Comunicato stampa FESTIVAL ARLECCHINO DOMANI mercoledì 16 luglio 2008 ore 18.45 "Tutti i volti di Arlecchino dietro e oltre la maschera" un incontro con D. Sartori, P. Byland, E. Stiefel, M. Gonzalez, S. Perocco di Meduna, M. Sgrosso ore 21.30 Pierre Byland e Mareike Schnitker in "CONFUSION" Omaggio a Jacques Lecoq di Jacques Lecoq e Pierre Byland ore 18.45 "Tutti i volti di Arlecchino dietro e oltre la maschera" Donato Sartori, Erhard Stiefel, Stefano Perocco di Meduna, mascherai e artisti noti in tutto il mondo si raccontano in quello che è l'ultimo incontro del Festival Arlecchino domani, per fare un bilancio e guardare avanti verso il futuro della maschera e oltre la maschera.

14/lug/2008 16.10.00 Scuola d'arte drammatica Paolo Grassi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
 

Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi

 

Comunicato stampa

 

FESTIVAL ARLECCHINO DOMANI

 

mercoledì 16 luglio 2008

 

ore 18.45

“Tutti i volti di Arlecchino dietro e oltre la maschera”

 

un incontro con

D. Sartori, P. Byland, E. Stiefel, M. Gonzalez, S. Perocco di Meduna, M. Sgrosso

 

ore 21.30

Pierre Byland e Mareike Schnitker in

“CONFUSION”
Omaggio a Jacques Lecoq

di Jacques Lecoq e Pierre Byland

 

 

ore 18.45

“Tutti i volti di Arlecchino dietro e oltre la maschera”

 

Donato Sartori,  Erhard Stiefel, Stefano Perocco di Meduna, mascherai e artisti noti in tutto il mondo si raccontano in quello che è l’ultimo incontro del Festival Arlecchino domani, per fare un bilancio e guardare avanti verso il futuro della maschera e oltre la maschera. Sono i costruttori dei volti di Arlecchino e testimoniano il lungo cammino di collaborazione creativa con gli attori. Il padre della maschera moderna Donato Sartori, protagonista della grande avventura strehleriana e fondatore del Centro Maschere e Strutture Gestuali, e Erhard Stiefel, autore di una grande pagina della storia della Commedia dell’Arte- l’avventura del Théâtre du Soleil - hanno come testimonial due grandi attori come Pierre Byland e Mario Gonzalez;  il terzo protagonista, Stefano Perocco di Meduna, che rappresenta la generazione più giovane, ha al suo fianco Marco Sgrosso che testimonia il suo percorso con i  gruppi  teatrali contemporanei.

 

 

 

 

ore 21.30

Pierre Byland e Mareike Schnitker in

“CONFUSION”
Omaggio a Jacques Lecoq

di Jacques Lecoq e Pierre Byland

Con lo spettacolo di Pierre Byland e Mareike Schnitker, Arlecchino domani incontra il clown attraverso due attori straordinari che sono stati entrambi allievi di Lecoq.

"Questo spettacolo, in francese e italiano, è un omaggio a Jacques Lecoq, al lavoro che abbiamo fatto con questo grande maestro, ricercatore e uomo di teatro. Ci siamo molto divertiti, scoprendo e osservando il comportamento della gente, il suo modo di muoversi, di parlare, i suoi tratti di carattere, le sue manie e deformazioni. Confusion è nato dal desiderio di scoprire i legami tra l'uomo e l'attore.”

In scena, Pierre Byland e Mareike Schnitker analizzano la vita quotidiana e il comportamento delle persone usando le tecniche del mimo, dell’acrobazia e l’uso delle “maschere teatrali”. Si prendono in giro e lo spettacolo finisce in... una confusione.

“L’umorismo è ridere malgrado tutto in questa frase si può riassumere il percorso di Pierre Byland,  attore, musicista e clown che ha lavorato - tra gli altri - con Antoine Vitez, Jerome Savary, Ctibor Turba, Marcel Marceau, Benno Besson.  E’ stato Pierre Byland, allievo della Scuola prima di insegnarvi, a portarci il famoso naso rosso, questa maschera, la più piccola del mondo, che avrebbe permesso di far uscire  dall'individuo la sua ingenuità e la sua fragilità" così scriveva Jacques Lecoq in  « Il corpo poetico » ( Edizione Ubulibri).

 Nel  1971, dopo avere insegnato acrobazia drammatica e improvvisazione alla scuola di Lecoq,  Byland crea la compagnia Les Fusains iniziando un originale percorso di ricerca sull’arte del clown fino a pefezionare gli insegnamenti del maestro. Da vent’anni il “suo” clown è uscito dal circo, ha smesso gli abiti, il trucco, il naso rosso per sperimentare nuovi orizzoni e possibilità espressive, riconciliando circo e teatro. Questo “nuovo clown”  utilizza tutti gli strumenti per riflettere sulla propria e altrui umana stupidità ed esprimere derisione ma sempre condividendola  con il pubblico. Riuscire a fare ridere il pubblico su di sé e i propri paradossi, questo è l’intento di Byland,  che lascia poi a ciascuno il compito di scoprire  il “proprio clown”. Con Mareike Schnitker ha fondato in Svizzera il “Burlesk Center” (Centro Europeo delle Arti Contemporanee).

Per informazioni: Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi- via Salasco 4  Milano tel. 0258302813. Ingresso 12 euro

 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl