INGMAR BERGMAN la Sala Uno

07/feb/2009 22.10.12 Giulia Contadini Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato Stampa Teatro

 

SalaUno Teatro

Presenta

All’interno della rassegna

Eventi

 

Sinfonia d’autunno

di Ingmar Bergman

Dall’11/02/09 al 13/02/09 alle ore 21

 

Con

Charlotte:Teresa Polimei

Eva: Anita Arena

Viktor: Egidio Manna

 

Regia

Nicola Lorca

 

Il lavoro, Sinfonia d’autunno è considerato uno dei capolavori cinematografici di Ingmar Bergman, interpretato nel 1978 da Ingrid Bergman e Liv Ullmann, la cui trama è di seguito sintetizzata “Eva, moglie del pastore protestante Viktor, aiuta il marito negli affari della parrocchia e nelle funzioni religiose. In casa, isolata dalla comunità, la giovane donna dedica il suo tempo alla sorella Helena, immobilizzata da una grave e progressiva infermità invalidante, e vive nella sensazione della continua presenza del figlio Enrik, tragicamente annegato il giorno prima del suo quarto compleanno. Con il consenso di Viktor, Eva invita sua madre Charlotte a trascorrere da loro un periodo di vacanza. Concertista di pianoforte di fama mondiale e piena di vitalità, Charlotte è perennemente in viaggio; ma ha perso da poco il compagno Leonardo, ed in più non vede sua figlia da 7 anni. All'arrivo della madre, Eva la accoglie con affettuosa gioia, comunicandole la presenza di Helena nella stanza accanto. Charlotte vi entra con riluttanza. In un primo incontro tra madre e figlia, l'onda dei ricordi induce Eva a rimproverare l'egoismo di Charlotte. La cena che segue sembra placare lo scontro. Ma è solo un’interruzione, poiché di notte, a causa dell'insonnia della mamma, Eva riprende il discorso e lo conduce a un feroce denudamento di tutto il passato. Charlotte, dopo aver tentato invano di difendersi, riprende il suo viaggio in compagnia di Paul, il suo manager. Eva, dopo avere ripreso forza e illuminata da una calda speranza, scrive una lettera con la quale chiede scusa alla madre e le estende il suo fervido desiderio di ricostruire un rapporto che, pur essendo stato lacerante, è essenziale per accontentare la sua necessità di sentirsi una figlia accettata.” E’ una storia in cui si snodano in un fiume di pensieri, i ricordi di un’infanzia vissuta senza la presenza fisica della madre e con la presenza ingombrante della sua carriera artistica. Lo scontro tra madre e figlia è uno scontro dialettico, sempre controllato ed elegante, in cui le recriminazioni feriscono, ma mai quanto la consapevolezza che il passato non può essere ricostruito in termini diversi; tuttavia la speranza c’è, perché sul futuro si può intervenire se c’è quella volontà matura di superare i propri limiti e gli errori commessi reciprocamente. Perché non si smette mai di essere una madre e di essere una figlia.

 

Teatro SalaUno

Porta di San Giovanni, 10 tel. 06/7009329

11-13 febbraio 2009 ore 21

Biglietto intero euro 15,00 - ridotto euro 12,00 anziani e 7,00 studenti

                             

 

 

Ufficio Stampa

Giulia Contadini

 cellulare

333/3483517

 email giuliacontadini@hotmail.com

 



Diversão em dobro: compartilhe fotos enquanto conversa usando o Windows Live Messenger.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl