D.A.S.E.IN (DIRITTO ARTE SOCIALITA’ E INFORMAZIONE) SU ROMA 1: CONTROINFORMAZIONE VS QUARTO E QUINTO POTERE

D.A.S.E.IN (DIRITTO ARTE SOCIALITA' E INFORMAZIONE) SU ROMA 1: CONTROINFORMAZIONE VS QUARTO E QUINTO POTERE Lunedì 16 febbraio 2008, ore 18 - 19 l'avvocato Francesco Elia e il giudice drammaturgo Gennaro Francione parteciperanno alla trasmissione D.A.S.E.IN (DIRITTO ARTE SOCIALITA' E INFORMAZIONE) su ROMA UNO TV diretta da Raffaele Festa Campanile Si parlerà di diritto, cronaca quotidiana, socialità con un ospite artista per ogni trasmissione.

14/feb/2009 22.55.20 Andrej Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


                                                     Lunedì 16 febbraio  2008, ore 18 – 19

                  l’avvocato Francesco Elia e  il giudice drammaturgo Gennaro Francione 

             parteciperanno alla trasmissione

D.A.S.E.IN (DIRITTO ARTE SOCIALITA’ E INFORMAZIONE)

                                                       su ROMA UNO TV

                                      diretta da Raffaele Festa Campanile

    Si parlerà di diritto, cronaca quotidiana, socialità con un ospite artista per ogni trasmissione.

   Il tutto in una ricerca della notizia alternativa di  socialità, arte e  cultura,  a favore della controinformazione di cui è maestra la Rete.

        La sigla sta per Diritto, socialità, arte e informazione e gioca anche sul termine Dasein,         introdotto in filosofia da Martin Heidegger nella sua opera Essere e tempo,  a indicare nell’esser-ci  la fondamentale  natura dell'uomo,  il cui fine è prima di tutto un essere impegnato con tutta   l'anima nel mondo.

        Il programma DASEIN, che di questo impegno totale  e finanche controcorrente si fa portabandiera,  intende appunto esplorare l'informazione oltre  i 360° consueti per andare a rilevare  pieghe nascoste, gravide e ultradimensionali di sensi del vivere comune.

           IL TEMA DEL GIORNO del 16 febbraio sarà CONTROINFORMAZIONE VS QUARTO E QUINTO POTERE

        Ospite è Visar Zhiti, viceambasciatore d’Albania, condannato dal precedente regime a 10 anni di lavori forzati per le sue poesie.

         In una commovente azione del 3° Convegno Giudici Scrittori Francione, a nome di tutti i giudici del mondo, chiese perdono a Visar per aver la giustizia condannato un poeta. La notizia del perdono ha avuto una vasta eco in rete e nei giornali e nelle televisioni di Albania e Kossovo. Il giornale "Rilindja Demokratike" (Rinascita democratica), espressione del partito al potere, titola   "DI FRONTE AI CRIMINI DEL COMUNISMO LE SCUSE MORALI  NON VENGONO DAI PERSECUTORI ALBANESI MA DALL'OCCIDENTE, riportando in tre pagine la cronaca  e il commento   dell'avvenimento. E' solo uno dei tanti giornali albanesi che hanno scritto  sull'insolito ed edificante episodio,  riportato per primo su "Tema", seguito dal più grande giornale albanese "Shekulli" (Il secolo), da "Albania", da "Sot" (Oggi).  La notizia è stata ripresa e riportata tra le altre nelle televisioni Tv pubblica, Top channel, Antenna.  Anche in Kossovo  vari giornali, tra cui il prestigioso "Ekspres", hanno riportato l'avvenimento

          E i giornali italiani? Niente.

           Nell’abbraccio fraterno, Zhiti in albanese,  Francione e l’avvocato Elia in italiano, declamarenno alcune poesie simboleggianti la fuga dal carcere sul grifone aedico attraverso i quattro elementi: terra, acqua, aria, fuoco.   Tra di esse quelle che decretarono la condanna ai lavori forzati.    

Ci sarà l’intervento telefonico del consigliere Fabrizio Panecaldo già intervenuto di persona nella trasmissione del 9 febbraio.

Per il teatro verranno presentati due spettacoli in scena l’uno dietro l’altro al teatro Aldo Fabrizi di Morlupo.

Il primo (venerdì 20 febbraio ore 21.00 e sabato 21 febbraio ore 21.00) con CARLO MOLFESE il quale racconta "Le memorie di un impresario: l'avventura del Teatro Tenda" con I PANDEMONIUM e la Straordinaria ANNA CAMPORI famosa per aver interpretato  Giovanna, la nonna del Corsaro Nero, trasmissione televisiva andata in onda dal 1961 al 1966 in cui lavoravano il marito Pietro De vico e l'attore Giulio Marchetti. Regia di Marco Simeoli

Il secondo   (domenica   22 febbraio ore 18) PULCINELLA, BIANCANEVE E I MOSCONI                                     è il multispettacolo dell'Adramelek Theater  PULCINELLA, BIANCANEVE  E I MOSCONI.  Due  monologhi grotteschi (uno recitato da Gino Taranto, l’altro da Ilaria Sartini) di Gennaro Francione con improvvisazioni canore e recitate di Vincenzo Sartini che è anche regista.

Una curiosità. La sigla musicale di apertura e chiusura del programma “PORTO AZZURRO” è opera di due giudici musicisti. FRANCIONE, in veste di compositore, e GIORGIO PUNZO, sax tenore  e arrangiatore del pezzo.

    @@@@@@@@@@@

Per seguire la trasmissione in rete che andrà in onda ogni lunedì dalle 18 alle 19 (con repliche all’1,20 e l’indomani alle 9,30):

In Rete: http://www.romauno.tv/

Analogico
» Roma: CH 31
» Lazio: Monte Lungo Ch.65 / Vallemaio Ch.62 / Monte Curio Ch.G / Isola Liri Ch.31

Satellite
Sky CH.860

oppure in chiaro con queste coordinate:
Hot Bird 6 - Frequenza 11.541
Polarizzazione Verticale
FEC 5/6 - SR 22000

STUDIO LEGALE ELIA

Piazza Bainsizza, 1 - 00195 - Roma

tel: +39 063721499 Fax: +39 0637500689

http://www.studiolegaleelia.it/

UNIONE EUROPEA GIUDICI SCRITTORI(EUGIUS): LA NUOVA              

     UNIONE DEI GIUDICI UMANISTI D'EUROPA:                       

           http://www.antiarte.it/eugius

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl