2 MARZO: D.A.S.E.IN (DIRITTO ARTE SOCIALITA’ E INFORMAZIONE) SU ROMA 1: PERCHE’ LA PIU’ GRANDE TRAGEDIA FERROVIARIA DELLA STORIA E’ STATA DIMENTICATA?

Lunedì 2 marzo 2008, ore 18 - 19 l'avvocato Francesco Elia e il giudice drammaturgo Gennaro Francione parteciperanno alla trasmissione D.A.S.E.IN (DIRITTO ARTE SOCIALITA' E INFORMAZIONE) su ROMA UNO TV diretta da Raffaele Festa Campanile Si parlerà di diritto, cronaca quotidiana, socialità con un ospite artista per ogni trasmissione.

27/feb/2009 20.57.07 Andrej Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


                                                     Lunedì 2 marzo   2008, ore 18 – 19

                  l’avvocato Francesco Elia e  il giudice drammaturgo Gennaro Francione 

             parteciperanno alla trasmissione

D.A.S.E.IN (DIRITTO ARTE SOCIALITA’ E INFORMAZIONE)

                                                       su ROMA UNO TV

                                      diretta da Raffaele Festa Campanile

    Si parlerà di diritto, cronaca quotidiana, socialità con un ospite artista per ogni trasmissione.

   Il tutto in una ricerca della notizia alternativa di  socialità, arte e  cultura,  a favore della controinformazione di cui è maestra la Rete.

        La sigla sta per Diritto, socialità, arte e informazione e gioca anche sul termine Dasein,         introdotto in filosofia da Martin Heidegger nella sua opera Essere e tempo,  a indicare nell’esser-ci  la fondamentale  natura dell'uomo,  il cui fine è prima di tutto un essere impegnato con tutta   l'anima nel mondo.

        Il programma DASEIN, che di questo impegno totale  e finanche controcorrente si fa portabandiera,  intende appunto esplorare l'informazione oltre  i 360° consueti per andare a rilevare  pieghe nascoste, gravide e ultradimensionali di sensi del vivere comune.

           IL TEMA DEL GIORNO del 2 marzo sarà L’OMERTA’ DELLE CASTE: PERCHE’ LA PIU’ GRANDE TRAGEDIA FERROVIARIA DELLA STORIA E’ STATA DIMENTICATA?

Scaletta:

-         presentazione dell’opera di Francione introduttiva del tema Guerra

-          

-          LA GUERRA CULINARIA DI MONSIEUR GURDJIEFF

di G. Francione

 

per la regia di Vincenzo Sartini

con Vincenzo e Ilaria Sartini,   Tony Matera

Dramma in un atto. Racconta l'insegnamento di George Ivanovitch

Gurdjieff(1877-1949),  il maestro armeno che agli inizi del secolo scorso

fondò una scuola d'insegnamento esoterico volto alla liberazione dell'uomo.

Attraverso il Triagramma Drammaturgico rappresentato dal Maestro Musicale,

dall'Allievo Poeta e dall'Amante Pittrice si dipana la storia di tre anime

nascoste nella casa di una Parigi appena invasa dalle truppe tedesche. La

guerra si fa metafora della condizione umana in sé con l'insegnamento di

Gurdjieff che spinge l'essere lungo la Quarta Via della consapevolezza, dell'amore e

della fratellanza operosa.

Dove: Teatro Gasmann di Civitavecchia

Il 6 di marzo ore 21 il 7 di marzo ore 19 ore 21

@@@@@@@@@@@@

Ospiti il prof Vincenzo Esposito, antropologo culturale, DITESI - Università di Salerno e Carlo Preziosi - Università di Salerno  

il 23 gennaio 2006 presso  l’Università degli Studi della Basilicata a Potenza e presso l’Università di Salerno organizzò un convegno sulla tragedia di Balvano

- l’avvocato Gianluca Barneschi autore del libro Balvano 1944. I segreti di un disastro ferroviario ignorato, Milano, Mursia, 2005.

Nella notte tra il 3 e il 4 marzo 1944 il treno merci 8017 entrò nella galleria delle Armi, situata tra le stazioni di Balvano-Ricigliano e Bella-Muro (linea Battipaglia-Potenza).

Nella galleria, lunga 1692 metri, il lungo convoglio incominciò a slittare e non riuscì più a procedere: oltre cinquecento persone morirono asfissiate dalle esalazioni delle due locomotive a vapore.

Per 50 anni la tragedia è stata colpevolmente dimenticata finché Vincenzo e Gennaro Francione, che nella tragedia videro morire Giulia(rispettivamente madre e nonna), nella trasmissione "Un giorno speciale" di Michele Cocuzza del 23 marzo 2004  portarono alla luce la tragedia. Da allora una serie di iniziative nel web  e fuori come il convegno organizzato dal professor Esposito o il libro pubblicato dall’avv. GIANLUCA BARNESCHI
”Balvano 1944. I segreti di un disastro ferroviario ignorato”
Milano, Mursia, 2005.

 

Informazioni sulla tragedia:

TRENO DI LUCE 8017: L’INNO ALLA PACE DEI 521 MORTI DELLA   

      TRAGEDIA DI BALVANO  http://www.antiarte.it/trenodiluce

 

Sulla reiezione della petizione dei familiari di istituire un giorno della memori  da parte della presidenza della Repubblica.

 

http://www.comunicati.net/comunicati/societa_civile/associazioni/20353.html

 

        Una curiosità. La sigla musicale di apertura e chiusura del programma “PORTO AZZURRO” è opera di due giudici musicisti. FRANCIONE, in veste di compositore, e GIORGIO PUNZO, sax tenore  e arrangiatore del pezzo. @@@@@@@@@@@

Per seguire la trasmissione in rete che andrà in onda ogni lunedì dalle 18 alle 19 (con repliche all’1,20 e l’indomani alle 9,30):

In Rete: http://www.romauno.tv/

Analogico
» Roma: CH 31
» Lazio: Monte Lungo Ch.65 / Vallemaio Ch.62 / Monte Curio Ch.G / Isola Liri Ch.31

Satellite
Sky CH.860

oppure in chiaro con queste coordinate:
Hot Bird 6 - Frequenza 11.541
Polarizzazione Verticale
FEC 5/6 - SR 22000

STUDIO LEGALE ELIA

Piazza Bainsizza, 1 - 00195 - Roma

tel: +39 063721499 Fax: +39 0637500689

http://www.studiolegaleelia.it/

UNIONE EUROPEA GIUDICI SCRITTORI(EUGIUS): LA NUOVA              

     UNIONE DEI GIUDICI UMANISTI D'EUROPA:                       

           http://www.antiarte.it/eugius

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl