‘NA STORIA DE BORGATA scritto e diretto da Gianni Quinto

'NA STORIA DE BORGATA scritto e diretto da Gianni Quinto COMUNICATO STAMPA Ufficio stampa Compagnia Gi 5 Enrica Quaranta 339.1978275 Roma, 15/04/2009 Dopo il successo riscosso ad Ottobre 2008, torna a grande richiesta al Teatro Petrolini di Roma: 'Na storia de borgata scritto e diretto da Gianni Quinto.

16/apr/2009 21.30.57 Enrica Quaranta Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

                                                                                                                                                                                                                     Ufficio stampa Compagnia Gi 5

                                                                                                                                        Enrica Quaranta 339.1978275

 

 

 

Roma, 15/04/2009

 

Dopo il successo riscosso ad Ottobre 2008, torna a grande richiesta al Teatro Petrolini di Roma:

 

 

 ‘Na storia de borgata

scritto e diretto da Gianni Quinto.

 

 

- Spettacolo vincitore del primo premio al Festival del teatro comico "Comicorto 2008";
   per lo stesso concorso vincitore del premio Miglior Testo, Miglior Attrice, Gradimento del Pubblico presso il teatro “Petrolini”;

 

-  Secondo classificato alla rassegna “Autori nel cassetto, attori sul comò”, del teatro “Lo Spazio”;

 

-  Scelto per aprire la kermesse comica di Paola Tiziana Cruciani e Tosca durante la notte bianca di Garbatella 2008;

 

 

 

Scheda Tecnica e Artistica

 

Cecco Vencioni                       Luca Paniconi

Nannì Vencioni                        Micol Pavoncello

Sora Ghituccia             Anna Severini

Rag.Gustavo Pecoretti Giampaolo Filauro      

Commendatore Lanzaretti        Gianni Quinto  

La sig.ra Lanzaretti                  Elena Mazza

 

Testo e regia                            Gianni Quinto

Musiche originali del M°          Alessandro Greggia

Aiuto regia                               Elena Mazza

Scenografia                             DavideVincioni

Costumi                                   Carlotta Tommasi

Tecnico luci e fonica                Alessio Soro

Grafica                        Cristiana Numico

 

Durata dello spettacolo: 1h 40 minuti suddivisi in due atti

 

 

 

Sinossi

 

Roma, fine anni Venti. Cecco e Nannì Vencioni sono una coppia di “borgatari” che vive in una baracca di periferia. Lui è un fannullone che pensa solo a starsene con gli amici, giocare a carte e bere, mentre lei cerca di mandare avanti la casa come meglio può. Mentre sta lavando i panni al lavatoio con le altre massaie, una sua dirimpettaia, la sora Cleopatra, l’accusa di avere una relazione con un ricco signore, accuse da cui scaturisce una furibonda lite. Nannì torna a casa sperando almeno lì di trovare pace, invece riceve la visita di sora Ghituccia, la pettegola di quartiere, che confessa a Nannì di “aver sentito” di alcune avventure amorose di Cecco. Le cose si complicano quando il comune invia un esattore, il rag. Pecoretti, incaricato di riscuotere i debiti che la coppia ha maturato nei confronti dello Stato, pena il pignoramento dei mobili. L’ingresso di Cecco salverà, almeno sul momento, la coppia dalla rovina totale. In realtà nessuno sospetta che le accuse di Cleopatra sono vere e che Nannì per pagare l’affitto è costretta a concedersi al padrone di casa, il commendator Lanzaretti. Il giorno dopo Lanzaretti fa visita a Nannì dicendole che sua moglie vuole durante un controllo ai beni della famiglia, si accorge di un ammanco derivante proprio dal mancato pagamento dell’affitto. Per ciò è deciso a mandare via di casa Nannì, ma nonostante ciò il commendatore cerca ancora di approfittare di lei. Il tutto avviene proprio mentre ritorna Cecco, che preso da un impeto, colpisce Lanzeratti ignorando chi sia in realtà. Il commendatore, minacciando di denunciare Cecco alle autorità, pensa di avere la situazione in pugno. L’arrivo di sua moglie cambierà i suoi piani perché…

 

Note di regia

 

Due coppie, l’affitto da pagare e l’eterna lotta fra ricchezza e povertà: questi gli ingredienti de “Na storia de borgata”, in cui la risata si fa portavoce della riflessione. Volutamente la storia è datata agli inizi del ‘900, come omaggio ai padri della commedia cinica, quali Petrolini, Durante, Zanazzo, anche perché l’ambientazione consente di evidenziare la scottante verità del tema. La donna che si concede per pagare l’affitto diventa la donna che subisce le molestie sul posto di lavoro, o in generale diventa il simbolo di chiunque è costretto ad essere vessato a causa della sua condizione. Lontano dalla falsa retorica che i ricchi sono “cattivi” e i poveri sono i “buoni” la storia mette in risalto il fatto che chiunque pur di sopravvivere è disposto a scendere a patti con la propria coscienza. Non a caso la morale la tira fuori il più fannullone di tutti. A fare da cornice due maschere, la vicina pettegola e l’esattore integerrimo, che alternano la risata al dramma, e quindi alla riflessione. Riflettere  sul fatto che potrebbe far ridere vedere una storia simile a teatro, ma fa decisamente meno ridere sapere che questa è tratta da esperienze reali..

Un sincero ringraziamento va a Davide Vincioni per la sua splendida scenografia e al Maestro Alessandro Greggia che ha saputo restituire in musica ciò che gli attori esprimeranno con la loro recitazione.   

 

 

‘NA STORIA DE BORGATA

scritto e diretto da Gianni Quinto

dal 21 al 26 Aprile 2009

ORARI: ore 21 – domenica ore 17.30.

COSTO DEL BIGLIETTO: Biglietto intero € 12 –

Biglietto ridotto € 10 (compresa tessera associativa)

Teatro Petrolini

Via Rubattino 5

Tel. 06 5757488

Infoline e prenotazioni: 339/1978275

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl