Laboratori Teatrali all'Hangar: Maurizio Lupinelli dal 26 al 28 aprile e Teatro dell'Elce dal 13 al 15 maggio

Nel 2004 con la messinscena di Uno Studio per Marat-Sade, dal Marat-Sade di P. Weiss, prosegue l'esperienza con Pl.e.ia.di e, nel 2007, per volontà di Armunia Teatro, realizza il progetto del MARAT.

Allegati

21/apr/2009 15.15.04 Chiara Trasatti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Due importanti laboratori all'Hangar CultLab di Ancona: Strappi! con Maurzio Lupinelli e L'attore creativo condotto da Marco Di Costanzo e Stefano Parigi del Teatro dell'Elce.
Con preghiera di pubblicazione e diffusione

Compagnia Vicolo Corto News



LABORATORIO DI TEATRO

Strappi!

condotto da Maurizio Lupinelli


Nei 3 giorni di lavoro indagheremo la parola strappo in tutte le sue sfaccettature, sia all’interno del testo scritto e sia all’interno del corpo dell’attore, come modalità per scardinare le impossibili drammaturgie visionarie dei testi presi in esame, il Suicidato della società di Antonin Artaud i testi teatrali raccolti nei Drammi Fecali di Verner Schwab, edizione Ubulibri, portare a piacimento una canzone punk degli anni 70.
Lavoreremo sul movimento nello spazio e lo strappo attraverso il corpo dell’attore come artificio e menzogna, ossia la verità e il gesto.

MAURIZIO LUPINELLI, attore dal 1986, nel 1990 entra a far parte del Teatro delle Albe ed è membro di Ravenna Teatro (Centro stabile di promozione e ricerca teatrale), con cui porta in scena spettacoli che gireranno i maggiori teatri italiani ed europei: Incantati, All'inferno, Perindherion, I Polacchi, Sogno di una notte di mezza estate, I Refrattari, Salmagundi, scritti e diretti da Marco Martinelli.
Nel 1991 con Martinelli fonda la Non-Scuola, esperienza teatrale nata all'interno delle scuole superiori di Ravenna, che coinvolge ogni anno oltre 400 giovani e che è divenuta punto di osservazione per molti studiosi ed addetti ai lavori. Dal 1997 inizia a lavorare con ragazzi portatori di handicap, fisici e psichici, realizzando a Ravenna Woyzech. Nel 1999 a Lerici, La Spezia, inaugura una collaborazione con il centro disabili Pl.e.ia..di e nel giugno 2000 debutta con Hallo Kattrin, da Madre coraggio di B. Brecht, alla quale si affianca un progetto di studio e un convegno -"Verso un teatro degli esseri"- coadiuvato dal Prof. Gerardo Guccini, docente del D.A.M.S. di Bologna.
Nel 2001 con Eugenio Sideri realizza Ella di Achternbusch, lavoro che gli vale quattro nomination al Premio Ubu come “Miglior attore italiano”.
Nel 2004 con la messinscena di Uno Studio per Marat-Sade, dal Marat-Sade di P. Weiss, prosegue l’esperienza con Pl.e.ia.di e, nel 2007, per volontà di Armunia Teatro, realizza il progetto del MARAT.

Dove: Hangar Cult Lab, Via G. Conti 10 60131 Ancona
Quando: 26-27-28 Aprile 2009 dalle ore 20.30 alle ore 23.30
Costo: 100 euro
Iscrizione partecipanti: minimo 6
Termine iscrizioni: 25 aprile

Per info e prenotazioni:
Compagnia Vicolo Corto 071.2900915 329.7908884 compagnia@vicolocorto.it www.vicolocorto.it
Celeste 340.2653263




LABORATORIO DI TEATRO

L'attore creativo

condotto da
Marco Di Costanzo e Stefano Parigi
Teatro dell'Elce


La costruzione di uno spettacolo a partire da improvvisazioni è un processo di lavoro ormai affermato in una parte consistente del teatro occidentale. Insieme al regista, che li osserva e li stimola, gli attori sono protagonisti del processo di creazione. Questo ciclo di laboratori nasce dalla volontà di lavorare con gruppi di attori o di appassionati sulle due doti che riteniamo fondamentali per l'improvvisazione: l'ascolto e la presenza. Dopo un percorso individuale alla scoperta del proprio corpo e del proprio essere neutro, ci avventureremo sulle strade imprevedibili dell'improvvisazione collettiva. Privilegeremo il linguaggio del corpo rispetto a quello della parola e metteremo da parte il testo per lasciarci guidare dalla musica.

Materiale necessario per i partecipanti:
- abbigliamento che consenta di muoversi comodamente, non troppo largo e di colori neutri (preferibilmente nero o grigio);
- scarpe da ginnastica ritmica o simili;
- un paio di scarpe con il tacco e uno basso per le donne; un paio di scarpe eleganti e un paio di pantofole per gli uomini;
- un brano musicale che si conosca bene, tra i due e i cinque minuti circa.

Marco Di Costanzo
Dopo alcune esperienze come video-maker e sceneggiatore (concorre al Festival di Bellaria 1996), segue i laboratori della regista russa Olga Melnik al Centro di Teatro Internazionale di Firenze, dove si diploma come attore di prosa nel 2001. Tra il 2002 e il 2004 partecipa a numerosi laboratori sul lavoro dell'attore tra Firenze, Parigi e Mosca e collabora come attore e regista a produzioni teatrali e cortometraggi. Fondamentale per la sua formazione lo stage diretto da Ariane Mnouchkine al Théâtre du Soleil. Nel 2005 è tra i fondatori del teatro dell'elce e ne dirige le quattro produzioni: Ercole e le stalle di Augia, da un radiodramma di F. Dürrenmatt; Romolo, la giornata dell'imperatore, performance teatrale ispirata alla poetica di F. Dürrenmatt; Amadou, il saggio del deserto, spettacolo per ragazzi di cui è anche autore; Cinquanta! (epopea di un faticoso entusiasmo), scrittura scenica non verbale selezionata al Premio Scenario 2007.

Stefano Parigi
Dopo la frequenza presso il corso di laurea DAMS di Bologna, si diploma come attore di prosa al Centro di Teatro Internazionale di Olga Melnik nel 2002. In seguito perfeziona la propria formazione presso Pontedera Teatro e comincia un percorso di studio come baritono alla Scuola di Musica di Fiesole (FI). Tra il 2000 e il 2005 lavora come attore, tra gli altri, con H. Kupfer, V. I. Zikhov, F. Tiezzi, L. Ronconi, J. C. Plaza, J. M. Smith, R. Gough, P. Kirk, P. Stein, L. Pasello, R. Bacci. Dal 2005 lavora alla costruzione del progetto di compagnia stabile teatro dell'elce, per la quale è attore in Ercole e le stalle di Augia, nella performance Romolo, la giornata dell'imperatore, in Cinquanta! (epopea di un faticoso entusiasmo) e in Amadou, il saggio del deserto.

Dove: Hangar Cult Lab, Via G. Conti 10 60131 Ancona
Quando: 13-14-15 Maggio 2009 dalle ore 20.30 alle ore 23.30
Costo: 100 euro
Iscrizione partecipanti: minimo 6
Termine iscrizioni: 11 maggio

Per info e prenotazioni:
Compagnia Vicolo Corto 071.2900915 329.7908884 compagnia@vicolocorto.it www.vicolocorto.it
Stefano 339.1947239
Celeste 340.2653263



 
Chiara Trasatti
responsabile ufficio stampa e comunicazione
cell. 349.6764233
 


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl