Spettacolo teatrale "Per la Strada"

04/mag/2009 19.51.03 Studio Doré Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Un appuntamento importante, quello previsto lunedì 11 maggio alle ore 21 presso il Teatro Sociale di Luino: in scena il Gruppo Teatro del Liceo Scientifico V.Sereni della città che presenta “Per la strada” per la regia di Silvia Priori del Teatro Blu. Il progetto Tracce Invisibili, sponsorizzato dall’assessorato alla cultura della Comunità Montana Valli del Luinese, unitamente al comune di Luino a cura dell’associazione culturale Teatro Blu di Cadegliano Viconago, è entrato a far parte anche dei laboratori del Liceo Scientifico Vittorio Sereni di Luino. I tredici ragazzi(Alex, Edoardo, Federico, Alessandro, Zoe, Estella, Wendy, Giulia, Sara, Elena, Francesca, Lorenzo, Maia) che hanno preso parte al corso di teatro, hanno lavorato per la rappresentazione dello spettacolo “PER LA STRADA”. Questa storia parla di due mondi messi a confronto: nell’ovest della città vivono i ricchi, nell’est vivono i ragazzi che hanno avuto la sfortuna di nascere nella parte povera della città. Solo un fiume li divide ma ciò non impedisce alle ragazze dell’ovest, che non condividono i pregiudizi dei genitori verso i ragazzi poveri, di essere loro amiche e anche di innamorarsi di loro. Ed è proprio la storia d’amore fra due ragazzi, Susan e Tommy, il centro della vicenda: il ragazzo ha una situazione famigliare molto complicata e ciò lo induce a chiudersi in sé stesso; Susan conduce una vita apparentemente perfetta, ma che in fondo non è molto diversa da quella di Tommy. Intorno a loro si snoda tutta la vicenda, tra marachelle, scontri, sogni e delusioni. "Duri e forti", sono le due parole chiave per avere il rispetto da parte di un intero quartiere! E dietro questo pavoneggiarsi di atteggiamenti da “dritti”, da ribelli a tutti i costi, si scopre il bluff, e si intuisce un tragico vuoto, un' innegabile profondità di sentimenti. Il legame che si crea è fatto di codici comuni, che trovano le loro radici in un vissuto condiviso fatto di tragedia, di solitudine, di povertà, di emarginazione, di disperato bisogno di appartenenza. Da qui nasce la banda, come necessità, come sostituta di quella famiglia a cui ognuno di noi ha bisogno di appartenere, nella quale crescere, trovare stimoli, comprensione e ricchezza di spirito. Quelli della strada, sono ragazzi "duri e forti " nella facciata; una facciata imposta da una società cruda e aggressiva, che ognuno di loro mostra con ostentazione per non farsi calpestare, per sopravvivere alla violenza che è nelle trame del loro stesso quartiere. Da qui una serie di regole per dimostrare che la paura non è ospitata nei loro cuori. "...se ti indurisci, niente ti può più far male...", dice uno di loro, "Preferisco essere odiato che compatito", afferma un ragazzo della banda. Ma questa maschera di indifferenza cela infinita solitudine e talvolta un’anima delicata e profonda. Info: Comunità Montana Valli del Luinese 0332.536520 int.104 Studio Dorè 338.7007785
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl