Teatro Skenè - L'intensa "Lupa" Alice Ferl

27/set/2004 20.20.03 Stefania Pilato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
TEATRO SKENÉ
Via Roma 27 - 95049 Vizzini (Ct) - Tel 0933966323 - Fax 0933965877 - Cell
3393970465
www.teatroskene.org - info@teatroskene.org




UFFICIO STAMPA


COMUNICATO
3

L’intensa “Lupa” interpretata da Alice Ferlito sigla il ritorno di Verga a
Vizzini

Con un affettuoso ricordo di Alfredo Mazzone, suo maestro, Giovanni Ielo,
direttore artistico del Teatro Skenè, ha salutato ieri sera, domenica 26
settembre, il pubblico riunitosi numerosissimo al quartiere Fontana, a
Vizzini, per assistere alla prima de “La lupa” di Giovanni Verga.
“Sarebbe felice del ritorno a Vizzini delle rappresentazioni verghiane da
lui inventate tanti anni fa. - ha detto Ielo - Sperando che questo ritorno
non resti un fatto episodico, in queste settimane ho lavorato allo
spettacolo spinto dal motto si ricomincia da qui!”
Lo stesso auspicio, che questo ritorno a Vizzini delle “Verghiane” sia
definitivo, è stato espresso dal Sindaco Vito Cortese rivolgendo un saluto
agli intervenuti ed un ringraziamento all’Amministrazione Provinciale di
Catania e all’Azienda Provinciale Turismo del capoluogo etneo per avere
contribuito in modo sostanziale alla realizzazione dello spettacolo.
La novella verghiana è densa di passionalità: la gnà Pina, soprannominata
“la lupa” “perché non era sazia giammai - di nulla” si innamora perdutamente
di Nanni Lasca il quale inizialmente si sottrae alle costanti attenzioni
della donna e ne sposa, quasi per gioco, la figlia Mara.
Pur tentando di resistere, Nanni cede ripetutamente alla passionalità della
gnà Pina, pentendosene ogni volta, ma, quasi fosse vittima di una malia, non
riuscendo a rinunciare a lei.
La relazione diventa di dominio pubblico ed a nulla valgono le suppliche e
la disperazione di Mara e l’ intervento delle autorità.
L’epilogo non può non essere tragico:“…se tornate a cercarmi, com’è vero
Iddio, vi ammazzo” “Ammazzami - rispose la Lupa - chè non me ne importa; ma
senza di te non voglio starci.”
Non resta altra via per “svincolarsi dall’incantesimo” che un colpo si scure
in mezzo al petto.

Molteplici ed interessanti le integrazioni e gli interventi al testo di
Giovanni Ielo, autore dell’adattamento teatrale e regista dello spettacolo,
per scoprire i quali il pubblico potrà recarsi a Vizzini fino a mercoledì 29
settembre, data dell’ultima replica.
Tornando a ieri sera, dunque, sotto una luna luminosissima, posizionata ad
hoc, quasi fosse messa lì apposta per sottolineare le battute di alcuni
personaggi ad essa dedicate, ha ripreso vita a Vizzini il mondo verghiano.
Un mondo di contadini, fatto di fatiche nei campi, di scherzi e convivialità
durante i poveri pasti consumati insieme a fine giornata, di dispetti e di
amori, reso con grande vivacità dai dialoghi scritti da Ielo e dalle
interpretazioni di tutto il cast. Questo è il contesto nel quale si svolge,
annunciata da un cantastorie - una delle suddette novità - interpretato da
Roberto Fuzio, la storia della Lupa.
Decisamente intensa e seduttiva l’interpretazione dell’attrice catanese
Alice Ferito nel ruolo della protagonista. Con lei in scena, nei panni di
Nanni Lasca, Orazio Alba.
Giovanni Verga è di nuovo a casa. I suoi personaggi rivivono a Vizzini, lì
dove sono nati.


Vizzini, 27 Settembre 2004

Ufficio stampa
Stefania Pilato 3382343355
stefaniapilato@hotmail.com
FrancescoMicalizzi 3392878013
fmicalizzi@hotmail.com


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl