Comunicato stampa:LE NOTTI BIANCHE con la cerimonia russa del te`

03/nov/2009 15.34.29 TEATRO LA FONTE Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
TEATRO "LA FONTE"
via Roma, 368 - Bagno a Ripoli (FI)

Raggiungibile con la linea ATAF 33

Vasto parcheggio gratuito

info/preno, prevendita tel. 055-418084; 347-5572347

e-mail: centroteatro@alice.it

sito: www.centroteatro.it

ingresso spettacolo con la cerimonia del te` : intero - 8 Euro; ridotto - 5 Euro


Il Centro di Teatro Internazionale presenta:

  “ Le notti bianche” di F.M.Dostoevskij dramma sentimentale per sognatori con
la cerimonia russa del te`

Interpreti : Valentina Schiavi e Samuele Batistoni

 Regia Olga Melnik

Tecnico luci: Stefano Meucci

Sabato, 14 novembre alle ore 20.45 
Domenica, 15 novembre alle ore 16.00
 
“...Dio mio! Un intero attimo di beatitudine!
E' forse poco, sia pure per tutta la vita di un uomo?” 
F.M.Dostoevskij

A San Pietroburgo, città evanescente fatta della stoffa dei sogni, nella cornice irreale delle notti bianche prendono forma le memorie di un sognatore. Poche ore di luce che la vita regala in più per poter toccare con mano la vera felicità prima che torni di nuovo il buio...
In questi strani luoghi vivono delle persone strane, i sognatori! ...  Che cosa importa ad un sognatore della nostra vita reale? Al suo sguardo deformato appariamo così insoddisfatti della nostra sorte e così stanchi della nostra vita! Che cosa importa a lui di questa vita che noi vorremmo tanto vivere? Lui pensa che sia una vita povera e non immagina che un giorno verrà anche per lui un'ora triste in cui, in cambio di un giorno di questa vita meschina darà anni di fantasticherie e non sarà neanche in cambio della gioia, della felicità che li darà perché in quel momento di tristezza, di pentimento, di sconfinato dolore non vorrà nemmeno scegliere.
Perché una ragazzina è sola di notte sul lungo fiume? Piange? Qual'è la sua storia? E quel ridicolo signore che sembra un gattino impaurito?  Che c'entra con lei?
Perché nell'oggi fatto di tempi veloci, immagini forti, shock dei sensi, vogliamo far vivere una storia dove il tempo si dilata, dove si possono osservare i particolari come in uno zoom, dove si può parlare dei labirinti dell'anima...?
Perché crediamo che la tenerezza dell'incontro di due anime sia così forte da poter ripagare la vita di un uomo ... E voi?
Provate a fermarvi! Provate a vivere con noi un attimo di beatitudine... provate a farvi accarezzare l'anima.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl