“TTSVGEL = trattamento di inertizzazione cinetica sotto strato vetroso di un oggetto in lega nobile / preziosa”, degassificazione e stabilizzazione totale fisica di un reticolo cristallino.

09/dic/2009 20.09.06 Rosario Muto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

“TTSVGEL = trattamento di inertizzazione cinetica sotto strato vetroso

                           di un oggetto in lega nobile / preziosa”,

degassificazione e stabilizzazione totale fisica di un reticolo cristallino.

 

Qual è l’interesse di questo protocollo?

Quali sono i vantaggi?

Perché solo su leghe nobili e preziose?

Perché non su leghe vili (titanio e cromo-cobalto)?

 

Noi tutti sappiamo che alla base del creato, del nostro creato, ci sono i tre famosi elementi (ossigeno, idrogeno e carbonio) altamente indispensabili ma nello stesso tempo instabili per natura, uno di questi purtroppo l’ossigeno è l’elemento interferente nella materia, in particolare nei materiali dentali, altamente interferente nelle leghe metalliche per la costruzione dei dispositivi protesici e oggettistica qualunque.

Purtroppo per un fattore naturale, per un fattore produttivo industriale, per un fattore produttivo artigianale lo ritroviamo coinvolto nell’interno del reticolo cristallino, interposto tra ogni elemento, elemento  che oltre ad interferire elettronicamente con il nucleo centrale sovraccaricandolo elettronicamente, destabilizza e permette gli altri elementi di composizione atomica di raggiungere le orbitali più esterne con cessione di elettroni, quindi rendendo una continua agitazione elettromagnetica (con interferenze elettriche), e responsabili di continue reazioni di ossidazioni.

Ma la cosa ancor più preoccupante sono una marea di reazioni chimiche che intercorrono quando questi materiali metallici instabili, in convivenza con sostanze elettrolitiche biologiche (saliva e sangue) altamente ossidanti, divengono altamente solubili, rilasciando ioni metallici e interferendo elettrobiologicamente su tutto il sistema uomo, responsabili di reazioni chimiche e attivando tutta una serie di patologie e malattie autoimmuni.

Non dimentichiamo le tante problematiche operative tecniche, estetiche e di resistenza, molte volte ci ritroviamo davanti a dei problemi come il distacco della ceramica di rivestimento estetico, frattura di ponti, bolle nella ceramica, poca vitalità estetica, poca translucenza, poca resistenza etc.

 

Qual è il principale interesse di questo protocollo?

Il trattamento di inertizzazione cinetica sotto strato vetroso,  prevede una stabilizzazione ed una compressione atomica del reticolo cristallino, un metodo unico che permette la completa degassificazione attraverso la copertura totale con una pellicola protettiva (TTSVGEL) in modo da permettere la completa disintegrazione dei gas dal loro interno, che poi successivamente rimossa .

 

Quali sono i vantaggi?

Non avendo più gas nell’interno del reticolo cristallino, oltre alla stabilità ed un aumento della elasticità della lega stessa, si ha una struttura metallica pura chiara, senza ossidi, una copertura con sinterizzazione totale dell’opaco ed un colore molto più affidabile, una sinterizzazione completa della ceramica, una translucenza nettamente superiore, una vitalità naturale etc.

 

 

Perché solo su leghe nobili e preziose?

Le leghe nobili e preziose a basso e ad alto punto di fusione hanno una loro morfologia, una propria forza di coesione e una loro reazione solo ad alta temperatura e per loro gli ossidi sono elementi inquinanti per se stessi.

E solo per le leghe nobili la degassificazione ha un senso, un successo ed un valore bioqualitativo.

 

 

Perché non lo si può fare su leghe vili (titanio o cromo-cobalto)?

 

Le leghe non nobili cosiddette vili, hanno una loro morfologia, una propria forza di coesione e una loro reazione solo a bassa temperatura, per loro gli ossidi sono elementi determinanti per il loro tipo di coesione (leghe con legame a ponte di ossigeno), tant’è che non devono essere assolutamente esposti ad alte temperature.

Queste leghe non sono adatte a nessun dispositivo protesico, sono altamente tossiche.

 

Cordialmente Rosario Muto

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl