L'ARTE DEL SOCIALE- Complesso del Vittoriano

L'altro, in genere, assume connotazioni negative di deficit, handicap, menomazione, declassamento.

22/dic/2004 16.33.35 Novella Mirri Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
L'ARTE DEL SOCIALE

Roma, Complesso del Vittoriano
Sala Zanardelli, Ingresso Ara Coeli
giovedì 23 dicembre 2004 - domenica 9 gennaio 2005


COMUNICATO STAMPA


L'Assessorato alle Politiche Sociali e per la Famiglia della Provincia di Roma promuove la mostra "L'Arte del Sociale", momento conclusivo di questa
seconda edizione de "Le Giornate del Sociale". L'esposizione, ospitata nella cornice del Complesso del Vittoriano dal 23 dicembre 2004 al 9 gennaio
2005, affronta problematiche quali, ad esempio, handicap, integrazione, immigrazione, solidarietà, attraverso centinaia di opere. In mostra oggettistica
artigianale, ceramiche, ricami, quadri, restauri, mosaici, maschere, fotografie, frutto del lavoro e della creatività degli ospiti di circa 20 tra associazioni,
cooperative sociali, centri di accoglienza, laboratori, operanti in città e nel territorio della Provincia.

Il 'debole' per diversità di cultura, religione, provenienza, per età, salute suscita da sempre sentimenti contrastanti, di curiosità e rifiuto, di paura e
fascino. In una società che si spinge verso la globalizzazione e lotta per l'integrazione, sempre più frequenti sono le occasioni per discuterne. Ma chi è
realmente l'altro? L'altro, in genere, assume connotazioni negative di deficit, handicap, menomazione, declassamento. E' difficile conoscere e
incontrare l'altro nella sua peculiarità, unicità e bellezza. Più facile è invece avere preconcetti, pregiudizi, schemi di pensiero che ci difendono e ci
tutelano da ciò che non conosciamo e/o non vogliamo conoscere. Ciò che è simile a noi, infatti, è più rassicurante, riconoscibile, controllabile.

I temi della mostra "L'Arte del Sociale" spaziano dunque dal disagio mentale allo sport, dall'handicap all'immigrazione, dalla nostalgia per la propria
patria lontana, all'integrazione…. Attraverso la fantasia, il colore, il potere dell'immaginazione, l'artista esprime ed esorcizza il disagio, il dolore. In
altre opere si lascia fotografare, descrivere, dipingere, diventando protagonista egli stesso della creazione artistica.
Dipinti, fotografie, innumerevoli oggetti artigianali, in cui e attraverso cui "l'altro" rappresenta e si rappresenta.
Sono opere particolari perché 'prodotti', creazioni originali di un vissuto sofferto che 'trasudano' vita, urlano storie che ci fanno percepire un'umanità
multiforme troppo spesso dimenticata ed emarginata.

Organizzazione e realizzazione a cura di Comunicare Organizzando di Alessandro Nicosia.



INAUGURAZIONE: MERCOLEDI' 22 DICEMBRE ORE 11.00
Roma, Vittoriano - ingresso Ara Coeli


Orario: tutti i giorni ore 9.30 - 18.30
INGRESSO LIBERO

Per Informazioni:
Assessorato alle Politiche Sociali e per la Famiglia della Provincia di Roma (tel. 06.67667128;
fax 06.67667442; email ass.servizisociali@provincia.roma.it)

Ufficio Stampa: Novella Mirri, tel. 06/6788874; fax 06/6791943; ufficiostampa@novellamirri.191.it


Roma, 22 dicembre 2004


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl