Nuovi traguardi per didart

didattica dell arte contemporanea) è stato riconosciuto dall Unione Europea Cultura 2000 tanto da essere premiato con

Allegati

11/mar/2005 13.51.31 Ufficio Stampa Artè Communication Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

                                                                                        

                                                                                                      


Nuovi traguardi per didart

Grazie al rinnovato sostegno dell’Unione Europea, il progetto sulla didattica dell'arte contemporanea si estende a più partners
e arricchisce di eventi e attività la propria storia.

Primo appuntamento italiano a Bologna:
il 14 aprile prossimo in mostra le “case d’artista”
presso lo SPAZIO APERTO della Galleria d’Arte Moderna.

 

COMUNICATO STAMPA

 

L’intenso lavoro svolto nel 2002/2003 e confluito in www.didart.net (il portale internazionale sulla didattica dell’arte contemporanea) è stato riconosciuto dall’Unione Europea Cultura 2000 tanto da essere premiato con un ulteriore finanziamento per l’anno 2004/2005.

Didart affronta così una nuova sfida: promuovere attività ed eventi di didattica dell’arte, progettati e realizzati in ambito europeo, da “far vivere” sul territorio, in collaborazione con istituzioni e realtà locali. L’obiettivo è quello di dare spazio agli artisti under 40, incentivando il loro incontro con i più giovani, favorendo e valorizzando le singole identità e lo scambio delle diverse tradizioni culturali. Sarà quindi un’occasione ulteriore per avvicinare bambini e ragazzi all’arte e ai suoi luoghi, e per rendere sempre più didart un terreno prezioso di riflessione e confronto teorico e metodologico, internazionale, sulla didattica dell’arte contemporanea.


Il primo appuntamento in Italia è fissato per il 14 aprile, alle ore 18.00, con l’inaugurazione, presso lo SPAZIO APERTO della Galleria d’Arte Moderna di Bologna, della mostra Artists houses.

 

Questo primo appuntamento italiano dedicato al progetto sarà l’occasione per presentare in anteprima al pubblico le “case d’artista”: innovativi supporti didattici, protagonisti di didart edizione 2004/2005.

La “casa” si caratterizza come una sorta di “diario visivo” dell’artista, che contiene le immagini dei suoi lavori più significativi e del suo studio. Una video intervista e una selezione dei riferimenti culturali e delle suggestioni che hanno influenzato e influenzano la sua poetica completano io contenuti della casa.

 

Allo SPAZIO APERTO saranno presenti la casa di Mari Slaattelid (artista norvegese selezionata dal Louisiana Museum of Modern Art di Copenaghen) e la casa di Botto e Bruno (artisti torinesi selezionati da Palazzo delle Esposizioni di Roma).

Insieme alle due case, saranno esposti tre lavori dell’artista norvegese, una installazione e un video appositamente realizzati per l’occasione dalla coppia di artisti torinesi.

Supporti didattici e opere d’arte dialogheranno insieme potenziandosi vicendevolmente, a testimonianza del valore di una metodologia didattica condivisa a livello europeo, promossa dal progetto DIDART.

 

Inoltre, sempre dal 14 al 17 aprile, il Dipartimento Didattico della GAM condurrà, insieme agli artisti coinvolti e ai responsabili dei Dipartimenti Didattici di Palazzo delle Esposizioni di Roma e del Louisiana Museum of Modern Art, attività e laboratori rivolti a studenti delle scuole del territorio e studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna.

 

 

Il progetto didattico

Oltre all’ampliamento del sito www.didart.net, unico riferimento europeo sulla didattica dell’arte on-line, e al consolidamento del Centro di documentazione didart sulla didattica dell’Arte di Reggio Emilia, didart edizione 2004/2005 prevede la realizzazione di attività /eventi di didattica dell’arte “in transito”. Un intervento culturale innovativo, che prevede la movimentazione sul territorio europeo di giovani artisti e operatori didattici-culturali, la diffusione e l’ampia visibilità di metodologie di lavoro discusse e condivise, la sperimentazione di supporti didattici innovativi: le “case d’artista”.

A partire dal mese di marzo queste particolari case viaggeranno insieme agli artisti e agli operatori per i Dipartimenti didattici di sei musei coinvolti, dove verranno, di volta in volta, realizzate attività con il pubblico di bambini, ragazzi, studenti ed esperti del settore.
A settembre 2005 le case si riuniranno a Reggio Emilia per una mostra finale collettiva.

 

I partners:

ART’E’, capofila del progetto

Istituzione Galleria d'Arte Moderna di Bologna, Louisiana Museum of Modern Art di Humlebæk (Copenhagen), Musei Civici di Reggio Emilia (Biblioteca di Archeologia e Storia dell'Arte- Centro di Documentazione didart sulla didattica dell’arte), Palazzo delle Esposizioni di Roma, Museum Ludwig di Colonia, MART di Trento e Rovereto, Kiasma Museum of Contemporary Art di Helsinki, Museo Europosparkas di Vilnius (Lituania), Facultat de Belles Arts di Barcellona, Accademia di Belle Arti di Bologna, Cooperativa Culturale Giannino Stoppani di Bologna.
La progettazione e realizzazione del sito www.didart.net e delle “case degli artisti” sono affidate a Chialab srl.


Gli artisti:

Sissi (artista selezionata dalla GAM di Bologna)

Mari Slaattelid (artista selezionata dal Louisiana Museum of Modern Art di Copenaghen)

Botto e Bruno (artisti selezionati da Palazzo delle Esposizioni di Roma)

Anna de Manincor (artista selezionata dal MART di Rovereto)

Gintaras Karosas (artista selezionato dal Museo Europosparkas di Vilnius)

Tellervo (artista selezionata dal Museo Kiasma di Helsinki)

 

 

Per informazioni:
Anna Caratini - Responsabile Progetto didart presso il Dipartimento Comunicazione
del Gruppo FMR-ART’E’

Tel. 051/ 6008966 – 347/ 3132154
e-mail: a.caratini@artespa.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl