COMUNICATO STAMPA-ARTICOLO

11/mar/2005 15.48.56 Carla Piro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

A seguito del Comunicato Stampa inviato la settimana passata (da titolo: BIS D’ARTISTA A CARRARA: DOPO MORENO BONDI VA A MICHAEL ESBIN IL PREMIO INTERNAZIONALE SAN VALENTINO PER L’ARTE)

segue articolo ed immagini.

 

Ringrazio per la cortese attenzione

Dott.ssa Carla Piro

carlapiro.fines@@virgilio.it

 

ARTE, MODA, SCIENZA E CULTURA: INSIEME PER AMORE ALDO MONTANO, LANDO BUZZANCA, LA GRIFFE GENNY.

di Carla Piro

 

Terni 5 marzo 2005.

Cosa accomuna l’attore Lando Buzzanca, lo schermidore olimpico Aldo Montano, la Maison Genny ed altri personaggi diversi per storia e professione?

E’ l’amore disinteressato per lavoro; una passione spesso coltivata nell’ombra, distante dalla cronaca e dalla mondanità.

A questa forma di “amore non comune” è dedicato il Premio San Valentino d’oro intitolato al Santo Protettore e Vescovo di Terni -città in cui si tiene la manifestazione- ed assegnato a personalità che si siano contraddistinte per professionalità, sensibilità, impegno, dando un concreto segno di dedizione nei confronti del propria attività.

Sempre emozionate e suggestive, commoventi e divertenti le testimonianze dei protagonisti, che nel corso dei trentasei anni di vita del Premio, hanno ottenuto il riconoscimento (fra cui Andrea Camilleri, Anna Magnani, Carlo Rubbia, Enrico Paoli, Ornella Vanoni, Lucio Dalla, Umberto Eco, Chris Barnard, Norberto Bobbio; Michelangelo Antonioni, Alberto Burri).

Così è stato anche in questa ’edizione 2005. Con un grazioso inchino ha esordito un Lando Buzzanca (reduce dal successo della miniserie, Mio figlio) che con voce profonda e roca ha recitato i versi di Dante "Tanto Gentile e tanto onesta pare..." ammiccando alle donne presenti in sala.

L’attore ha motivato la decennale lontananza dal piccolo schermo con la duplice ragione: professionale (il lavoro e la grande popolarità in Sud America ed in Iran, poi il Teatro definito il "vero cimento di un attore”) e personale (alludendo alle proprie “idee politiche” -si definisce un “socialista di destra”-che lo hanno tenuto a lungo lontano dalla programmazione televisiva).

A fare da contrappunto alla disinvoltura dell’attore è stato il simpatico imbarazzo di Aldo Montano, premiato per il “grande amore” della sua vita -lo sport olimpico- tramandatogli da generazioni di padre in figlio come una tradizione di famiglia. "Questo premio è motivo di orgoglio ed è una spinta che imprime lo slancio per un ulteriore impegno", ha dichiarato, soddisfatto per il riconoscimento alla propria attività sportiva, piuttosto che alla vita mondana (alludendo alla sua “love story” con Manuela Arcuri)

Non meno emozionata Donatella Ronchi Girombelli, stilista della griffe "Genny": "La forza motrice nel mio lavoro, oltre alla passione, è stato il desiderio di portare le donne a volersi bene, a piacersi di più. Proprio negli anni in cui erano protagoniste sulla scena professionale, ho voluto per loro abiti in cui si sentissero a proprio agio, femminili e sicure di sè".

I mutamenti del sistema moda avvenuti negli ultimi tempi hanno gradualmente polarizzato altrove il suo interesse: Donatella Ronchi Girombelli ha infatti lasciato la guida della Maison Genny nel 2000 per dedicarsi con passione alla gestione di eventi culturali e benefici.

Ancora tanti i nomi che si sono susseguiti nel ritirare il prestigioso Premio: lo scultore americano Michael Esbin, il vignettista Marco de Angelis; Roberta Ricciardi ricercatrice dell''Università di Pisa, il sociologo Mario Morcellini, il giornalista Mino Valeri; il bioetico Mons. Elio Sgreggia, lo scittore e traduttore Silvio Raffo della Porta, il biologo Antonino Neri; il pianista Leonardo Marzagalia; il Direttore del Coro della Cappella Pontificia Mons. Giuseppe Liberto, gli addetti alle risorse umane Gianfranco Marino e Stephane Doumenc di ITALCEMENTI, l’Associazione Progetto Mandela. Diverse le professionalità, ma tutte unite da un unico "filo rosso": l'amore per il proprio lavoro ed il trasporto partecipati agli altri.

Un amore interpretato in maniera emozionante dallo splendido quadro di Moreno Bondi (San Valentino d’Oro per l’arte 2005) al quale è stato affidato il compito di interpretare il tema della manifestazione, con un seicentesco angelo dalle ali dischiuse.

 

Carla Piro

 

Elenco Immagini

Aldo Montano ed il Presidente del Premio Arch. Elvira Pensa

Lando Buzzanca con il Presidente Arch. Elvira Pensa

Donatella Ronchi Girombelli

In platea: Lando Buzzanca ed Aldo Montano

Lo scultore americano Michael Esbin

Amore, opera di Moreno Bondi

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl