Dialetto.Dialetti

Dialetti "Dopo il successo dei precedenti incontri, è ora la volta di un appuntamento dai preziosi contenuti storico-linguistici" suggerisce il consigliere delegato alla Cultura Alessandro Franzetti "che concluderà le Conferenze notturne a Palazzo.

23/ago/2010 15.28.35 Studio Doré Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

“Dopo il successo dei precedenti incontri, è ora la volta di un appuntamento dai preziosi contenuti storico-linguistici” suggerisce il consigliere delegato alla Cultura Alessandro Franzetti “che concluderà le Conferenze notturne a Palazzo . Tale incontro va verso la valorizzazione dell’identità culturale del territorio, che è uno dei punti cardine del nostro programma di legislatura. Sono soddisfatto della risposta di pubblico e della qualità dei relatori che si sono avvicendati”. “Dialetto. Dialetti”, organizzato dalla Città di Luino, è previsto per il 26 agosto prossimo alle 21.15 a Palazzo Verbania di Luino: l’incontro prevede gli interventi di Alessandro Franzetti, Emilio Rossi e Chicca Galante. In una prima parte dialogica si affronteranno tematiche relative al valore attribuito oggi al dialetto, alla sua formazione, alla storia remota e più recente. La serata si articolerà su diversi livelli. Nello specifico, saranno analizzate le caratteristiche peculiari dei vari idiomi regionali con particolare riferimento al vernacolo milanese, di cui si cercherà di individuare i rapporti con le civiltà che si sono sovrapposte nell’area lombarda. Come è noto, infatti, Milano è stata sempre uno snodo importante verso altre regioni europee, soprattutto sul piano commerciale e linguistico.  Si sa per certo che nel 3° millennio a. C. la pianura padana e i laghi prealpini erano occupati da popolazioni liguri, a cui subentrarono nel 500 a. C. gli Etruschi e successivamente i Galli. La conquista romana ebbe come conseguenza sul piano linguistico la diffusione del latino in mezza Europa, ma soprattutto nel bacino del Mediterraneo. Questa comune base, mescolandosi con le lingue precedentemente parlate, ha prodotto nel tempo altri idiomi. Dalla commistione di questi elementi e da quelli derivanti dalle successive invasioni barbariche sono nati i dialetti italiani.

Nella seconda parte della serata verrà presentato un ventaglio di proverbi, moti sapienziali, filastrocche, ecc. tratti dal dialetto locale e tramandati oralmente di generazione in generazione.  La parte più avvincente sarà però rappresentata dalle magnifiche poesie dialettali di Chicca Galante: un excursus lungo la linea dei ricordi, un inno alla bellezza della natura, dove il nostro lago ha un posto di assoluto rilievo. Pensieri in libertà, sottile malinconia di un passato irrepetibile che tuttavia si conserva nella freschezza primigenia della memoria e si trasfigura in un lirismo di alto profilo letterario.

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl