Bologna, le iniziative di Vitruvio per la Giornata del contemporaneo

Ritrovo: ore 14.30 - accanto al Museo MAMbo (via Don Minzoni14) ore 16.00 - per le partenze in gommone ritrovo all'ingresso del Parco di Villa Angeletti (via de' Carracci 65) Termine: ore 18.00 presso il Museo del Patrimonio Industriale.

06/ott/2010 16.54.09 Vitruvio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

alt

Ritorna la Giornata dedicata all’Arte Contemporanea di AMACI, Associazione dei musei d’arte contemporanea italiani, a cui il 9 ottobre aderiscono circa mille spazi pubblici e privati. Vitruvio non poteva mancare al richiamo artistico e ha organizzato un sabato dedicato all'arte e a Bologna, con due percorsi che celebreranno il Contemporaneo dai colli alla pianura, dalle vie d'acqua ai sotterranei.

alt

altRitrovo: ore 14.30 - accanto al Museo MAMbo (via Don Minzoni14)
ore 16.00 - per le partenze in gommone ritrovo all'ingresso del Parco di Villa Angeletti (via de' Carracci 65)
Termine: ore 18.00 presso il Museo del Patrimonio Industriale.
Prezzo: €  17
Cos'è:
per passare una giornata all'insegna dell'arte, sin, dalla mattina, il consiglio è quello di ritrovarsi al MAMbo (apertura ore 10), per l'occasione ad ingresso gratuito, e di rimanere in zona per partecipare al percorso di Vitruvio.
Si partirà dalla Salara, nella zona dell'antico Porto, proprio accanto all'edificio del MAMbo, dove una guida spiegherà la storia della Bologna delle Acque con particolare riferimento alla sua evoluzione in ambito industriale. Sul Canale è posizionata una scultura dell'artista Domenico Paladino, intitolata "Il Visconte dimezzato" (1948). L'area della Manifattura delle Arti: l'area è stata dal Rinascimento fino all'Ottocento la zona portuale della città e, assieme al suo hinterland protoindustriale (Canale di Reno, Navile, Moline, Aposa), l'epicentro mercantile e manifatturiero dell'economia bolognese almeno fino a tutto il XVII secolo.
Poi, in bici o con qualsiasi altro mezzo preferiate, ci si sposterà al Parco di Villa Angeletti per uno speciale “Urban Rafting Navile”: si salperà alle 16.00 in gommone sul Canale in compagnia di una guida, per raggiungere il Museo del Patrimonio Industriale, dove ad attendere i partecipanti ci sarà una visita guidata sul sistema delle acque. Per onorare l'Arte, il pubblico verrà condotto nella stanza delle pulegge: una grande scultura / ambiente dell’artista Paolo Gallerani ( presentata alla XVII Triennale di Milano del 1986 ), rappresenta il punto di passaggio tra il sistema produttivo protoindustriale e la moderna identità industriale di Bologna.  Alla fine del percorso, i partecipanti che saranno giunti in bici potranno recuperarle all'uscita del Museo.
Info e prenotazioni: tel. 051 0547833 - info@vitruvio.emr.it
POSTI LIMITATI - Prenotazione obbligatoria

alt

altRitrovo: ore 15.30 in via Bagni di Mario 10
Termine: ore 18.00, in viale Masini (autostazione)
Prezzo: € 15
Cos'è: Il tour prenderà il via dai sotterranei dei Bagni di Mario, custoditi dal verde della collina bolognese.  All'interno dell'antica ed affascinante struttura, sarà esposta una scultura "a tema acquatico" dello scultore bolognese Michelangelo Barbieri. L'artista lavora spesso con il ferro, il rame ed il legno, preferendo opere dedicate alle navi, alle nuvole e ad i ponti. La scultura verrà esposta nel salone sotterraneo dell'antica cisterna delle Conserve di Valverde, l'ingegnoso sistema di captazione delle acque che serve all'approvvigionamento della Fontana del Nettuno.  Di eccezionale bellezza sono la volta a sesto acuto che la sovrasta, i decori rinascimentali alle pareti ed il camino ricoperto da incrostazioni calcaree accumulatesi nei secoli. Impossibile non restarne affascinati.
Dai sotterranei dei Bagni di Mario, a piedi, ci si sposterà presso il Serraglio dell'Aposa di viale Panzacchi per partecipare a SpeleoAposa, una visita-avventura, giocosamente definita “speleologica”, lungo il corso sotterraneo del torrente Aposa. Sotto i piedi dei passanti che continuano ad attraversare Bologna in lungo ed in largo, la città conserva i suoi segreti artistici, architettonici e storici, come la suggestiva scultura dell'Angelo custodita dall'Aposa. L'opera è stata realizzata con i rottami ferrosi recuperati durante la bonifica del sottosuolo dal gruppo di riciclatori artistici Mutoide Waste Company.
Una volta esplorati i meandri più remoti del percorso sotterraneo del torrente, attraversando dal di sotto il centro della città, si sbucherà in viale Masini, nei pressi dell'Autostazione.
Info e prenotazioni: tel. 051 0547833 - info@vitruvio.emr.it
POSTI LIMITATI - Prenotazione obbligatoria

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl