VI Giornata del Contemporaneo, Assemini (CA) 9-15 ottobre 2010

Appena entrati ci si trova immersi in quegli anni irripetibili di eccessi e creazione, trascinati dal vortice intelligente e per nulla pacificante della sua energia che ci lascia, alla fine, storditi e arricchiti.

06/ott/2010 20.35.03 Alessia Mocci Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Dal 9 al 15 ottobre 2010, Assemini (CA) avrà il piacere di ospitare una mostra intermediale sulla Drammaturgia delle Arti in occasione
della VI Giornata del Contemporaneo promossa dall’AMACI (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani) e sostenuta dal Ministero
per i Beni e le Attività Culturali. Partecipa alla mostra l'Associazione Culturale Intermediale ARKA (H.C.E.) di Assemini, nell'ambito del
progetto originale InterAzioni Project 2010. Le molte proposte (arti visuali, cortometraggi, videoproiezioni, fotografia, progetti d'arte
multimediale, riflessioni critiche, spazi sonori), curate dal Teatro Arka anche in collaborazione con la FEDIC (Federazione Italiana Cinema
e Cineclub), vengono presentate in contemporanea con le altre attività nazionali per questa sesta importante Giornata del Contemporaneo.


Tra gli artisti partecipanti troviamo: Simona Toncelli, Gianni Atzeni, Francesca Pili, Robert Serra, Pao/Kao, Angelo Aresu, Annalisa
Achenza, Matteo Campulla, Diego Dall’Ara, Davide Ligas, Alberto Picciau, Roberto Montis, Matteo Tauriello, Cristian Uccheddu, Emanuele
Massessi, ZetaMax.

Tra i diversi contributi audio-visuali in esclusiva, durante tutta la durata della mostra vengono videoproiettati in Hi-
Fi stereo:

- "VideoVibe" - Art, Music and Video in the UK (in collaborazione con The British School at Rome).
Si tratta di una parte
speciale, realizzata in collaborazione con il British Council e la British School di Roma (Contemporary Arts Programme), dedicata alla
ricerca che il Teatro Arka sta conducendo circa il rapporto tra Suono ed Immagine, nel teatro, nel cinema, nella musica ed, appunto, nella
videoarte.
Partendo dal videoclip del grande regista inglese Derek Jarman per The Smiths (1985), attraverso Chris Cunningham (per gli Aphex
Twin) e Damien Hirst (per i Blur), si approda ad alcune tra le migliori esperienze riguardanti il connubio tra la ricerca sull'immagine
elettronica e la musica con Alison Murray (Kissy Suzuki Suck, 1992), Mark Dean (Goin' Back x 32 + 1, 1997), Sarah Miles (Amaeru Fallout,
1998) e Clio Barnard (Dirt and Science, 2000) con le musiche di Michael Nyman.

- "Mario Schifano Tutto" �“ di Luca Ronchi (ITA, 73 min.)
Il
primo ed unico film completo su Mario Schifano, uno degli artisti più amati e conosciuti (e falsificati) del ventesimo secolo. È stato
fatto e voluto dalle persone, donne ed uomini, che con lui hanno vissuto e lavorato, da chi lo ha amato, seguito, sopportato.
Costruito con
materiali inediti provenienti dall’archivio privato di Mario Schifano, spezzoni di interviste, videoclip, è un tentativo di cogliere per
la, prima volta il lato intimo di un artista “irregolare” in un viaggio nel tempo con i pittori della scuola di Piazza del Popolo.
Non un
film “su” ma “con” Schifano. Appena entrati ci si trova immersi in quegli anni irripetibili di eccessi e creazione, trascinati dal vortice
intelligente e per nulla pacificante della sua energia che ci lascia, alla fine, storditi e arricchiti.
Ci resta la coscienza che, oltre la
fama, oltre la diffusione del suo segno inconfondibile, oltre i flash parassiti della cronaca mondana, Schifano è artista che ancora
dobbiamo scavare, godere, studiare.

- "La Voce Stratos" di Luciano D’Onofrio e Monica Affatato (doc., ITA, 2009 - durata 107')
“La voce
Stratos” è un completo documentario, che riproduce per la prima volta filmati di repertorio familiare di Demetrio Stratos, restituisce la
pienezza di un artista che, lo veniamo scoprendo in questi anni, è stato uno dei più grandi “musicisti della voce” del Ventesimo secolo.

Demetrio Stratos ha attraversato come una cometa luminosa la scena della musica italiana ed europea degli anni sessanta e settanta,
lasciando una traccia indelebile nei suoi fan e nelle decine di musicisti che lo hanno seguito. La sua morte inaspettata nel 1979, a soli
trentaquattro anni, lasciò un vuoto mai più colmato nel mondo della creazione artistica italiana.
Stratos è stato figura politica,
interprete di un movimento rivoltoso e fantasioso, che ha trovato il suo culmine nei concitati mesi del 1977 appena prima che tutto si
trasformasse in violenza.
Le sue canzoni, titoli come Gioia e Rivoluzione, Elefante Bianco, Luglio, agosto, settembre (nero) senza
minimamente concedere alle facili melodie della canzonetta italiana, sono diventati per una generazione inni di impegno e di vita.
Come
nessun altro vocalist ed autore di canzoni italiano, Stratos ha saputo imprimere alla sua arte (ed alla sua leggendaria vita) il senso del
tempo, la misura della storia che correva nelle strade delle città europee di quegli anni.

Direzione Artistica: Massimo Zanasi
Direzione
Organizzativa: Paola Cao
L’evento è presente anche su facebook:
http://www.facebook.com/event.php?eid=158478400844104&ref=nf

Info:

InterAzioni Project 2010
SPAZIO ARKA
via Tevere, 47 - ASSEMINI (CA)
Sardegna �“ Italia
paolacao@tiscali.it
dal 9 al 15 ottobre 2009 �“ ore 18:
00>20:00
ingresso libero - lunedì chiuso




Supera i limiti: raddoppia la velocità da 10 a 20 Mega!

Risparmia con Tutto Incluso: telefono + adsl 20 mega a soli 26,60 € al mese per un anno!

SCONTO DI 160 EURO!

http://abbonati.tiscali.it/telefono-adsl/prodotti/tc/tuttoincluso/?WT.mc_id=01fw


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl