Serata 16 giugno

D'Amico', si forma artisticamente alla scuola di Orazio Costa, per il quale

Allegati

09/giu/2005 21.19.54 Ufficio Stampa Artè Communication Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

FMR-ART’E’ presenta:
“Il mistero di Jean Cocteau”

16 giugno, Piazza S. Stefano, ore 21.30

Ingresso libero

 

Roberto Herlìtzka legge brani scelti dalle opere di Jean Cocteau (Poesie, Il mistero laico, Oppio) accompagnato al pianoforte da Giulio Giurato, che eseguirà musiche di Erik Satie.

 

 

ROBERTO HERLÌTZKA

Roberto Herlìtzka, diplomato all'Accademia d'arte drammatica `S. D'Amico', si forma artisticamente alla scuola di Orazio Costa, per il quale interpreta, fra gli altri, ruoli tormentati in Francesca da Rimini di D'Annunzio (1960), Episodi e personaggi del poema dantesco (1966) e Don Giovanni di Molière (1966). Significative anche le sue prove in spettacoli diretti da Luca Ronconi (Il candelaio di Giordano Bruno, 1968; Le mutande di C. Sternheim, 1968).

L'incisiva presenza scenica gli consente un'esplorazione profonda dei classici, guidata da registi quali A. Calenda (Come vi piace, Sogno di una notte di mezza estate, Prometeo , Senilità), L. Squarzina (Il ventaglio, Misura per misura), G. Lavia (Otello, Zio Vanja) e W. Pagliaro (un memorabile, monologante Misantropo di Molière recitato tutto da solo).

Alla scena affianca un'intensa attività cinematografica, collaborando con registi quali L. Wertmüller (Film d'amore e d'anarchia, 1973; Pasqualino settebellezze, 1975; Notte d'estate con profilo greco, 1986), N. Michalkov (Oci Ciornie, 1987), L. Comencini  (Marcellino pane e vino, 1991), R. Faenza (Marianna Ucria, 1997).

David di Donatello 2004 come migliore attore non protagonista, per la difficile e intensa interpretazione di Aldo Moro in Buongiorno, notte di Marco Bellocchio. Attore intenso e raffinato impegnato in una eccellente interpretazione del Re Lear, per la regia di Antonio Calenda. Recentemente insignito del "PREMIO GASSMAN" come migliore attore italiano dell'anno, reduce dal grande successo per l'interpretazione di un ruolo femminile in Lasciami andare madre di Lina Wertmuller.

Roberto Herlìtzka è unanimemente riconosciuto come uno tra i nostri più grandi attori.

 

GIULIO GIURATO

Giulio Giurato, dopo aver conseguito brillantemente il diploma di pianoforte a Bologna, sotto la guida di Valeria Cantoni, si è perfezionato, tra gli altri, con Jörg Demus, Sergio Perticaroli, Antonio Ballista e Boris Bekhterev.

Dal 1984 svolge un’intensa attività concertistica, sia come solista che in varie formazioni da camera, riscuotendo ovunque importanti riconoscimenti. Diverse le affermazioni e i premi conseguiti in concorsi nazionali ed internazionali tra il '77 e il '95. Dal 1999 insegna per concorso Musica da Camera nel Conservatorio di Cosenza.

Nel ‘95 si è esibito con l'Orchestra "Accademia Bizantina" al prestigioso Festival Internazionale di Lucerna e nel ’98 ha collaborato col grande chitarrista Alirio Diaz. Dal 1998 suona a quattro mani con Jörg Demus, collaborazione che ha segnato profondamente la sua musicalità. Nel 2000 ha fondato con i fratelli Noferini agli archi lo SchuberTrio, col quale ha registrato per la Tactus il doppio CD “Franz Schubert- Complete Works for Piano Trio”, riscuotendo entusiastici consensi.

 

La serata è organizzata da Paolo Alberti con il patrocinio del comune di Bologna.

 

 

Ufficio Stampa:
ART'E' Communication - Gruppo FMR-ART'E'
Via Cavour, 2 –  40055 Villanova di Castenaso (Bologna)
Tel. 051/6008971 – 975; Fax. 051/6008922
e-mail: m.nardi@artespa.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl