Comunicati stampa : "Per Angelo Fabbri".33 Artisti più Uno.

Marisa Zattini (Oratorio di San Sebastiano a Forlì, 1

Allegati

28/giu/2005 03.45.43 Carla Piro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

UN’OPERA DI MORENO BONDI DESTINATA ALLA COLLEZIONE PERMANENTE "PER ANGELO FABBRI".

Un seicentesco angelo dalle ali dischiuse, chino su una stele marmorea nel gesto di cogliere fra le mani il fluire dell’acqua -simbolo di vita: è "Accordi di luce", l’opera di Moreno Bondi destinata alla collezione permanente della Pinacoteca di Forlì che sarà esposta nella rassegna "PER ANGELO FABBRI. 33 Artisti più Uno" curata da Marisa Zattini (Oratorio di San Sebastiano a Forlì, 1 luglio-11settembre 2005).

La manifestazione, promossa nonché patrocinata dall’Assessorato Cultura ed Università del Comune di Forlì e sponsorizzata dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, è dedicata al significativo pittore forlivene, recentemente scomparso, protagonista nel 2000 della Quadriennale di Roma .

Nel ricordare Angelo Fabbri (Forlì1957-2004) insieme a MORENO BONDI si sono uniti: Gesine Arps, Dino Benucci, Adriano Bimbi, Carlo Bertocci; Paola Campidelli; Nicola Cucchiaro; Silvano D’Ambrosio; Vittorio D’Augusta; Giovanni Fabbri; Mario Fani; Stefano Gattelli; Richard Hess, Francesco Izzo; Enrico Lombardi, Miria Malandri; Angela Maltoni; Andrea Martinelli, Daniele Masini; Stefano Mercatali; Alberto Mingotti; Alves Missiroli; Marco Neri; Giorgio Ortona; Ugo Pasini; Luca Piovaccari; Velda Ponti; Massimo Pulini, Lily Salvo, Guerrino Siroli; Alfonso e Nicola Vaccari; Antonio Violetta, Velasco Vitali, con i critici Vittorio Sgarbi, Marco di Capua, Arnaldo Romani Brizzi, Bruno Mantura, rinunciando ognuno al proprio compenso quale segno di apprezzamento concreto nei confronti del collega ed amico.

L’iniziativa, che accomuna artisti differenti (legati ad Angelo Fabbri da amicizia e stima) sui temi della natura morta e della centralità della figura umana è finalizzata alla costituzione di una collezione permanente destinata alla Pinacoteca comunale.

ANTICIPAZIONI: Le imponenti tele di MORENO BONDI, dipinte ad olio (secondo la tecnica di Caravaggio, di cui è esperto conoscitore) e le sue sculture in marmo saranno protagoniste de "La caduta degli dei", a Villa La Colombaia di Luchino Visconti di Ischia, dal 5 sino al 25 agosto 2005, nell’ambito della Rassegna Ischia Colori luci e musica - 5 artisti nei pressi della pietra rossa,. Sulle tracce di Auden, Visconti e Walton organizzata dall’Associazione Ischia Prospettiva arte, dalla Fondazione Villa La Colombaia Visconti, con il supporto della Regione Campania, Provincia di Napoli, Comune di Forìo.

In Novembre (sino a gennaio 2006) Cervia aprirà i suggestivi Magazzini del Sale alla mostra: "Permutazioni Visionarie- MORENO BONDI e DANIELE MASINI -. Fra Angeli & Demoni", organizzata da "Il Vicolo" sez. Arte e curata da Marisa Zattini; promossa dal Comune di Cervia, Assessorato alla Cultura.

www.morenobondi.it
Uffiico stampa FINES
carlapiro.fines@virgilio.it
339 4047417
 
COMUNICATO STAMPA
COMUNE DI FORLÌ
Assessorato Cultura e Università
Servizio Pinacoteca e Musei
 
"PER ANGELO FABBRI" 33 Artisti più Uno

Esposizione: PER ANGELO FABBRI
Luogo: Oratorio di San Sebastiano
Piazza Guido da Montefeltro - Forlì
Inaugurazione: Venerdì 1 luglio 2005, ore 19.00
Durata: 1 luglio - 11 settembre 2005
Orario: 17.30 - 20.30 giorni feriali
10.30 - 12.30 / 17.30 - 20.30 domenica e festivi
Chiusura: tutti i lunedì - 14-15 agosto
Ingresso: gratuito
Ufficio Stampa: COMUNE DI FORLÌ - Dott. Ennio Gelosi
Tel. 0543 712317 o Fax 0543 30892
e-mail: ennio.gelosi@cofo.it
IL VICOLO Tel. 0547 21386 o Fax 0547 27479
e-mail: info@ilvicolo.com

Curatore: Marisa Zattini
Allestimento: Augusto Pompili
Catalogo: IL VICOLO - Divisione Libri
Testi critici: Vittorio Sgarbi,
Marco Di Capua, Bruno Mantura,
Arnaldo Romani Brizzi,
Rocco Ronchi, Claudio Spadoni,
Contributi: Franco Camporesi,
Giuseppe Cangini, Cesare Ricciotti,
Nevio Spadoni,
Nicola e Alfonso Vaccari

Ente promotore e patrocinante:

COMUNE DI FORLÌ
Assessorato Cultura e Università
In collaborazione con:

Associazione Culturale "ARTE
pro"
Organizzazione:

IL VICOLO - Sezione Arte
Tel. 0547 21386
Fax 0547 27479
e-mail: arte@ilvicolo.com
http://www.ilvicolo.com
Sponsor: Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì

Venerdì 1 luglio, alle ore 19, presso l¹Oratorio di San Sebastiano, si inaugura la rassegna Per Angelo Fabbri, promossa dall¹Assessorato Cultura e Università del Comune di Forlì e dall¹Associazione Culturale ARTEpro. Questa mostra, curata da Marisa Zattini, vuole essere un "omaggio" al pittore forlivese Angelo Fabbri (Forlì 1957 - 2004), recentemente scomparso, attraverso le opere di 33 artisti, legati a lui da amicizia e stima, completate da diversi contributi critici, poetici e musicali, appositamente dedicati all¹artista. Questo con la volontà di rendere permanente la memoria di una figura di spicco nel panorama dell¹arte giovanile italiana. Per questa occasione ha scritto l¹Assessore alla Cultura Gianfranco Marzocchi: "Abbiamo voluto ricordare Angelo Fabbri, uno dei più importanti pittori che la nostra città ha avuto in questi anni,e celebrarne l'opera, insieme agli amici - artisti, poeti, musicisti, critici, scrittori - che hanno condiviso con lui l¹esperienza artistica. Riteniamo sia importante rendere omaggio ad un pittore forlivese - prematuramente scomparso - oggi, a un anno dalla morte, e farlo proprio attraverso il ricordo espresso in termini artistici, che di lui hanno le persone che gli sono state vicine, alle quali ha lasciato una testimonianza indimenticabile di sé e del suo fare arte".
Le opere oggetto dell'evento andranno a costituire, alla conclusione della rassegna, una collezione permanente di estremo interesse artistico - un "corpus" sviluppato su due tematiche: quello della "natura morta" e quello della centralità della "figura umana" - che resterà di proprietà del Comune di Forlì. Tutti gli artisti invitati, pittori e scultori, individuati sulla base di rapporti di amicizia, stima e conoscenza diretta con Angelo Fabbri - Gesine Arps, Dino Benucci, Adriano Bimbi, Carlo Bertocci, Moreno Bondi, Paola Campidelli, Nicola Cucchiaro, Silvano D¹Ambrosio, Vittorio D¹Augusta, Giovanni Fabbri, Mario Fani, Stefano Gattelli, Richard Hess, Francesco Izzo, Enrico Lombardi, Miria Malandri, Angela Maltoni, Andrea Martinelli, Daniele Masini, Stefano Mercatali, Alberto Mingotti, Alves Missiroli, Marco Neri, Giorgio Ortona, Ugo Pasini, Luca Piovaccari, Velda Ponti, Massimo Pulini, Lily Salvo, Guerrino Siroli, Alfonso e Nicola Vaccari, Antonio Violetta e Velasco Vitali - hanno aderito nella piena condivisione degli obiettivi del progetto, così come i critici Vittorio Sgarbi, Marco Di Capua, Bruno Mantura, Arnaldo Romani Brizzi, Rocco Ronchi, Claudio Spadoni e i poeti, scrittori, compositori: da Giuseppe Cangini a Franco Camporesi, da Cesare Ricciotti a Nevio Spadoni fino a Nicola e Alfonso Vaccari.
Scrive la curatrice Marisa Zattini, nel suo testo in catalogo: "Angelo Fabbri, un artista, un amico perché un ricordo? Perché gli artisti hanno sempre nello sguardo e nell'anima la volontà di ritrovare l'incanto e il senso di concepire una dolce enigmatica "follia", insieme, nell'intensità della condivisione di un ideale, di un obiettivo, di una comune appartenenza. Ci si sceglie quando si hanno in comune delle ossessioni e delle virtualità che vanno al di là del tempo. [...] La pittura di Angelo Fabbri è come un affresco letterario e poetico.  Nessuna ambiguità: è un affondo nel dettaglio psichico del funzionamento del reale, in un dettato del pensiero attraverso forme di associazioni capaci di coniugare la centralità della figura umana alle magiche geometrie delle nature morte, in un equilibrio di forme che hanno sedimentato il recupero e la memoria dei grandi maestri del passato. Una pittura che è energia sempre viva, coscienza vera e pugnace, tensione per l'essenza e la verità del dipingere. Nulla di enfatico, nulla di manieristico, ma solo tensione e vibrazione. Nessuno snobismo avanguardistico, nessuna massima abusata, nessuna condivisione per "art as idea as idea" di kosuthiana memoria, perché le idee sono il contrario del pensiero, come diceva Camus]".
    
La rassegna, organizzata da IL VICOLO - Sezione Arte di Cesena, sarà corredata da un esaustivo catalogo edito per i tipi de IL VICOLO - Divisione Libri che conterrà, oltre agli interessanti saggi critici e ai contributi realizzati ad hoc per l¹evento, il repertorio fotografico delle opere oggetto della rassegna. La mostra resterà aperta al pubblico fino a domenica 11 settembre 2005.



 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl