CS_Incontro con A.Milenin al Palazzo de Liguoro_martedì 23 novembre

CS_Incontro con A.Milenin al Palazzo de Liguoro_martedì 23 novembre Martedì 23 novembre 2010 - ore 13 presso Palazzo de Liguoro via Arena Sanità 12 - Napoli Incontro con Anton Milenin In occasione della terza tappa del lavoro Re Amleto 1.3, il regista e pedagogo russo incontra la stampa e gli addetti ai lavori «Amleto: Due principi, un Principe.

21/nov/2010 18.08.25 Raffaele Catello Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Martedì 23 novembre 2010 - ore 13

 

presso Palazzo de Liguoro

via Arena Sanità 12 - Napoli

 

Incontro con Anton Milenin

In occasione della terza tappa del lavoro Re Amleto 1.3,

il regista e pedagogo russo incontra la stampa e gli addetti ai lavori

 

 

«Amleto: Due principi, un Principe.

Ivanov: ha la schiena spezzata da due sacchi di segale.

Uno anticipa il mondo nuovo, l’altro aspetta l’uomo nuovo.»

 

Terminerà il 24 novembre, dopo tredici giorni di intenso lavoro, il seminario che Anton Milenin sta tenendo a Napoli. La terza tappa della prima fase del progetto in fieri Re Amleto 1.3 che mira a mettere in scena uno spettacolo con una compagnia di attori russi e italiani.

Mercoledì 23 novembre, a partire dalle 13 presso il Palazzo de Liguoro, Milenin incontrerà la stampa, gli addetti ai lavori e gli appassionati di teatro per parlare del suo progetto che vedrà la città partenopea meta di successivi incontri e per discutere insieme di teatro, metodo, punti di vista.

 

È stata l’associazione AltArt Napoli, con le sue tre giovani fondatrici, Elena de Candia, Anna Chiara Senatore e Rosa Vetrone, insieme a Paola de Liguoro di Presicce, attuale proprietaria del Palazzo de Liguoro inaugurato lo scorso 4 novembre quale luogo di incontri interculturali finalizzato a riqualificare il quartiere della Sanità, a volere fortemente il maestro a Napoli.

 

Milenin si è detto entusiasta del lavoro che sta svolgendo con gli attori napoletani che sono divenuti per lui subito fonte ispiratrice e creativa, rintracciando una comune affinità nel concepire l’arte tra russi e partenopei: «Ho intenzione di stabilire un rapporto continuativo con la città - ha dichiarato - perché trovo ritrovo molte somiglianze tra i due popoli».

 

Durante la tappa partenopea Milenin, allievo “in linea diretta” di Stanislavskij ed esponente di spicco della nuova generazione di registi russi, sta affrontando il lavoro su l’Amleto di Shakespeare e l’Ivanov di Cechov: «Amleto: Due principi, un Principe; Ivanov: ha la schiena spezzata da due sacchi di segale. Uno anticipa il mondo nuovo, l’altro aspetta l’uomo nuovo. Allora anche l’attore che deve recitare oggi deve vedere innanzi a sé questo nuovo contenuto, e se non c’è deve crearlo, seriamente, onestamente , e davvero. Questo soprattutto è importante, perché nell’Amleto - ed in Ivanov - nessuna azione possono essere soltanto immaginate, ma ogni immaginazione deve necessariamente essere reale».
 

Ufficio stampa

 

Raffaele Catello - raffaelecatello@gmail.com - 333 38 71 968

Anna Marchitelli - marchitelli.comunicazione@gmail.com - 333 11 98 973


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl