DIDART - CAPIRE SENTIRE L'ARTE CONTEMPORANEA

progetto sulla didattica dell arte contemporanea nato allo scopo di creare una

Allegati

09/set/2005 20.04.02 Ufficio Stampa Artè Communication Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

 

 

 

DIDART

 

“CAPIRE SENTIRE L’ARTE CONTEMPORANEA”

 

Reggio Emilia, 17 Settembre 2005

un importante appuntamento con DIDART, il progetto sulla didattica dell’arte contemporanea sostenuto dall’Unione Europea - Cultura 2000, che chiude la sua seconda edizione.

 

 

                                                               COMUNICATO STAMPA

 

DIDART è un progetto sulla didattica dell’arte contemporanea nato allo scopo di creare una rete plurilingue transnazionale dove possano incontrarsi ed interagire tra loro, nel pieno rispetto di specificità e tradizioni differenti, le esperienze più significative a livello europeo in questo ambito. Capofila del progetto ART’E’, leader in Italia nel mercato dei beni e servizi culturali di alta gamma.

 

A Reggio Emilia, il 17 settembre 2005 si chiude la seconda edizione del progetto con un importante doppio appuntamento

 

 

Dalle ore 10 presso la Sala del Capitano del Popolo

seminario internazionale sulla  didattica dell’arte contemporanea con la partecipazione di numerosi ospiti internazionali, partner del progetto Didart che parleranno del rapporto tra arte e pubblico: la funzione sociale dell’arte, le strategie della comunicazione, l’esperienza di progetti didattici integrati tra scuola museo e territorio e il ruolo degli artisti nell’educazione all’arte. Interverranno Michelangelo Pistoletto e Franco Vaccai,  due artisti impegnati nella ricerca di un rinnovato rapporto tra l’arte e il pubblico.

La giornata di studi  proseguirà con la presentazione dell’esperienza del progetto DIDART edizione 2005. Relatori i protagonisti: operatori didattici, artisti, provenienti dai paesi partner europei. Il seminario si chiuderà con la proiezione del video airartarea realizzato dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna.

 

 

Ore 19, presso Officina delle Arti

inaugurazione della mostra  

Artists’ Houses ’05

Botto e Bruno, Anna de Manincor, Tellervo Kalleinen, Gintaras Karosas, Sissi, Mari Slaattelid

 

La mostra Artists’ Houses ’05 vede per la prima volta esposte insieme le sei “case d’artista” protagoniste della seconda edizione di DIDART. Le “case”  hanno viaggiato in alcuni fra i più importanti Dipartimenti Didattici dei musei d’arte contemporanea d’Europa, diventando significativi supporti didattici per laboratori con bambini e ragazzi e speciali occasioni d’incontro tra l’artista  e il pubblico.

 “La casa di Didart – scrive Cristina Francucci, curatrice del progetto - come “ricettacolo estetico”, luogo fisico e mentale che custodisce storie e visioni, supporto di una metodologia didattica che non guarda all’opera d’arte semplicemente come a un testo da leggere e decodificare, ma come al frutto di un processo creativo complesso, dove confluiscono una varietà straordinaria di suggestioni culturali. Gli oggetti  racchiusi nelle case degli artisti diventano testimoni dell’esperienza estetica che l’artista fa nel mondo, quindi gli elementi che contribuiscono alla sua formazione: letture, film, immagini, musica, ma anche cibi preferiti:  tutto vive nell’atto creativo. La casa vuole essere la metafora dell’identità dell’artista che è strettamente legata all’identità del suo lavoro. Non racchiude quindi solo la dimensione biografica ma un’ esperienza che è molteplice e plurisensoriale.”

 

Le “case d’artista” , a partire da una struttura data, uguale per tutti, sono state “allestite” da sei giovani artisti di fama internazionale: Botto e Bruno, Gintaras Karosas, Tellervo Kalleinen, Anna de Manincor, Sissi, Mari Slaattelid, che presenteranno in mostra anche una loro opera come “prolungamento” della casa da loro ideata.

 

Al termine della mostra le sei “case d’artista” rimarranno a Reggio Emilia presso il Centro di Documentazione sulla didattica dell’arte DIDART, a disposizione del pubblico, dei musei e delle istituzioni che ne volessero fare richiesta.

 

La mostra è accompagnata da un catalogo, edito dalla Giannino Stoppani di Bologna,

che raccoglie e documenta tutte le fasi del progetto DIDART edizione 2005.

 

artists’ houses ‘05

Reggio Emilia, 17 settembre 2005

 

Ore 10.00 - 13.00 / 14.30 – 18.30 Sala del Capitano del Popolo_Piazza del Monte

Seminario internazionale sulla didattica dell’arte contemporanea

 

Ore 19.00 Officina delle Arti_Via Brigata Reggio 29

Inaugurazione mostra Artists’ Houses ‘05

 

La mostra rimane aperta dal 18 settembre al 30 ottobre

tutti i giorni tranne il lunedì dalle 17.00 alle 20.00

la mattina per attività didattica su prenotazione al numero 0522-456805

 

info: Musei Civici di Reggio Emilia 0522-456477/456822

www.didart.net

info@didart.net

 

 

 

 
 
 

 
 

Didart è un progetto internazionale sulla didattica dell’arte contemporanea finanziato dall’Unione Europea- Cultura 2000, giunto quest’anno alla sua seconda edizione.

Grazie al rinnovato sostegno dell’Unione Europea, Didart si estende oggi a più partners e arricchisce di eventi e attività la sua storia.

Oltre all’ampliamento del sito www.didart.net, unico riferimento europeo sulla didattica dell’arte on-line e al consolidamento del Centro di documentazione didart sulla didattica dell’Arte di Reggio Emilia, didart edizione 2004/2005 ha promosso e realizzato eventi itineranti di didattica dell’arte, progettati e realizzati in ambito europeo, da “far vivere” sul territorio, in collaborazione con istituzioni e realtà locali. Nel progetto sono coinvolti giovani artisti e operatori didattici-culturali, impegnati nella promozione di metodologie di lavoro discusse e condivise, nella sperimentazione di supporti didattici innovativi, le “ case d’artista”: Artists houses ‘05

La “casa” si caratterizza come una sorta di “diario visivo” dell’artista, che contiene le immagini dei suoi lavori più significativi, una selezione dei riferimenti culturali e delle suggestioni che hanno influenzato e influenzano la sua poetica.

Le case d’artista, hanno viaggiato insieme agli artisti e agli operatori dei Dipartimenti didattici di musei coinvolti, diventando significativi supporti didattici per laboratori con bambini e ragazzi e speciali occasioni d’incontro tra l’artista  e il pubblico.

 

 

Partners

ART’E’ SpA – Project prime coordinator

Istituzione Galleria d'Arte Moderna, Bologna

Louisiana Museum of Modern Art, Copenaghen

Musei Civici, Reggio Emilia – Elisabetta Farioli

Azienda Speciale Palaexpo, Scuderie del Quirinale, Roma – Paola Vassalli

Museum Ludwig, Koln – Chantal Eschenfelder

MART, Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto – Sezione Didattica

Kiasma Museum of Contemporary Art, Helsinki – Tina Caven

Europos Parkas, Vilnius – Lina Karosiene

Facultat de Belles Arts, Barcelona – Carla Padro’

Accademia di Belle Arti, Bologna – Silvia Spadoni

Cooperativa Culturale Giannino Stoppani, Bologna – Silvana Sola

Scientific responsible of the project: Cristina Francucci

General coordination: Anna Caratini

Partners’ coordination: Veronica Ceruti

Administration and account coordination: Rita Tonus

Design and production: Chialab srl Bologna

 

Gli artisti

Sissi (artista selezionata dalla GAM di Bologna)

Mari Slaattelid (artista selezionata dal Louisiana Museum of Modern Art di Copenaghen)

Botto e Bruno (artisti selezionati da Palazzo delle Esposizioni di Roma)

Anna de Manincor (artista selezionata dal MART di Rovereto)

Gintaras Karosas (artista selezionato dal Museo Europosparkas di Vilnius)

Tellervo (artista selezionata dal Museo Kiasma di Helsinki)

 

www.didart.net raccoglie e diffonde tutte le attività legate al progetto DIDART

www.didart.net progettato e realizzato da chialab srl

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl