Dalle Antille a Torino: arriva Zemi

L'idolo precolombiano, il solo in cotone conservato fino ai giorni nostri, sarà in mostra dall'11 al 25 marzo presso lo storico Palazzo Birago, sede istituzionale della Camera di commercio di Torino.

10/mar/2011 12.01.39 mediaki.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

In città i 150 anni dell’Unità d’Italia sono un’occasione straordinaria per scoprire e osservare da vicino un reperto archeologico unico al mondo: lo Zemi del Museo di Antropologia. L’idolo precolombiano, il solo in cotone conservato fino ai giorni nostri, sarà in mostra dall’11 al 25 marzo presso lo storico Palazzo Birago, sede istituzionale della Camera di commercio di Torino. L’esposizione è a ingresso gratuito.

Zemi nei suoi 70 centimetri di altezza racchiude molti misteri: realizzato in fibre tessili sapientemente intrecciate, contiene alcune ossa di un cranio, intenzionalmente deformato, probabilmente di un personaggio di rilievo. Si tratta di un’eccezionale testimonianza della cultura Taíno, antica popolazione delle Antille ormai scomparsa: qui l’idolo rappresentava un elemento centrale delle cerimonie sacre e, durante i rituali sciamanici, ricopriva poteri magico – religiosi.

Esposto per la prima volta più di cinquant’anni fa e, poi, in occasione del primo centenario dell’Unità d’Italia, il reperto è stato - e continua ad essere - oggetto di attenzione da parte della comunità scientifica. La sua importanza è stata riconosciuta dal Musée du Petit Palais di Parigi, dal Bayerisches Nationalmuseum di Monaco di Baviera, dal Liverpool National Museum e dalla Princeton University Press. Nonostante i riconoscimenti, la chiusura del Museo di Antropologia di Torino lo ha costretto, a partire dagli anni Ottanta, al buio dei depositi, che Zemi ha lasciato da poco per presentarsi nuovamente al grande pubblico e agli scienziati.

Il reperto è stato recentemente sottoposto a studi scientifici non invasivi, come il laser scanner 3D; le analisi hanno fornito informazioni sulla sua struttura interna ed esterna, sullo stato di conservazione e su aspetti legati alla manifattura. Tutti dati che, con approfondimenti sulla misteriosa cultura Taíno, faranno parte dell’esposizione.

Grazie alla collaborazione con l’agenzia mediaKi (www.mediaki.it) l’evento è promosso anche attraverso un’applicazione per smart-phone: fotografando con un cellulare di ultima generazione il TAG, (simbolo colorato) che si trova sul totem di fronte a Palazzo Birago, i curiosi potranno ricevere anticipazioni sui contenuti della mostra.

L’inaugurazione dell’evento è prevista il 10 marzo alle ore 18 presso Palazzo Birago, sede istituzionale della Camera di commercio, in via Carlo Alberto 16, a Torino. In occasione della chiusura, il 25 marzo alle ore 16.00 si terrà invece la tavola rotonda “Lo Zemi racconta la cultura taína”, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi, in Via Verdi 8.

 

-----------------------

Dalle Antille a Torino: Zemi, l’idolo precolombiano del Museo di Antropologia sarà aperta tutti i giorni con ingresso gratuito dall’11 al 25 marzo, con orario 12 - 19. Per informazioni: Infopoint Camera di commercio di Torino, tel. 011 571 6407, www.to.camcom.it/zemi

fonte: www.to.camcom.it/comunicatistampa

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl