UN INEDITO DONATELLO A ROMA - PALAZZO VENEZIA 20-21 OTTOBRE 2005

UN INEDITO DONATELLO A ROMA - PALAZZO VENEZIA 20-21 OTTOBRE 2005

19/ott/2005 03.48.56 Novella Mirri Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

"UN INEDITO DONATELLO A ROMA"

eccezionalmente esposto a Palazzo Venezia




giovedì 20 ottobre dalle ore 9.00 alle 19.00

venerdì 21 ottobre dalle ore 9.00 alle 13.30




Occasione veramente unica per ammirare il bassorilievo recentemente attribuito a Donatello: giovedì 20 e venerdì 21 ottobre sarà, infatti,
eccezionalmente esposta nella Sala del Refettorio a Palazzo Venezia la "Madonna di Donatello", proveniente dall'antica tenuta Saccoccia vicino a
Roma, nei pressi di Mentana, che fu vista e riconosciuta come opera di Donatello da Federico Zeri nei primi anni Novanta.

La grande pala marmorea raffigurante la Madonna fra tredici cherubini in atto di porgere due corone (cm. 126,5 x 74,5) è stata ricondotta ad una
grande lunetta raffigurante la Triplice Incoronazione di Caterina da Siena, facente parte del monumento sepolcrale eretto intorno al 1430 in Santa
Maria Sopra Minerva a Roma, smembrato in seguito nel 1573-79.
Nella chiesa rimane oggi solo la figura della "Beata Caterina" riferibile al monumento del 1430, posta sopra un sarcofago aggiunto nel 1461.
La lunetta con l'Incoronazione di Caterina apparteneva al sepolcro del 1430 e la paternità donatelliana del bassorilievo coincide con le date del
soggiorno romano dell'artista attestato nell'Urbe nel 1430 e con maggiore continuità tra il 1432 e il 1433.

L'opera sarà esposta dal 25 novembre 2005 nell'ambito della grande mostra "Siena e Roma. Raffaello, Caravaggio e i protagonisti di un legame
antico", curata da Claudio Strinati, Soprintendente per il Polo Museale Romano e Bruno Santi, Soprintendente per il Patrimonio Storico Artistico di
Firenze, Pistoia e Prato, che si terrà a Siena presso il Complesso Museale di Santa Maria della Scala. La mostra, sponsorizzata dalla Banca Monte
Paschi di Siena, storicamente sensibile alle espressioni culturali del territorio, oltrechè radicata nella storia e nello sviluppo delle due città, attraverso
170 opere tra dipinti, disegni, stampe, sculture e documenti d'archivio, vuole ricostruire e illustrare il continuo intreccio di cultura, religione, politica e
arte che lega Siena e Roma dall'antichità al Medioevo al Rinascimento.

L'esposizione è promossa dal Comune di Siena, Santa Maria della Scala, Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Ministero per i Beni e le Attività
Culturali - Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Romano, Soprintendenza al Patrimonio storico-artistico di Siena e Grosseto -, con il Patrocinio
del Comune di Roma.

Per informazioni sulla mostra "Siena e Roma. Raffaello, Caravaggio e i protagonisti di un legame antico" è possibile consultare il sito
www.sienaeroma.it oppure contattare il numero telefonico 02/54911 attivo 24 ore su 24.


Orario: giovedì 20 ottobre ore 9.00 - 19.00; venerdì 21 ottobre ore 9.00 - 13.30
INGRESSO LIBERO
Ufficio Stampa: Novella Mirri tel. 06/6788874; cell. 335/6077971; ufficiostampa@novellamirri.191.it

Roma, 19 ottobre 2005

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl