Giotto: "il crocifisso"

Ancora, quest'oggi voglio dedicare il mio tempo e, di conseguenza, la vostra attenzione ad un'altra fondamentale opera del grandissimo Giotto.

Persone Giotto
Luoghi Florence
Argomenti music, gastronomy

08/giu/2011 14.50.55 Ferdinando Sonnessa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Ancora, quest'oggi voglio dedicare il mio tempo e, di conseguenza, la vostra attenzione ad un'altra fondamentale opera del grandissimo Giotto.

L'opera in questione prende il nome di "Crocifisso", conservata in uno dei tanti musei sparsi nel nostro "Belpaese".

Quest'opera risale al 1289-1290. Si pensa sia stata fatta in un periodo in cui Giotto era a Firenze.

E' ricorrente nell'epoca che stiamo analizzando, o meglio, era ricorrente dedicarsi a costruire crocifissi: questo crocifisso presenta però nuove peculiarità: si vuole innanzitutto, sottolineare, evidenziare l'aspetto umano di Gesù, in stato di sofferenza.

Possiamo notare la sua sofferenza, poi, da diverse cose: dal capo a penzoloni, dalle braccia estremamente sottili, che sembrano abbandonare il corpo del Cristo al suo peso; il costato, che presenta una ferita che spruzza sangue a pressione.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl