"Il compianto sul cristo morto" di Giotto: prima parte

Ancora insieme per analizzare e prendere in esame una delle tante opere conservati nei tanti musei e presentata nelle tante mostre del nostro paese, l'Italia: in questo caso si tratta nuovamente di un'opera dell'allievo del grande Cimabue, Giotto, con la sua bellissima realizzazione del "compianto sul Cristo Morto".

Persone Cimabue, Giotto
Luoghi Padua
Argomenti painting

08/giu/2011 14.55.21 Ferdinando Sonnessa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Ancora insieme per analizzare e prendere in esame una delle tante opere conservati nei tanti musei e presentata nelle tante mostre del nostro paese, l'Italia: in questo caso si tratta nuovamente di un'opera dell'allievo del grande Cimabue, Giotto, con la sua bellissima realizzazione del "compianto sul Cristo Morto".

Questa affresco è, per essere maggiormente precisi, reperibile alla Cappella degli Scrovegni, situata a sua volta nella splendida città di Padova.

Siamo di fronte ad un particolare e profondo episodio della vita di Cristo, un episodio molto ricorrente alle attenzioni degli artisti e dei pittori del tempo: in tal caso, in questa opera, Gesù si trova nelle braccia della Madonna.

Lo sfondo presenta un ambiente roccioso, che a sua volta presenta una linea di forza che porta l'attenzione nell'abbraccio fra Gesù e la Madonna.

L'ambientazione è quindi funzionale a focalizzare la parte più importante dell'opera.

Questa è la prima parte del commento di quest'opera di Giotto, vi aspetto su questo sito per scoprire (ancora) assieme questo capolavoro dell'arte italiana: alla prossima allora!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl