Kulimaro!Vivi Multiculturale! 24 giugno 2011 Catania

Il CO.P.E. riconosce, attraverso la sua quasi trentennale esperienza in Africa e America Latina, l'importanza di aprirsi alle culture dei luoghi e all'accoglienza.

Persone Adif
Luoghi Italy, Senegal, South America, Africa, Catania
Organizzazioni Afro Bougna Band
Argomenti music, composition

16/giu/2011 12.21.30 kiki Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il CO.P.E. riconosce, attraverso la sua quasi trentennale esperienza in Africa e America Latina, l'importanza di aprirsi alle culture dei luoghi e all'accoglienza. Elemento fondamentale per il successo dei suoi progetti: la commistione del know-how occidentale con i principi delle culture locali. Sperimentare significa vivere di prima mano un'esperienza e “vivere multiculturale” significa aprirsi a mille possibilità di interpretare il quotidiano, scoprendolo, così, affascinante e stimolante.

Kulimaro vuol dire “ Arcobaleno” nella lingua mandinga (Senegal)...imparare subito una parola nuova e simpatica ci sembrava il primo modo di coinvolgerci e coinvolgere tutti nello spirito della festa: quello di esperire per solidarizzare e crescere semplicemente conoscendoci.

L'invito a Kulimaro è per il 24 giugno dalle 19,30 in poi: festeggeremo una delle ricchezze che la nostra città possiede, l’essere multiculturale, testimoniandola attraverso realtà artistiche che sono nate dell'incontro di culture e lungo questa strada hanno trovato il successo: gli Afro Bougna Band, ensemble nato dall'incontro di musicisti senegalesi e catanesi che il pubblico dei concerti conosce e apprezza; la scuola di danze e teatro Adif, La Bottega dell'Arte in un saggio di danza internazionale; la scuola di danza africana Walian; un estratto di Faden Kele, spettacolo sulla realtà dei bambini soldato di Abou Touré, in questo momento in tour in Italia e il concerto-spettacolo dei Farasibà, ensemble di musica di ispirazione mandinga. Rappresentando anche il cibo un momento di incontro fra le culture, durante tutta la serata, è previsto un ristoro con menù a base riso cucinato secondo ricette mediterranee e africane, legato alla campagna di raccolta fondi e sensibilizzazione sul Diritto al Cibo: “Abbiamo riso per una cosa seria”.

All'inizio della festa il CO.P.E. presenterà la guida al consumo critico “Fà la cosa giusta” per combinare l'arte e la cultura con l'impegno sociale e civile, nel tempo sono diventati appuntamenti fissi e attesi da parte dei catanesi e il 24 giugno sarà l'opportunità di condividere l'esperienza di quest'ultimo anno e l'entusiasmo dei nuovi progetti, attenti ai temi sociali dell'ingiustizia e di un progresso che non è sostenibile.

 

Kulimaro, quindi, vuole essere l'occasione per interrompere la nostra quotidianità e vivere quella degli altri per conoscerne le differenze e scoprire che è un po' come quando si guarda l'arcobaleno: gli occhi si appassionano e l'immagine evoca scenari concilianti...come della pioggia che finalmente smette di cadere e torna il sereno...

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl