La pittura vascolare greca

Non è facile trovare mostre Napoli in fatto di arte greca e romana a mio parere.

Persone Exechias, Achille, Aiace
Luoghi Napoli
Argomenti arte, artigianato artistico, pittura

05/lug/2011 14.18.51 Ferdinando Sonnessa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Non è facile trovare mostre Napoli in fatto di arte greca e romana a mio parere.

Ed è proprio di questo che voglio andare a parlare oggi: proprio dell'arte greca, nella fattispecie della pittura vascolare.

La pittura si sviluppa fra il VII e il VI secolo a.c. e si caratterizza per il forte uso di temi figurativi. In riferimento alle tecniche di decorazione possiamo individuare due stili di puttra: a figure rosse e a figure nere.

La pittura a figure nere è realizzata attraverso l'impiego di di una particolare vernice nera che, una volta cotta, diviene lucida e  si staglia con grande contrasto sullo sfondo del vaso.

Tali decorazioni sono quindi ottenute prima della cottura, graffiando con un sottile stile la vernice nera, in modo da scoprire in negativo il colore del fondo sottostante.

Il maggior artista della tecnica a figure nere è il vasaio Exechias che ha dato vita all'opera "Achille e Aiace che giocano ai dadi".

Quì vengono rappresentati i due eroi omerici posti l'uno di fronte all'altro che stanno tenendo i dati.

[...]

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl