Comunicato stampa/ "You Google, I Yahoo: il vocabolario inglese ai tempi di internet"

07/lug/2011 11.24.52 Pleon Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

You Google, I Yahoo: il vocabolario inglese ai tempi di internet

La società di formazione linguistica goFLUENT ha analizzato l’evoluzione del vocabolario inglese nell’arco degli ultimi 5 anni. I nuovi termini di uso quotidiano sono in maggioranza hi-tech e provenienti dal mondo dell’online.

Milano, 07 Luglio 2011 – goFLUENT, filiale del Gruppo leader mondiale nell’offerta di corsi d’Inglese a distanza, ha verificato che la lingua preferita dal business si arricchisce continuamente di nuovi termini presi a prestito da ambiti tecnologici.

L’autorevole Oxford Dictionary ha introdotto già da  qualche anno termini come cloud computing e ERP, appannaggio dei tecnici. Il primo termine infatti riguarda la possibilità di gestire dati e processi in remoto, il secondo sta per enterprise resource planning,  la gestione informatica di tutte le risorse aziendali.

In tempi più recenti hanno fatto il loro ingresso il customer relationship management (CRM) e la customer experience, oltre alla business intelligence e alla business continuity, tutti termini che spesso indicano l’applicazione della tecnologia al mondo degli affari.

Sono almeno 15 i nuovi termini entrati di diritto a far parte della lingua inglese negli ultimi due anni, con ispirazione internet.

Il passaggio più significativo è quello dalla combinazione di termini esistenti a neologismi, tipicamente servizi internet entrati nel linguaggio comune.
Chi sfoglia l’Oxford o il Cambridge Dictionary si imbatte infatti in Yahoo, che oltre ad essere “una naturale esclamazione di esultanza” è anche un “noto portale e motore di ricerca”, così come Google ha dato vita a “un verbo transitivo che indica l’azione di ricercare informazioni tramite l’omonimo motore di ricerca”.

Alcuni termini hanno assunto invece un’altra prospettiva, come il planking, che indica la malsana pratica di fare una fotografia di se stessi in posizioni precarie e pericolose, per poi ospitare il tutto sui social network.
E twitter non significa più solo cinguettare, ma condividere su internet opinioni e dati.

Il grande assente? Facebook, ancora fuori dai dizionari, probabilmente per poco. Se si prova a cercarlo sui dizionari online viene proposto come termine alternativo flashback, ricordo. Chi può dubitare che la piattaforma di social network sia il più grande costruttore di ricordi dell’epoca moderna?

A proposito di goFLUENT
goFLUENT è leader mondiale nell’erogazione di soluzioni per l’apprendimento della lingua inglese a distanza che combinano eLearning e docenza madrelingua. Ogni anno goFLUENT aiuta più di 60000 professionisti e manager in più di 5000 aziende in tutto il mondo ad essere più efficienti mentre svolgono il proprio lavoro in lingua inglese. Presente in 10 Paesi con 560 dipendenti, di cui 400 docenti, e la terza più grande società di telecomunicazioni al mondo, NTT Communications, che detiene il 30% del suo capitale. In Italia dal 2005, ad oggi goFLUENT è leader assoluto nel segmento della formazione della lingua inglese via telefono ed eLearning nel mercato business.
Per approfondimenti: www.gofluent.com

Contatti per la stampa
PLEON
Veronica Bonfanti
veronica.bonfanti@pleon.com
Tel: +39 02 006 629 296
                       
goFLUENT
Antonia Serra
Communication & Partners ManagergoFLUENT Italia
aserra@gofluent.com
Tel: +39 02 33 94 91 15
Cell: +39 348 555 8068










blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl